USA pronti a sparare all’esercito siriano ed ai russi se si avvicinano ai campi petroliferi siriani

Il Pentagono sostiene che le forze statunitensi possono sparare a qualsiasi funzionario del governo siriano che tenti di prendere il controllo del petrolio siriano

di Andrea Germanos

La foto di apertura mostra soldati siriani che si stanno schierando nell’area ricca di petrolio della campagna di Qamishli, nella provincia nord-orientale di Hasakah, in Siria, il 5 novembre 2019. L’esercito siriano martedì si è schierato in nuove aree ricche di giacimenti petroliferi nelle campagne della provincia di Hasakah in Siria nord-orientale, gli ultimi progressi nello schieramento complessivo dell’esercito siriano nelle aree detenute dai curdi vicino al confine con la Turchia.

Funzionari del Pentagono hanno affermato giovedì scorso l’autorità militare americana sui giacimenti petroliferi siriani perché le forze statunitensi agirebbero con l’obiettivo di “proteggere gli americani dall’attività terroristica“. A domanda gli stessi hanno risposto che le forze statunitensi in Siria avrebbero il diritto di sparare a un ipotetico rappresentante del governo siriano se questi tentasse di riprendere “il controllo risorsa dei cittadini siriani”.

Questi commenti sono stati fatti dal portavoce del Pentagono Jonathan Hoffman e dal contrammiraglio della Marina William D. Byrne Jr. durante un  conferenza stampa in cui i due rappresentanti hanno ricevuto dai giornalisti ripetute domande sulla base legale che gli Stati Uniti stanno utilizzando per sostenere di controllare legalmente i giacimenti petroliferi siriani.

Il briefing è arrivato meno di due settimane dopo che il segretario alla Difesa Mark Esper aveva dichiarato : “Questa è la nostra missione, assicurare i campi petroliferi” nell’area di Deir ez-Zor, nella Siria orientale. I commenti del presidente Donald Trump prima e dopo questa osservazione sono stati: “Proteggeremo [il petrolio] e decideremo cosa ne faremo in futuro” e “Il petrolio … può aiutarci, perché dovremmo essere in grado di prenderne alcuni “.

Queste parole di Trump sono stati colte da critici che hanno affermato che Trump stava suggerendo di violare il diritto internazionale saccheggiando le risorse di un altro paese e dicendo apertamente che gli Stati Uniti stavano portando avanti la guerra per il petrolio.

Hoffman, nei suoi commenti di giovedì, ha dato un messaggio diverso: “le entrate da questo non andranno negli Stati Uniti. Esse andranno all’SDF”, riferendosi alle forze democratiche siriane guidate dai curdi e alleate negli Stati Uniti, che stanno combattendo contro l’ISIS . Byrne ha affermato che gli Stati Uniti hanno condotto la missione per il controllo del giacimento di petrolio insieme a SDF e che l’obiettivo era impedire all’ISIS di ottenere le entrate petrolifere.

Ma, come ha sottolineato un giornalista, i combattenti dell’ISIS “non hanno carri armati. Non hanno aerei”.

“Hanno la capacità di cogliere effettivamente i campi petroliferi?” ha chiesto il giornalista. “E non si tratta davvero di difendere dalla Russia e dalla Siria che vogliono impadronirsi di quei campi petroliferi?”

Hoffman a questa domanda ha risposto che l’obiettivo è quello di “prevenire la rinascita” dell’ISIS che sarebbe stato facilitata se il gruppo terroristico avesse avuto accesso alle entrate petrolifere.

Quando i funzionari del Pentagono sono stati di nuovo pressati dai giornalisti che hanno chiesto ulteriori chiarimenti sul fatto che   “le truppe statunitensi hanno l’autorizzazione … a sparare se un rappresentante del governo siriano  che viene nei … campi petroliferi e dice: ‘Sono qui per prendere la proprietà di questi campi petroliferi'”.  Byrne ha dichiarato: “i nostri comandanti mantengono sempre il diritto e l’obbligo di autodifesa di fronte a un atto ostile o un dimostrato intento ostile”.

I giornalisti hanno ricordato ai funzionari che “il governo siriano è ancora, basato sul diritto internazionale … [il] governo legittimo è riconosciuto”. Hoffman ha detto: “Tutti nella regione sanno dove si trovano le forze americane. Siamo molto chiari con chiunque nella regione stia lavorando per espellere le nostre forze. Se qualcuno mostra intenzioni ostili alle nostre forze  i nostri comandanti manterranno il diritto di autodifesa “.

Hoffman in seguito ha detto che la missione sul giacimento petrolifero non poteva essere separata dalla lotta per sconfiggere l’ISIS. Le operazioni in “Siria vengono condotte sotto le autorità del comandante in capo per quanto riguarda la protezione degli americani dalle attività terroristiche”.

Pressato di nuovo da un giornalista sulla “base legale che consente all’esercito degli Stati Uniti di prendere e controllare le risorse naturali all’interno dei confini di un altro paese“, ha risposto Hoffman: “La base giuridica per questo rientra tra quelle che il comandante in capo autorità può ordinare nell’ambito della lotta al terrorismo contro l’ISIS. Capisco il tuo punto quando cerchi di separare la questione ISIS dalla questione Siria, ma non è una questione disaccoppiata. ”

Successivamente un giornalista ha chiesto a Hoffman se “il presidente Trump [ha] l’autorità legale per impadronirsi di questi giacimenti di petrolio o gli Stati Uniti stanno rubando il petrolio?”

Hoffman ha ribadito la sua posizione secondo cui le operazioni fanno parte dello sforzo per sconfiggere i terroristi e fermare “L’ISIS dall’ottenere i giacimenti petroliferi. E’ uno sforzo per impedire loro di ottenere entrate in modo da poter finanziare le loro operazioni terroristiche a livello globale”.

Il funzionario del Pentagono ha inoltre negato che missione per controllare i giacimenti petroliferi fosse nuova. “Giusto per essere chiari, siamo stati in quest’area con la stessa missione di impedire all’ISIS di ottenere quei giacimenti petroliferi negli ultimi quattro anni. Questa non è una nuova missione. Tutti sembrano credere che sia cambiata. Ma non è così. “

Le forze statunitensi potrebbero anche continuare con questo sforzo per gli anni a venire, ha continuato Hoffman.

Ed ha così concluso: “Siamo impegnati  [ nella sconfitta dell’ISIS] e ci impegniamo a rimanere nella regione”. Siamo impegnati in questo momento particolare con le nostre truppe in Siria in un modo che questo  ci aiuti a continuare la missione contro ISIS fintanto che lo riteniamo necessario”.

JOIN THE DISCUSSION