Valori europei secondo la von der Leyen: green, digitale, amare chi si vuole e strumento militare orientato a l’indo pacifico e l’Africa

La presidente della UE espone il piano UE "next generation" pieno di propositi inappellabili, vaghi, costosi, aggressivi e illiberali in una unione in cui gli stati membri che dissentono, sono discriminati e minacciati di sanzioni

Nel discorso sullo stato dell’Unione europea “Rafforzare l’anima della nostra Unione”, pronunciato il 15 settembre dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, le azioni per portare a una più stretta integrazione, si distinguono soprattutto nella costruzione di un’unione della salute, della difesa e di una nuova sovrastruttura di intelligence. Inoltre,  L’UE è orientata verso la regione dell’Indo-Pacifico e intende partecipare attivamente – anche senza gli Stati Uniti o l’ONU – alle operazioni militari al di fuori dell’Europa.

Nel quadro dei presupposti ideologici di “integrazione approfondita” annunciati da von der Leyen, nell’UE entrerebbe in vigore anche uno stretto controllo sulla politica migratoria comune. Verrà creato un sistema per la produzione di semiconduttori, nonché una legge sulla lotta alla violenza contro le donne, una politica migratoria comune e nuovi regolamenti sulla libertà dei media.

In vista dei rapidi cambiamenti globali nell'”era dell’ipercompetizione”, in cui anche gli stati più piccoli, così come gli attori non statali, hanno acquisito enormi opportunità di influenzare le politiche di altri paesi, Bruxelles vuole rimanere competitiva approfondendo l’integrazione. L’anno prossimo sono in programma una serie di eventi che coinvolgeranno i giovani in cui sarà articolato come rendere l’UE più forte. Dopodiché, la Commissione europea passerà all’attuazione di queste idee.

Miliardi di dosi del vaccino sono una priorità per l’UE

Von der Leyen ha elogiato i risultati dello scorso anno nella lotta alla “pandemia” e al “cambiamento climatico”, come espresso dall’iniziativa Next Generation EU e dal Green Deal europeo. Il capo della Commissione europea ha assicurato che “contrariamente a tutte le critiche, l’Europa è oggi in prima linea”, come è espresso dall’ “oltre il 70 per cento dei adulti completamente vaccinati”.

Abbiamo consegnato oltre 700 milioni di dosi alla popolazione europea e ne abbiamo somministrate oltre 700 milioni in più a più di 130 paesi in tutto il mondo – ha affermato, aggiungendo che “la priorità principale e immediata è aumentare il tasso di vaccinazione in tutto il mondoperché “è una delle questioni geopolitiche più importanti del nostro tempo”. – Il ‘Team Europeo’ investe un miliardo di euro per aumentare la capacità di produzione di vaccini mRNA in Africa. Ci siamo già impegnati a rendere disponibili 250 milioni di dosi. Posso annunciare oggi che la Commissione aggiungerà una nuova donazione di 200 milioni di dosi entro la metà del prossimo anno. È un investimento nella solidarietà – ma anche nella salute nel mondo – ha sostenuto.

La priorità della Commissione europea è eliminare le differenze nel livello di “vaccinazione” in Europa. Per questo motivo sono state “assicurate” 1,8 miliardi di dosi aggiuntive. – Sono sufficienti per noi, ma anche per i nostri vicini, quando saranno necessarie dosi rafforzanti. Facciamo tutto il possibile per garantire che questa pandemia non diventi una pandemia non vaccinata , ha aggiunto.

La crisi innescata dal pretesto dell’epidemia di coronavirus ha contribuito ad accelerare la creazione della cosiddetta unione sanitaria. Il primo passo verso questo è l’istituzione di un nuovo ufficio HERA [l’Autorità europea per e emergenze sanitarie]  all’interno della Commissione europea, che deve aiutare in “una risposta più tempestiva e migliore alle future minacce per la salute”. Alla fine, gli esperti di questo organismo decideranno anche sull’introduzione diffusa dell’aborto come elemento di “assistenza sanitaria di base”.

