USA – Il Pentagono sollecita moderazione mentre l’amministrazione Trump incolpa l’Iran per l’attacco in Arabia Saudita

Di MISSY RYAN E DAN LAMOTHE | Il Washington Post | Pubblicato: 16 settembre 2019

WASHINGTON – Lunedì i funzionari del Pentagono – avendo l’amministrazione  americana accusato l’Iran per l’attacco all’importante alleato americano – hanno sollecitato una risposta moderata ai recenti attacchi alle strutture petrolifere saudite, sostenendo [che altrimenti si potrebbe provocare] un conflitto potenzialmente costoso con l’Iran.

Il segretario alla Difesa Mark Esper ha incontrato il presidente Donald Trump e i principali funzionari della sicurezza nazionale alla Casa Bianca lunedì, due giorni dopo che una serie di esplosioni hanno paralizzato due impianti petroliferi in Arabia Saudita, interrompendo più della metà della fornitura di petrolio del regno sunnita e aumentando drammaticamente le tensioni con il suo principale rivale, il potere sciita dell’Iran.

Mentre i ribelli Houthi dello Yemen hanno rivendicato la responsabilità degli attacchi, i funzionari dell’amministrazione Trump hanno affermato di ritenere che almeno la maggior parte degli attacchi, che hanno preso di mira due strutture appartenenti alla compagnia petrolifera saudita statale Aramco, sono state lanciati all’interno dell’Iran – un’accusa secondo cui , se fosse vera, potrebbe condurre a un’importante escalation tra le principali potenze regionali del Medio Oriente.

In un tweet, il capo del Pentagono Mark Esper, che a giugno è subentrato al Pentagono nel bel mezzo di un precedente scontro con l’Iran , ha affermato che l’esercito americano e altre agenzie governative “stanno lavorando con i propri partner per affrontare questo attacco senza precedenti e difendere l’ordine e le regole internazionali  che vengono minate dall’Iran “.

Ma  i funzionari militari privatamente stanno anche sollecitando  cautela, cercando di disinnescare le tensioni che credono potrebbero spingere gli Stati Uniti in un conflitto forse sanguinoso con l’Iran in un momento in cui il Pentagono sta cercando di reprimere le guerre dei ribelli in Medio Oriente e riorientare verso la concorrenza con la Cina .

I funzionari, che hanno parlato delle loro opinioni a condizione di anonimato, hanno cercato di enfatizzare il fatto che nessun personale o struttura americana è stata presa di mira negli attacchi del fine settimana, suggerendo che una risposta militare USA diretta non poteva essere ritenuta meritata. Hanno anche affermato che, se tale mossa fosse ritenuta necessaria, l’amministrazione avrebbe bisogno di trovare una base giuridica valida per agire.

I Funzionari del Pentagono hanno anche sottolineato i rischi per almeno 70.000 membri del personale americano di stanza sotto il comando centrale degli Stati Uniti, che si estende dall’Egitto al Pakistan, se le tensioni con l’Iran sfuggissero al controllo.

Funzionari della difesa hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni simili poiché negli ultimi 18 mesi l’amministrazione Trump ha adottato una politica di falco nei confronti dell’Iran , inclusa la decisione del presidente di ritirarsi dall’accordo nucleare  del suo predecessore con Teheran e di imporre dure nuove sanzioni all’Iran e ai suoi affiliati.

A giugno, dopo l’abbattimento di un drone americano, Trump autorizzò e quindi interruppe una serie di attacchi aerei contro siti militari in Iran. Trump ha poi detto che in quel momento  ha cambiato idea dopo essere stato informato che sarebbero morte fino a 150 truppe iraniane.

Una mappa che localizza il giacimento petrolifero di Ghawar in Arabia Saudita THE WASHINGTON POST

Ma lunedì Trump ha suggerito che nei prossimi giorni un attacco di ritorsione  potrebbe essere appropriato. Il presidente, chiesto a un giornalista se uno attacco letale sarebbe proporzionale all’ultima violenza, ha risposto: “Direi di sì”.

Gli attacchi di sabato sono arrivati ​​meno di una settimana dopo la partenza del consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, che ha guidato la dura posizione dell’amministrazione in Iran. Mentre i funzionari del Pentagono avevano espresso privatamente le preoccupazioni che Bolton potesse – inavvertitamente o in altro modo – condurre gli Stati Uniti in guerra, hanno trovato un alleato in un presidente che ha espresso il desiderio di evitare nuove azioni militari senza fine.

pubblicità

Non è chiaro come la politica iraniana dell’amministrazione potrebbe cambiare dopo la partenza di Bolton. Anche altri alti funzionari, tra cui il segretario di Stato Mike Pompeo, hanno opinioni ferme sull’Iran, così come influenti alleati di Trump come il senatore Lindsey Graham, RS.C.

