Vertice Biden – Putin, accolto in Polonia con delusione

I paesi Baltici e la Polonia in particolare, hanno un astio spropositato per la dominazione sovietica e le tragedie connesse con il regime comunista. Questo livore è ancora presente, nonostante l’attuale amministrazione russa, non c’entri nulla con quel passato. Per cui la sconnessa (e disconnessa) reazione del governo polacco ad un timido avvicinamento di emergenza di Russia e USA, è riuscita a generato risentimento e delusione e non speranza. Ma se veramente la Polonia ora cercherà di minare la politica interna statunitense, non credo che Biden la prenderà troppo bene, visto  che anche la Germania apprezza la pur piccola distensione tra le due super – potenze, avvenuta nel vertice appena conclusosi. 

L’articolo è di Stanislav Stremidlovsky, Regnum

Varsavia ha reagito all’incontro di Ginevra tra i presidenti russo e americano Vladimir Putin e Joe Biden con rabbia e delusione. Prima di tutto, questo riguarda la coalizione di governo guidata dal Partito Legge e Giustizia (PiS), i cui funzionari hanno cercato di sminuire i risultati delle trattative tra i due leader, e politici e commentatori in pensione non hanno esitato nelle espressioni.

Una valutazione preliminare del vertice in un’intervista all’agenzia di stampa del governo polacco è stata data dal viceministro degli Esteri della Polonia Marcin Przydach, il quale ha affermato che “l’incontro non segna una svolta nei rapporti tra i due Paesi”. Il diplomatico ha osservato che la comunicazione tra Putin e Biden è avvenuta “troppo presto”, ricordando “l’escalation della potenza militare russa ai confini dell’Ucraina, che potrebbe creare un pericoloso precedente per il futuro”.

Allo stesso tempo, Varsavia, secondo lui, non si affretterà a fare valutazioni, poiché “dobbiamo ancora attendere informazioni e commenti dettagliati” e “ci consulteremo sui risultati di questo incontro direttamente con i nostri partner americani, come così come con la NATO e gli alleati dell’UE.” … Poi Pshidach ha delineato le principali tesi propagandistiche che guideranno il governo polacco: “Gli Stati Uniti sono il nostro principale alleato” e “Il presidente Biden è personalmente impegnato a confutare la divisione del mondo di Yalta, è pienamente consapevole della minacce poste dalla Russia,

regnum picture 1623915038937072 big1

Tuttavia, anche i sostenitori del partito di governo non credono a questa retorica. Si pongono la domanda: se la Polonia è un alleato degli Stati Uniti, perché Biden ha concesso al presidente polacco Andrzej Duda a Bruxelles solo quattro minuti in ascensore e Putin diverse ore? Sta diventando popolare la valutazione del presidente americano nei social network polacchi come un “vecchio stupido” che viene “ingannato da Putin”. In questa situazione, qualsiasi segnale proveniente da o relativo a Washington riceve un’attenzione sproporzionata e valutazioni inadeguate.

Ad esempio, un tweet dell’ambasciata degli Stati Uniti in Polonia che confronta la situazione dei diritti LGBT in Polonia con la situazione con l’Iran ha provocato una reazione violenta da parte di uno dei principali ideologi del diritto e della giustizia, l’eurodeputato Ryszard Legutko… In un’intervista al portale wPolityce, ha detto che anche l’ambasciatore sovietico si sarebbe vergognato per una cosa del genere. E ancora: “Siamo alleati, non servi, quindi deve esistere la regola dell’equilibrio nei rapporti tra alleati.

Se no, significa che non siamo alleati, ma siamo trattati come un territorio di conquista ideologica». Queste ultime parole suggeriscono che PiS non crede veramente nella possibilità di una partnership strategica con l’amministrazione Biden.

E la “questione LGBT” è l’ultimo di tutti i mali per il partito di governo. “Law and Justice” teme che gli Stati Uniti lasceranno l’Europa centrale e orientale e lasceranno alla discrezione di Mosca risolvere i problemi di Ucraina, Bielorussia, Stati baltici e Transcaucaso. In questo contesto, l’ex ministro degli Esteri polacco Witold Waszczykowski definisce “l’incontro con Biden una grande vittoria per Putin”. Vaschikovsky ritiene che il presidente russo, viste “le concessioni già fatte, possa considerarle una debolezza della diplomazia americana, il nuovo presidente, e pretendere di più”. Pertanto, Mosca “prenderà sicuramente una posizione dura su Transcaucaso, Ucraina e Bielorussia”.

Per la Polonia, questo è irto del fatto che la Russia potrebbe anche “iniziare a parlare della presenza americana sul cosiddetto fianco orientale della NATO, cioè negli Stati baltici, in Polonia e in Romania”. Putin “solleverà sicuramente questo problema”, anche se è difficile dire “se ora chiederà una limitazione della presenza americana”.

Secondo l’ex capo della diplomazia polacca, Washington cercherà di persuadere Mosca a sostenere la sua politica anti-cinese e “la presenza americana nella nostra regione” diventerà “una merce di scambio”. In questa situazione, PiS potrebbe, ovviamente, perseguire una politica lungimirante e andare a scongelare il riscaldamento con la Russia. Ma per ora si profila un altro scenario.

Nel circuito esterno Varsavia cercherà di trovare avversari dell’amministrazione Biden negli Stati Uniti, in primis nel Congresso americano. Potrebbero essere repubblicani, ideologicamente contrari ai democratici, e probabilmente alcuni democratici, il cui sostegno al partito di governo polacco è dettato da interessi commerciali. Inoltre, Law and Justice sta diventando più attivo nell’Unione europea.

Così, oggi, 17 giugno, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki durante una videoconferenza con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel durante una discussione sulle relazioni UE-Russia farà pressioni per “una maggiore assertività” contro Mosca e il rafforzamento della “cooperazione con la società civile russa e i paesi del vicinato orientale.” … Il problema qui per Varsavia è che gli stessi americani non lo perdoneranno per aver interferito nella politica americana

E nell’Ue le iniziative polacche saranno frenate dai tedeschi. Dopo l’incontro Putin-Biden, il sito web della fazione parlamentare CDU/CSU ha pubblicato una dichiarazione del vicepresidente del gruppo, Johann Vadeful, che ha definito il vertice “aprire la porta a un nuovo dialogo” e ha osservato: “Biden mostra anche che è serio riguardo a una stretta collaborazione con l’Europa, perché gli impulsi positivi nella cooperazione USA-Russia hanno un impatto positivo diretto sulla sicurezza dell’Europa “.

Alla luce di questi fattori, l’attuale politica del PiS provocherà, inconsapevolmente, solo un aumento dell’antiamericanismo in Polonia e la delusione per il comportamento di Washington, che non vuole essere all’altezza delle aspettative di Varsavia. In una situazione del genere, gli Stati Uniti possono permettersi di alzare le spalle perplessi. Ma l’UE dovrà fare qualcosa con il partito polacco al governo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.