USA – I democratici dopo le conversazioni del presidente ucraino e Trump, ora vogliono quelle con Putin

Una nuova ondata di trasparenza “mirata” è stata lanciata dai democratici negli Stati Uniti contro Trump. Dopo aver ottenuto la pubblicazione della conversazione tra Trump e Zelensky, ora vogliono essere messi a conoscenza delle conversazioni tra Putin e Trump. Ovviamente tutto ciò è in violazione di tutte le tradizioni diplomatiche che hanno permesso lo sviluppo di relazioni internazionali. D’altra parte, stranamente, questa furia di trasparenza non riguarda minimamente gli organismi internazionali come l’ FMI, la Banca mondiale, le istituzioni europee o le grandi ONG come Amnesty. Le conversazioni con i leader, le pressioni esercitate, tutto ciò può rimanere nell’ombra. È lo stato che è di nuovo sotto tiro, la sua capacità di governance che deve compromessa a favore dei grossi centri di potere che vogliono comandare ad ogni costo, altrimenti dicono che non è legittimo.

I democratici, continuando a non essere in grado di digerire la loro sconfitta e sono incapaci di prepararsi alle elezioni, cercano in tutti i modi di abbattere Trump, che rappresenta un confine contro il globalismo illimitato. Il pretesto era il caso Biden, democratico, la cui famiglia ha tratto grande beneficio dal Maidan lanciato sotto Obama in Ucraina. Trump ha rivolto quelle vicende come una scappatoia (nota a tutti) per attaccare i democratici, che poi conseguentemente vogliono avviare la procedura di impeachment, basandosi sulla pressione che Trump avrebbe esercitato telefonicamente sul presidente ucraino. In risposta, Trump ha rilasciato lo stenogramma della sua conversazione telefonica con Zelensky, provocando la diffidenza di Zelensky verso Trump.
Ma ovviamente, il caso non si ferma qui. Ora, i democratici, vogliono a tutti i costi avere una copia dellee conversazioni tra Trump e Putin … Zelensky era solo uno stuzzichino, il corso principale è più a est e il Congresso farà di tutto per ottenere ciò che vuole. Secondo Adam Schiff, che continua la sua lotta contro Trump, la pubblicazione di conversazioni con Putin è una questione di sicurezza nazionale.
Il Cremlino ovviamente non è particolarmente favorevole a questa richiesta. Per non ripetere l’affare Zelensky, il portavoce del Cremlino ha ricordato alcune regole del gioco, in particolare l’impossibilità di pubblicare trascrizioni di conversazioni tra presidenti senza l’accordo di tutte le parti:

“Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha detto ai giornalisti in una teleconferenza lunedì. “In generale, la pratica diplomatica non prevede tali pubblicazioni. Se ci sono segnali dagli americani, ne discuteremo “.

E il Cremlino insiste, dicendo che con loro non si ripeterà la situazione in cui è stato messo il presidente ucraino:

“Vorremmo sperare di non vedere tali situazioni nelle nostre relazioni bilaterali, che hanno già molti problemi abbastanza gravi”

E per una buona ragione, come sottolinea il New York Times , l’interesse per queste conversazioni per quanto riguarda l’isteria dei democratici riguardo alla cosiddetta ingerenza russa alle elezioni americane (come avrebbero potuto perdere altrimenti, ma guarda un po’…) . L’ingerenza russa è proprio una psicosi, non è ancora diminuito nonostante il tempo, che sembra essersi fermato, per effetto della macchina  politica .
Questi richieste non sono curiose, ma estremamente distruttive. Per avere discussioni efficaci e non formali, i capi di stato devono essere certi che queste conversazioni non saranno divulgate, altrimenti si ritorna a parole vuote davanti alle telecamere. L’apparizione della possibilità stessa di divulgare queste conversazioni porrà seri problemi non solo agli Stati Uniti, poiché d’ora in poi i loro interlocutori non saranno più in grado di dire una parola libera, ma in generale le difficoltà sorgeranno nelle relazioni tra Stati, perché sarà certo che le proprie parole rimarranno discretamente nascoste sotto il sigillo del silenzio?
La pressione si intensificherà. Già una petizione è stata pubblicata sul sito web della presidenza ucraina chiedendo, a seguito della pubblicazione della conversazione tra Trump e Zelensky, la pubblicazione delle trascrizioni delle conversazioni tra Zelensky e Putin.
Ma la diplomazia ha bisogno di ombra, uno stato non può governare con telecamere costantemente focalizzate su di lui, è una fantasia che appare solo in crisi di fiducia – o quando è necessario indebolire un’istituzione.  Questo “bisogno di trasparenza” sembra molto selettivo … e non riguarda mai i sostenitori del globalismo al potere.
autore: Karine Bechet –  fonte: russiepolitics