Funzionari della difesa e dell’intelligence stanno lavorando per compilare informazioni, che possono essere rese pubbliche in qualche modo per rafforzare le dichiarazioni dell’amministrazione iraniana sulla responsabilità dell’attacco, hanno detto i funzionari.

Per quanto riguarda il presunto ruolo dell’Iran nell’attacco, Trump ha detto lunedì ai giornalisti che “stava guardando ogni opzione”, ma ha detto che sperava di evitare un conflitto. “Sono qualcuno che vorrebbe non avere la guerra”, ha detto.

Mentre le discussioni continuano, i funzionari del Pentagono potrebbero suggerire di adottare nuove misure dissuasive prima dell’uso diretto della forza, come aumentare il numero di truppe nella regione e rafforzare le difese degli Stati Uniti, hanno detto i funzionari.

Jim Stavridis, un ammiraglio a quattro stelle in pensione che una volta era stato il massimo comandante militare della NATO, ha affermato che se gli Stati Uniti sono certi del coinvolgimento dell’Iran negli attacchi, e nei prossimi passi potrebbero includere la presentazione delle prove alla comunità internazionale o la condanna di Teheran prima del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

L’amministrazione potrebbe anche tentare di staccare gli alleati europei dall’accordo nucleare iraniano, intensificare le sanzioni o lanciare missili o effettuare attacchi segreti contro le infrastrutture energetiche iraniane come misura reciproca.

Stavridis sostiene che qualsiasi reazione potrebbe stata effettuata al meglio con l’accordo degli alleati. Stavridis  predisse che l’Arabia Saudita avrebbe potuto essere oggetto di un attacco di ritorsione e avrebbe bisogno di rafforzare le sue difese missilistiche e le sue difese informatiche e sollecitare gli alleati a unirsi alle operazioni militari a protezione delle spedizioni commerciali nel Golfo Persico.

Mentre i funzionari considerano le loro opzioni, devono anche guidare la resistenza a Capitol Hill, dove alcuni legislatori stanno cercando di limitare la capacità dell’amministrazione di avviare un’azione militare contro Teheran.

“Il comportamento dell’Iran nella regione è altamente problematico a molti livelli, ma gli interessi petroliferi dell’Arabia Saudita non determinano se gli Stati Uniti vanno in guerra – lo fa il Congresso degli Stati Uniti”, ha detto il senatore Tom Udall, DN.M. .

Robert Malley, che era un alto funzionario del Medio Oriente alla Casa Bianca di Obama e ora ricopre il ruolo di presidente dell’International Crisis Group, ha affermato che l’amministrazione potrebbe cercare di sviluppare una base legale per un attacco di ritorsione se fosse determinata a perseguirne uno, anche se Il Congresso non ha rilasciato un’autorizzazione esplicita.

“Il più delle volte, l’argomento legale è usato come copertura per una decisione politica sull’opportunità o meno di andare in guerra”, ha detto.

Se il presidente decide contro una palese risposta militare, potrebbe anche rivolgersi all’azione informatica. A giugno, quando Trump stava contemplando uno attacco missilistico contro l’Iran, il Pentagono ha trovato un’opzione informatica per aiutare l’attacco : ha coinvolto Cyber ​​Command disabilitando i sistemi informatici iraniani che controllavano i missili e il lancio di missili per impedire loro di abbattere armi americane (questo secondo persone  che hanno familiarità con la questione).

Il Cyber ​​Command a giugno ha invece condotto un’operazione diversa, interrompendo un database di computer utilizzato dall’Iran per pianificare attacchi alle petroliere nel Golfo Persico poche ore dopo che il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana ha abbattuto un drone di sorveglianza americano nella regione. Tali azioni sono considerate dal Pentagono al di sotto dell’uso della forza e sono considerate efficaci senza rischiare un conflitto aperto.

Anche se i funzionari hanno suggerito che nessun passo militare era imminente, la possibilità di un’inattesa decisione della Casa Bianca è rimasta sospesa per le riserve avanzate dal Pentagono sui recenti attacchi.

“Sospetto che tutti prendano fiato”, ha detto Stavridis, soprattutto fino a quando il governo non avrà un quadro più completo degli attacchi. “Ma nessuno lo sa davvero.”

Paul Sonne del Washington Post a Londra e Ellen Nakashima a Washington hanno contribuito a questo rapporto.

FONTE: STRIPES ( https://www.stripes.com/news/middle-east/pentagon-urges-restraint-as-administration-blames-iran-for-saudi-strikes-1.599266?fbclid=IwAR3GYunPVgJrYs_L_hYJbj7_VSXPWC2zeuenwEQwxkGMnGEbQ1KKPbFoDLs )