Vi ricordate l'articolo di Socci? "Fra gli squali della speculazione ed il Dragone rosso" ?

Vi ricordate l’articolo di Socci?  “Fra gli squali della speculazione ed il Dragone rosso” ?

ebbene leggete questo pezzo estratto dall’ articolo pubblicato su  www.repubblica.it : Il premier cinese avverte che non ci sarà alcuno finanziamento a fondo perduto

bandiera Cinese - Wilkipedia

PECHINO – La Cina frena l´entusiasmo occidentale per un «soccorso giallo» sui debiti sovrani e detta le condizioni per salvare le economie di Europa e Stati Uniti. Il premier Wen Jiabao, aprendo il World Economico Forum di Dalian, ha avvertito ieri che per sperare «in una mano tesa», le potenze sviluppate «devono prima di tutto mettere ordine in casa propria». Il monito di Pechino è chiaro: il fondo sovrano cinese è pronto ad investire nei propri clienti-creditori, ma non a finanziarli a fondo perduto. Wen Jiabao ha aggiunto una clausola in più, riservata alla Ue: anticipare il riconoscimento della Cina quale economia di mercato.

L´accordo del 2001 per l´accesso alla Wto fissa l´ingresso nel 2016. La seconda potenza economica del mondo, per tutelarsi dalle accuse di dumping e protezionismo, pretende ora un anticipo e intende affrontare il dossier già il prossimo 25 ottobre, durante il vertice Cina-Ue a Tianjin. «Sarebbe un modo – ha detto – per dimostrare come un amico tratta un amico». Wen Jiabao ha confermato l´interesse cinese a «investire sempre di più» nel Vecchio Continente ma ha ammonito i leader nazionali a «muovere passi più coraggiosi e a guardare in modo strategico alle relazioni con Pechino». (…)

Niente più “oscure trame” ormai si svolge tutto alla luce del sole senza alcun dissenso se non dentro i recinti.
Il Dragone rosso comprerà l’Italia ma non è l’ipotesi peggiore.. non abbiamo voluto imporre la nostra priorità sul rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali   quando potevamo , arriverà il giorno in cui il loro standard ci sarà imposto  per “risanare” la nostra economia, dai nuovi creditori. E giacchè la favoletta dei diritti umani dopo Costa d’Avorio e Libia non la possiamo più raccontare a nessuno, prima che lo scenario cambi, ci si affretta a prendere gli ultimi posti in prima fila e ad accaparrarsi il mediterraneo (ormai è un laghetto di proprietà di UE e USA) per riprendere le economie europee che languono, se la Cina ha lasciato fare in Libia non è per nulla. (VietatoParlare.it)