USA: le forze USA hanno oltre 1,3 milioni di uomini in servizio, con oltre 200.000 di loro di stanza all’estero

Torna a casa, America: smetti di sorvegliare il globo e poni fine alle guerre senza fine

Promettiamo che non manderemo mai più il prezioso sangue giovane di questo paese a morire cercando di sostenere una dittatura militare corrotta all’estero. Questo è anche il momento di abbandonare l’eccessiva preoccupazione oltreoceano alla ricostruzione della nostra stessa nazione. L’America deve essere ritornare ad avere un ruolo adeguato nel mondo. Ma possiamo farlo solo attraverso il recupero della fiducia in noi stessi…. insieme chiameremo l’ l’America a casa  proprio per gli ideali che ci hanno guidato fin dall’inizio. Dalla segretezza e dall’inganno in luoghi elevati; vieni a casa, America. Dalle spese militari così dispendiose che indeboliscono la nostra nazione; vieni a casa, in America. ”- George S. McGovern, ex senatore e candidato alla presidenza

8 gennaio – DI JOHN W. WHITEHEAD – fonte American Herald Tribune

Concordo con tutto il cuore con George S. McGovern, ex senatore e candidato presidenziale che si è opposto alla guerra del Vietnam, su una cosa: sono stufo di vecchi che sognano guerre in cui morire giovani.

È tempo di riportare a casa le nostre truppe.

Portali a casa da Somalia, Afghanistan, Iraq e Siria. Portali a casa dalla Germania, dalla Corea del Sud e dal Giappone. Portali a casa  dall’Arabia Saudita, dalla Giordania e dall’Oman . Portali a casa da Niger, Ciad e Mali. Portali a casa dalla Turchia, dalle Filippine e dall’Australia settentrionale.

Non è quello che succederà, ovviamente.

Secondo quanto riferito, le forze armate statunitensi hanno oltre  1,3 milioni di  uomini e donne in servizio attivo, con  oltre 200.000 di loro di stanza all’estero  in quasi tutti i paesi del mondo. Quei numeri sono probabilmente significativamente più alti in linea con la politica del Pentagono di non rivelare completamente dove e quante truppe sono schierate per motivi di ” sicurezza operativa e negando al nemico alcun vantaggio “. esso, probabilmente gli Stati Uniti hanno  più basi in terre straniere rispetto a qualsiasi altra gente, nazione o impero nella storia . ”

Non cadete nella propaganda, però: le forze militari americane non vengono dispiegate all’estero per proteggere le nostre libertà qui a casa. Piuttosto, vengono utilizzati per proteggere i giacimenti petroliferi, costruire infrastrutture straniere e proteggere gli interessi finanziari dell’élite aziendale. In effetti, l’esercito degli Stati Uniti spende circa  81 miliardi di dollari all’anno solo per proteggere le forniture di petrolio in tutto il mondo .

La portata  dell’impero militare americano  comprende quasi  800 basi in ben 160 paesi , gestiti ad un costo di oltre $ 156 miliardi all’anno. Come riporta Vine, “Anche le stazioni militari statunitensi e le aree ricreative in luoghi come le Alpi Bavaresi e Seoul, Corea del Sud, sono basi di questo tipo. In tutto il mondo,  l’esercito gestisce oltre 170 campi da golf . ”

Ecco come un impero militare occupa il globo.

Già, i militari americani vengono impiegati in luoghi remoti in Medio Oriente e altrove in previsione del  suono dei tamburi di guerra sull’Iran .

Questa crisi iraniana,  sopravvissuta dai neocon da prima della guerra in Iraq  e prodotta dai falchi di guerra che vogliono iniziare la prossima guerra mondiale, è arrivata da molto tempo.

Donald Trump, Barack Obama, George W. Bush, Bill Clinton: tutti hanno fatto la loro parte per garantire che il complesso industriale militare possa continuare a diventare ricco a spese dei contribuenti.

Prendi il presidente Trump, per esempio.

Nonostante le numerose promesse della campagna per fermare le “guerre senza fine” americane, una volta elette, Trump ha fatto un completo confronto, schierando un numero maggiore di truppe in Medio Oriente, aumentando la retorica di guerra e riempiendo le tasche degli appaltatori della difesa. In effetti, Trump sta persino  rifiutando di ritirare le truppe statunitensi dall’Iraq  di fronte a una richiesta del governo iracheno di lasciarci.

