Vescovo caldeo: i cattolici iracheni non torneranno indietro “guardano avanti, non indietro”

La maggior parte dei cristiani caldei non sono più in Iraq, ma in Europa (e la maggior parte in Svezia). Anche se non vogliono tornare indietro perché nella UE hanno più prospettive, c’è il problema della loro specificità culturale e religiosa.

ESLÖV, Svezia — Dopo aver sopportato la guerra e la sofferenza in Iraq, i cattolici caldei all’estero preferiscono guardare a un futuro migliore nei loro paesi adottivi piuttosto che tornare nella loro terra natale, ha affermato il vescovo Saad Sirop Hanna, visitatore apostolico per i caldei in Europa.

Parlando con Catholic News Service il 3 novembre via Zoom dal suo ufficio nella città di Södertälje, nel nord della Svezia, Hanna ha detto che mentre rispetta e comprende le chiamate fatte da Papa Francesco e dal cardinale Louis Sako di Baghdad, il patriarca cattolico caldeo, molti cristiani iracheni che sono fuggiti dalle loro case hanno messo radici in Europa e dovrebbero essere seguiti dove sono ora.

“Dalla mia esperienza personale e pastorale qui in Svezia e in altri paesi, non ho visto nessun caldeo che voglia tornare in Iraq”, ha detto Hanna.

“Se lo prendi dal punto di vista dei numeri, il 70% della comunità caldea è fuori dall’Iraq ora e solo il 30% è all’interno dell’Iraq. Quindi, la maggioranza è fuori. Dobbiamo accettare questo fatto e cercare di affrontarlo con attenzione e cercare di costruirci sopra”, ha detto.

Nominato nel 2016 a capo della comunità caldea in Europa, Hanna conosce in prima persona le sofferenze della guerra, della violenza e della persecuzione che molti cristiani iracheni hanno affrontato nel corso di diversi decenni.

Nel 2006, l’allora padre Hanna fu rapito da estremisti sconosciuti mentre tornava dalla messa. Il suo rapimento suscitò appelli diffusi in tutto il mondo, compreso da papa Benedetto XVI. Dopo aver sopportato 27 giorni di minacce e torture, fu stato rilasciato.

Ripensando alla sua straziante esperienza, Hanna ha detto a CNS che il suo rapimento gli ha dato l’opportunità “di capire che la vita è troppo breve; dobbiamo viverla completamente nella dedizione al bene che abbiamo dentro di noi e negli altri e non lasciare che il male superi la possibilità di trovare modi per vivere in pace, nell’amore e nella speranza con gli altri”.

Hanna ha affermato che ci sono circa 100.000 cattolici caldei in Europa, di cui circa 30.000 vivono in Svezia, il che la rende la più grande comunità caldea del continente.

Una delle tante sfide che devono affrontare i cristiani iracheni in Europa, ha detto, è trovare un modo per bilanciare i valori instillati nella loro comunità con i valori più secolarizzati della cultura occidentale.

“È molto difficile, soprattutto il dialogo tra le vecchie generazioni e le nuove generazioni che qui nascono. Si sentono completamente occidentalizzati e completamente diversi da noi”, ha detto. “Questa è in realtà una delle maggiori sfide che le famiglie stanno affrontando qui in Occidente”.

Hanna ha affermato che un’altra sfida è stata la mancanza di “un’identità indipendente della chiesa caldea” in Svezia e in Europa.

La comunità caldea, ha spiegato, è “considerata come una missione, quindi dobbiamo fare tutto attraverso” le diocesi locali.

Tuttavia, «in fin dei conti, abbiamo bisogno di una certa indipendenza per poter gestire le nostre cose in un modo (certo) perché comprendiamo le nostre persone, sappiamo come raggiungerle, sappiamo dialogare con loro, sappiamo come portarli in chiesa, conosciamo la storia che hanno vissuto, conosciamo i problemi che hanno avuto, conosciamo le sfide che hanno affrontato in Iraq”, ha detto.

Hanna ha detto al Catholic News Service  (CNS) che mentre è importante per la Chiesa cattolica concentrare gli sforzi sulla conservazione dei rimanenti cattolici caldei in Iraq, crede anche che la chiesa dovrebbe “prestare molta attenzione” ai cattolici iracheni all’estero, in particolare fornendo sacerdoti che possono servire le comunità in crescita.

I cristiani iracheni della diaspora, ha detto, sono spesso “dimenticati”.

“Dobbiamo prestare maggiore attenzione ai caldei” che vivono fuori dall’Iraq, ha detto. “Molti di loro sono molto felici di essere qui in questi paesi. Sono molto rispettati, curati in modi diversi e hanno il futuro davanti a sé aperto, e vogliono vivere qui. Non torneranno in Iraq. Sono sicuro di questo.”

fonte Crux Now

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.