Il presidente della Commissione europea stima che la ricostruzione dopo l’attuale crisi avverrà a ritmi serrati. – La differenza è enorme: prima ci volevano 8 anni perché il PIL dell’area euro tornasse ai livelli pre-crisi. Questa volta, ci aspettiamo che 19 paesi tornino alla loro situazione pre-pandemia quest’anno, e il resto poco dopo. Nell’ultimo trimestre la crescita nell’area dell’euro è stata superiore a quella di Stati Uniti e Cina. Tuttavia, questo è solo l’inizio. L’esperienza della crisi finanziaria dovrebbe essere un monito: poi l’Europa ha dichiarato vittoria troppo presto e l’abbiamo pagata. Non ripeteremo questo errore – ha avvertito un funzionario dell’UE.

Inoltre, l’UE investirà nelle infrastrutture 5G e in fibra e nelle competenze digitali. Il dibattito sulla revisione della governance economica riprenderà nelle prossime settimane. La Commissione Europea (CE) vuole affrontare l’impatto della crisi sull’economia: dall’aumento del debito, attraverso l’impatto diversificato sui vari settori, ai nuovi metodi di lavoro. Gli eurocrati intendono affrontare la riforma della governance entro il 2023.

Tutto questo per contribuire alla costruzione della “sovranità tecnologica europea”. La maggior parte delle attività, infatti, sarà orientata alla trasformazione digitale. Questo obiettivo è stanziare il 20% dei fondi per gli investimenti pianificati dell’UE.

Tuttavia, come sostiene Ursula von der Leyen, “senza microchip, non c’è digitalizzazione”, e a causa della loro mancanza, “intere linee di produzione stanno attualmente funzionando a un ritmo più lento, nonostante la crescente domanda, a causa della carenza di semiconduttori .” – Mentre la domanda mondiale è esplosa, la quota europea dell’intera catena del valore, dalla progettazione alla capacità di produzione, è diminuita. Dipendiamo dai moderni microchip prodotti in Asia. Quindi non è solo una questione di competitività. È una questione della nostra sovranità tecnologica. Dedichiamo quindi tutta la nostra attenzione a questa questione , ha fatto appello.

“Giustizia sociale”, clima e… nuove tasse

La CE deve anche attuare il cosiddetto pilastro europeo dei diritti sociali. Comprenderà una nuova strategia nel campo dei servizi sanitari in modo che “ognuno riceva le migliori cure possibili e possa raggiungere un equilibrio nella vita”. Tuttavia, non ci sono dubbi! – “La giustizia sociale non è solo una questione di tempo, ma anche di equa tassazione”. – Proporremo un progetto di atto giuridico rivolto a società fittizie e profitti nascosti attraverso di esse. Faremo inoltre ogni sforzo per garantire l’approvazione dello storico accordo globale sull’aliquota minima per le imprese, ha promesso il presidente della Commissione europea.

Significa anche implementare nuove tasse che andranno a costituire le nuove “risorse proprie della CE”. Ci sarà un nuovo programma per i giovani – ALMA, e il prossimo anno sarà dichiarato l’anno della gioventù europea.

La CE è anche determinata ad attuare la politica climatica e ha promesso di aumentare il proprio contributo al fondo per il clima delle Nazioni Unite, che finanzierà la decarbonizzazione nei luoghi “meno sviluppati e più vulnerabili”, come il Messico e Parigi. – a cui il mondo ha promesso 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2025. Teniamo fede al nostro impegno. Team Europe contribuisce con 25 miliardi di dollari all’anno. Altri attori, tuttavia, lasciano ancora un vuoto per raggiungimento dell’obiettivo globale. Colmare questo divario aumenterà le possibilità di successo a Glasgow. Oggi vorrei annunciare che l’Europa è pronta a fare di più. Proporremo ora altri 4 miliardi di euro per finanziare l’azione per il clima fino al 2027. Ci aspettiamo, tuttavia, che anche gli Stati Uniti e i nostri partner rafforzino il loro impegno, ha affermato von der Leyen.

L’esercito dell’Unione Europea

Il problema dell’ottenimento di fondi per gli investimenti in decarbonizzazione è uno dei motivi del fallimento dei negoziati sul clima con i Paesi extra UE. Von der Leyen ha osservato che in “una nuova era di ipercompetitività (…) in cui alcuni non esiteranno nella lotta per l’influenza: dai vaccini promettenti e prestiti ad alto interesse ai missili e alla disinformazione”, i paesi europei hanno urgente bisogno di creare il proprio esercito, che sarà in grado di stazionare e rispondere nell’Indo-Pacifico o in Africa.