Obama non è stato diverso: ha anche promesso, se eletto, di  portare le truppe a casa dall’Iraq e dall’Afghanistan e ridurre l’impronta militare sovradimensionata e eccessivamente costosa dell’America  nel mondo. Certo, non è successo.

Tuttavia, mentre la logica può continuare a cambiare per il motivo per cui  le forze militari americane stanno sorvegliando il globo , queste guerre all’estero (in Iraq, Afghanistan, Pakistan, Siria, Yemen e ora Iran) non stanno rendendo l’America – o il resto del mondo – più sicura , di certo non stanno facendo di nuovo grande l’America e stanno innegabilmente scavando nel debito degli Stati Uniti.

La spesa bellica sta mandando in bancarotta l’America.

Sebbene gli Stati Uniti rappresentino solo il 5% della popolazione mondiale, l’America vanta quasi il  50% della spesa militare totale del mondo , spendendo di  più  in campo militare rispetto alle successive 19 maggiori nazioni di spesa messe insieme.

In effetti, il  Pentagono spende di più in guerra di tutti i 50 stati che combinano la  spesa per la salute, l’istruzione, il benessere e la sicurezza.

Il complesso militare-industriale americano ha eretto un impero insuperabile nella storia per ampiezza e portata, uno dedicato alla conduzione di una guerra perpetua in tutta la terra.

Dal 2001, il governo degli Stati Uniti ha speso più di  $ 4,7 trilioni di dollari per condurre le sue guerre senza fine .

Essendo stato cooptato da avidi appaltatori della difesa, politici corrotti e funzionari governativi incompetenti, l’impero militare in espansione d’America sta facendo sanguinare il paese a un ritmo di oltre  32 milioni di dollari  l’ora .

In effetti, il governo americano ha  speso più denaro ogni cinque secondi in Iraq  rispetto alla media americana guadagnata in un anno.

Le guerre future e le esercitazioni militari condotte in tutto il mondo dovrebbero  spingere il conto totale verso l’alto di $ 12 trilioni entro il 2053 .

Parlare di fiscalmente irresponsabile: il governo degli Stati Uniti sta spendendo denaro che non ha in un impero militare che non può permettersi.

Come afferma la giornalista investigativa Uri Friedman, da oltre 15 anni gli Stati Uniti  combattono il terrorismo con una carta di credito , “essenzialmente finanziando le guerre con debito, sotto forma di acquisti di buoni del Tesoro USA da entità con sede negli Stati Uniti come fondi pensione e governi statali e locali e da paesi come Cina e Giappone. ”

La guerra non è economica, ma diventa scandalosamente costosa quando si tiene conto  dell’incompetenza del governo, della frode e degli avidi appaltatori . In effetti, una delle principali società di contabilità ha concluso che una delle più grandi agenzie del Pentagono ” non è in grado di sostenere spese per centinaia di milioni di dollari” .

Sfortunatamente, le prospettive non sono molto migliori per le spese che possono essere monitorate.

Un audit del governo ha rilevato che l’appaltatore della difesa Boeing ha massicciamente  sovraccaricato i contribuenti  per parti banali, con il risultato di decine di milioni di dollari in spese eccessive. Come rilevato dal rapporto, il  contribuente americano ha pagato :

 $ 71 per un perno di metallo che dovrebbe costare solo 4 centesimi; $ 644,75 per una piccola marcia più piccola di un centesimo che vende per $ 12,51: ciò corrisponde ad  un aumento del prezzo del 5,100 per cento. $ 1.678,61 per un’altra piccola parte, anche più piccola di un centesimo, che avrebbe potuto essere acquistato all’interno del DoD per $ 7,71: un aumento del 21.000 percento. $ 71,01 per un perno metallico diritto e sottile che DoD aveva a portata di mano, non utilizzato indecine di migliaia, per 4 centesimi: un aumento di oltre il 177.000 percento.

Il fatto che la  riduzione dei prezzi  sia diventata una forma accettata di corruzione all’interno dell’impero militare americano è una triste dichiarazione su quanto poco controllo “noi del popolo” abbiamo sul nostro governo in fuga.

Intendiamoci, questo non è solo un comportamento corrotto. È un comportamento immorale mortale.

Finora gli americani si sono lasciati alimentare con una dieta costante di propaganda pro-guerra che li tiene contenti di sventolare bandiere con fervore patriottico e meno inclini a guardare troppo da vicino i conteggi dei decessi in crescita, le vite in rovina, i paesi devastati, il contraccolpo derivante da omicidi mirati di droni e campagne di bombardamenti in terre straniere o dalla trasformazione della nostra patria in una zona di guerra.

Questo deve cambiare.

Il governo degli Stati Uniti non sta rendendo il mondo più sicuro.  Sta rendendo il mondo più pericoloso. Si stima che l’esercito americano  lancia una bomba da qualche parte nel mondo ogni 12 minuti . Dall’11 settembre, il governo degli Stati Uniti ha contribuito direttamente alla morte di circa 500.000 esseri umani. Ognuno di quei decessi è stato pagato con fondi dei contribuenti.

Il governo degli Stati Uniti non sta rendendo l’America più sicura.  Sta esponendo i cittadini americani a livelli allarmanti di contraccolpo, un termine della CIA che si riferisce alle conseguenze indesiderate delle attività internazionali del governo degli Stati Uniti. Chalmers Johnson, un ex consulente della CIA, ha ripetutamente messo in guardia sul fatto che  l’uso da parte dell’America dei suoi militari per guadagnare potere sull’economia globale provocherebbe un devastante contraccolpo .

Gli  attacchi dell’11 settembre sono stati respinti . Il  bombardamento della maratona di Boston fu un colpo di grazia . Il  tentato bombardiere di Times Square  fu un colpo di grazia. Lo  sparatutto di Fort Hood, uno dei principali dell’esercito americano, fu un colpo di grazia .

L’omicidio del generale iraniano Qasem Soleimani da parte di un attacco militare statunitense di droni, temo, produrrà ancora più contraccolpi contro il popolo americano.

La militarizzazione americana dei falchi di guerra: portare a casa il bottino di guerra (carri armati militari, lanciagranate, elmetti in kevlar, fucili d’assalto, maschere antigas, munizioni, arieti, binocoli per la visione notturna, ecc.) E consegnandoli alla polizia locale , trasformando così l’America in un campo di battaglia, è anche un colpo di grazia.

James Madison aveva ragione: “Nessuna nazione potrebbe preservare la sua libertà nel mezzo di una guerra continua”. Come ha spiegato Madison, “Di tutti i nemici della guerra per la libertà pubblica è, forse, il più da temere perché comprende e sviluppa il germe di ogni altro. La guerra è la madre degli eserciti; da questi procedimenti debiti e tasse … strumenti noti per portare i molti sotto il dominio di pochi. ”

Stiamo assistendo a questo spettacolo davanti ai nostri occhi.

Il governo sta destabilizzando l’economia,  distruggendo le infrastrutture nazionali  attraverso l’abbandono e la mancanza di risorse e trasformando i dollari dei contribuenti in denaro con le sue guerre senza fine, i raid  dei droni e aumentando il numero dei morti.

Chiaramente, le nostre priorità nazionali hanno un disperato bisogno di una  revisione .

Al culmine del suo potere, anche il potente impero romano non riusciva a fissare un’economia in rovina e un esercito in crescita. I periodi di guerra prolungati e la falsa prosperità economica hanno in gran parte portato alla sua scomparsa. Come predice lo storico Chalmers Johnson:

Il destino dei precedenti imperi democratici suggerisce che un tale conflitto è insostenibile e verrà risolto in due modi. Roma ha tentato di mantenere il suo impero e ha perso la sua democrazia.  La Gran Bretagna scelse di rimanere democratica e nel frattempo abbandonò il suo impero. Intenzionalmente o no, il popolo degli Stati Uniti è già ben avviato nel corso dell’impero non democratico.

Questa è “l’influenza ingiustificata, ricercata o meno, da parte del complesso militare-industriale” che il presidente Dwight Eisenhower ci ha avvertito più di 50 anni fa di non mettere in pericolo le nostre libertà o processi democratici.

Eisenhower, che servì come comandante supremo delle forze alleate in Europa durante la seconda guerra mondiale, fu allarmato dall’ascesa della macchina da guerra guidata dal profitto che emerse dopo la guerra – una che, per perpetuarsi, avrebbe dovuto continuare a impegnarsi guerra.

Non abbiamo ascoltato il suo avvertimento.

Come chiarisco nel mio libro  Battlefield America: The War on the American People , non rimane molto tempo prima di raggiungere l’ora zero.

È tempo di smettere di sorvegliare il globo, porre fine a queste guerre senza fine e riportare le truppe a casa prima che sia troppo tardi.

Exit mobile version