Il capo della Commissione europea ha deplorato la “brusca fine della missione in Afghanistan”. La Commissione europea sta attualmente lavorando con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg su una nuova dichiarazione congiunta UE-NATO da presentare entro la fine dell’anno.

– L’Europa può – e sicuramente dovrebbe – essere in grado e disposta a fare di più da sola. Tuttavia, se vogliamo fare di più, dobbiamo prima spiegare perché. Vedo tre grandi categorie. In primo luogo, dobbiamo garantire la stabilità nel nostro vicinato e in varie altre regioni (…) In secondo luogo, la natura delle minacce che affrontiamo sta cambiando rapidamente: da attacchi ibridi o cibernetici a una corsa agli armamenti sempre più veloce nello spazio. Le tecnologie rivoluzionarie hanno ora eguagliato rapidamente l’uso della forza da parte di stati canaglia o gruppi non statali. Non ci vuole più un esercito o razzi per infliggere danni ingenti. Basta un laptop per paralizzare il funzionamento di impianti industriali, amministrazioni comunali o ospedali. Puoi interrompere l’intero processo elettorale con il tuo smartphone e la connessione Internet. La terza ragione è che che l’Unione europea è un unico garante di sicurezza. Ci saranno missioni dove la NATO o l’ONU non saranno presenti, ma dove dovrebbe esserci l’UE… ha valutato.

– Siamo in grado di combinare risorse militari e civili, nonché diplomazia e aiuti allo sviluppo – e abbiamo una lunga tradizione nella costruzione e nel mantenimento della pace. La buona notizia è che abbiamo iniziato a sviluppare l’ecosistema di difesa europeo negli ultimi anni. Tuttavia, ciò di cui abbiamo bisogno è l’Unione europea della difesa. C’è stato molto dibattito sulle forze di spedizione nelle ultime settimane. Di che tipo e di quante forze abbiamo bisogno: gruppi tattici o servizi di primo intervento dell’UE. Questo fa indubbiamente parte del dibattito e credo che sarà parte della soluzione. Tuttavia, la domanda più fondamentale è perché questo non ha funzionato bene in passato. Potresti avere le forze armate più avanzate del mondo, ma se non siamo mai pronti a usarle, quanto valgono? – ha chiesto il capo della Commissione europea e l’ex ministro della Difesa tedesco. “Finora non ci sono mancate solo le opportunità, ma anche la volontà politica. Tuttavia, se elaboriamo questa volontà politica, possiamo fare molto a livello Ue”, ha aggiunto.

Von der Leyen ha sottolineato che le basi per il processo decisionale collettivo devono essere “costruite”. Questo necessita di aver consapevolezza della situazione. In pratica si tratta di coordinare le attività di intelligence, costruendo una piattaforma di intelligence che raccolga tutti i dati “da tutti i servizi e da tutte le fonti. Dallo spazio agli istruttori di polizia, dall’open source alle agenzie di sviluppo”. Il nuovo Joint Situational Awareness Center raccoglierà e combinerà tutte le informazioni.

Successivamente, sarebbe necessario “migliorare l’interoperabilità”. – Ecco perché stiamo già investendo in piattaforme europee comuni, dai caccia ai droni e alla difesa informatica. Tuttavia, dobbiamo continuare a cercare nuovi modi per sfruttare tutte le possibili sinergie. Ad esempio, potremmo considerare un’esenzione IVA per l’acquisto di attrezzature per la difesa sviluppate e prodotte in Europa. Ciò non solo aumenterebbe la nostra interoperabilità, ma ridurrebbe anche la nostra attuale dipendenza. Inoltre, sarà necessario consolidare gli sforzi verso la “leadership della sicurezza informatica” e attuare nuove leggi sulla sicurezza informatica.

Nell’ambito della costruzione dell'”unione della difesa”, è stato annunciato che il presidente Macron e la Commissione europea avrebbero convocato un vertice dedicato alla difesa europea durante la presidenza francese. – È giunto il momento per l’Europa di salire a un livello più alto. In un mondo sempre più conflittuale, proteggere i propri interessi non significa solo difendere se stessi. Piuttosto, richiede la costruzione di partnership forti e affidabili. Non è un lusso, ma una necessità se ci preoccupiamo della stabilità, della sicurezza e della prosperità nei prossimi anni, ha affermato.

Il Commissario ha menzionato una più stretta cooperazione con gli Stati Uniti. – Insieme agli Stati Uniti, svilupperemo una nuova agenda transatlantica per il cambiamento globale, dall’istituzione del Consiglio per il commercio e la tecnologia alle questioni di sicurezza sanitaria e sviluppo sostenibile, ha affermato.

Balcani, Asia, Africa e questioni migratorie

Ha inoltre attribuito grande importanza all’inclusione dei paesi dei Balcani occidentali nell’UE, nonché alla nuova strategia dell’UE e dell’Indo-Pacifico, che “riflette non solo la crescente importanza della regione per la nostra prosperità e sicurezza, ma anche il fatto che i regimi autocratici lo usino per espandere la loro influenza, ” – L’Europa ha bisogno di aumentare la sua presenza e attività in questa regione. Lavoreremo quindi insieme per rafforzare i legami commerciali, rafforzare le catene di approvvigionamento globali e lanciare nuovi progetti di investimento verdi e digitali. Questa è una ricetta per l’Europa per trasformare il suo modello operativo per creare connessioni globali.

L’UE, come altri paesi influenti, vuole competere per l’influenza e diventare un’alternativa al dominio cinese, offrendo partnership all’interno del Global Gateway e investendo in infrastrutture in Asia e Africa. – Investiremo insieme all’Africa per creare un mercato per l’idrogeno verde che colleghi le due sponde del Mar Mediterraneo. Perché questo abbia successo, dobbiamo agire come la Squadra d’Europa. Collegheremo le istituzioni con gli investimenti e le banche con la comunità imprenditoriale. Questa sarà una priorità per i vertici regionali, a partire dal vertice UE-Africa previsto per febbraio, ha annunciato.

Ha inoltre promesso di vietare l’ingresso nel mercato dell’UE di prodotti derivanti dal lavoro forzato. Ha condannato l’attacco ibrido degli Stati baltici e della Polonia, sottolineando la necessità di adottare regolamenti comuni in materia di gestione delle migrazioni. – Il nuovo patto su migrazione e asilo ci offre tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno per affrontare ogni tipo di situazione. È un sistema completo: equilibrato, umano e adattato alle esigenze di tutti i paesi, in tutte le circostanze. Sappiamo che un accordo è possibile , ha dichiarato.

“Libertà di amare chi vuoi” e altri “valori” dell’Unione Europea

Il capo della Commissione europea ha citato la democrazia e i valori comuni che “derivano dal patrimonio culturale, religioso e umanistico europeo” e “fanno parte della nostra anima, costituiscono ciò che siamo oggi”.

Questi valori sono ora sanciti nei nostri trattati europei. E tutti ci siamo impegnati a rispettarli quando, come Stati liberi e sovrani, siamo entrati a far parte di questa Unione». – Siamo determinati a difendere questi valori. La nostra determinazione non svanirà mai. Questi valori sono garantiti dal nostro ordinamento giuridico e dalle sentenze della Corte di Giustizia Europea. Queste sentenze sono vincolanti. E ci assicuriamo che vengano eseguiti. In ogni Stato membro dell’Unione. La protezione dello stato di diritto non è solo un nobile obiettivo, ma anche un duro lavoro e una costante ricerca del miglioramento – ha affermato von der Leyen.

Ha aggiunto che “dal 2022, i rapporti sullo stato di diritto conterranno inoltre raccomandazioni specifiche agli Stati membri. (…) Quando difendiamo i nostri valori, difendiamo la libertà. Libertà di essere se stessi, libertà di dire ciò che si pensa, libertà di amare chi si vuole”.

Entro la fine di quest’anno, la CE proporrà una nuova legge per combattere la violenza contro le donne, dalla prevenzione alla protezione delle vittime e al perseguimento efficace dei crimini, sia online che offline. Si occuperà anche della libertà dei media. Il regolamento su questo tema dovrebbe essere previsto per l’anno prossimo.

Fonte: ec.europa.eu.

Exit mobile version