USA, GB e Australia si preparano per il sostegno incrollabile a Taiwan, tutte le guerre iniziano così…

L’alleanza australiano-britannica-statunitense (AUKUS) prepara una guerra nucleare per difendere Taiwan

Le reazioni ufficiali all’annuncio del Patto australiano-britannico-statunitense (AUKUS) riguardano solo la risoluzione del contratto di armamenti franco-australiano. Per quanto terribile sia per i cantieri, è solo una conseguenza collaterale di un rovesciamento delle alleanze volte a preparare una guerra contro la Cina.

Uguale a se stesso, il presidente Biden non riusciva a ricordare il nome di Scott Morrison quando mise in scena il Patto AUKUS.

L’annuncio del Patto australiano-britannico-americano (A-UK-US)  [ 1 ] ha  avuto l’effetto di un terremoto nella regione indo-pacifica.

Non c’è dubbio che Washington stia preparando uno scontro militare a lungo termine contro la Cina.

Finora, lo spiegamento occidentale per contenere la Cina politicamente e militarmente ha coinvolto gli Stati Uniti e il Regno Unito, nonché Francia e Germania. Oggi gli europei sono rimasti indietro. E domani l’area sarà controllata da Quad+ (Stati Uniti e Regno Unito, oltre a Australia, India e Giappone). Washington sta pianificando una guerra tra un decennio o due.

Mentre Francia e Germania non sono state consultate su questa strategia, e nemmeno avvertite del suo annuncio pubblico (ma altri paesi erano stati avvertiti come l’Indonesia), il nuovo dispositivo dovrebbe essere messo in scena durante la settimana prossima a Washington.

Se è logico che Londra e Washington si affidino a Camberra piuttosto che a Parigi, perché l’Australia fa parte dei “Five Eyes” a cui la Francia è appunto associata, l’entrata in gioco del Giappone e soprattutto dell’India pone fine a un lungo periodo di incertezza. Più preoccupante è il ruolo devoluto alla Germania che potrebbe unirsi ai “Five Eyes”  [ 2 ] , ma non ai Quad, cioè spionaggio delle telecomunicazioni, ma non azione militare.

L'ammiraglio John Aquilino, comandante delle forze Usa nella zona indo-pacifica.
L’ammiraglio John Aquilino, comandante delle forze Usa nella zona indo-pacifica.

ALLEANZE IN FORMA

Questa nuova situazione costringe ogni alleanza a riposizionarsi.

L’A-NZ-US, che collegava Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti, non funziona dal 1985 ed è permanentemente sotterrato. La Nuova Zelanda ha affermato la sua politica di disarmo nucleare e di conseguenza ha rifiutato l’ingresso nei suoi porti a navi nucleari o a propulsione nucleare. Dato che il Pentagono si è rifiutato di rivelare questi “dettagli”, da allora nessuna nave da guerra statunitense è entrata nel paese. Saranno vietati anche i futuri sottomarini australiani.

Per il momento, l’Unione Europea non ha reagito. La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, che parlava dello stato dell’Unione  [ 3 ]  proprio il giorno dell’annuncio del patto AUKUS, è paralizzata. Ha parlato della sua nuova strategia nella zona indo-pacifica, mentre la Brexit britannica le ha tolto il tappeto da sotto i piedi. Non solo l’Unione europea non è una potenza militare, ma quelli dei suoi membri che lo sono non avranno più voce in capitolo.

La NATO non dice una parola. Lei che aspirava ad espandersi nell’Indo-Pacifico , comprende che non ne farà parte.

Nemmeno l’ASEAN ha reagito, ma gli indonesiani che ne ospitano il segretariato generale hanno già espresso il loro disappunto. Certo, l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico è stata concepita durante la Guerra Fredda come ANZUS o l’UE per contenere il blocco comunista, ma si è evoluta in seguito. A differenza dell’UE che è diventata una burocrazia sovranazionale, l’ASEAN, influenzata dall’ideologia dei Non Allineati, aspira a formare una vasta area di libero scambio che includa la Cina. Senza indugio, molti intellettuali indonesiani hanno denunciato il siluramento di questo sogno di pace da parte dell’AUKUS.

Cina e Russia, i principali nemici designati dagli anglosassoni, non hanno ancora reagito. A differenza degli occidentali, non comunicano mai le proprie intenzioni, ma solo le decisioni che hanno già preso e già attuato. Parlando da sé, la Cina ha oltraggiato la mentalità anglosassone di formare le più grandi e potenti alleanze possibili senza tenere conto delle complessità di ogni protagonista. Non si tratta di un artificio di comunicazione: i cinesi considerano tutti alla pari con le proprie particolarità. Ad esempio, quando il presidente Xi è andato a incontrare i leader europei, ha trascorso più tempo a Monaco che in alcuni paesi dell’Unione europea. Facendo il discorso, la Cina ha presentato, il giorno dopo l’annuncio della creazione di AUKUS, una domanda ufficiale di adesione all’Accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP), ovvero l’organizzazione successore del progetto del presidente Obama per un partenariato transpacifico. La concomitanza dei due eventi è ufficialmente puramente casuale. In pratica Pechino offre a tutti scambi economici, mentre Washington offre la guerra.

LO SPETTRO NUCLEARE

Fino ad ora, e probabilmente ancora oggi, gli Stati Uniti hanno considerato che avere ‘edifici’ a propulsione nucleare apra rapidamente la strada alla costruzione di bombe atomiche. Ecco perché hanno offerto tecnologia di propulsione nucleare solo al loro alleato britannico. Pertanto, e qualunque cosa dicano gli australiani, la costruzione di sottomarini a propulsione nucleare prepara l’Australia all’ingresso nel club dell’energia atomica. La guerra contro la Cina sarà una guerra nucleare.

Da questo punto di vista l’ingresso del Giappone nei Quad dopo i traumi di Hiroshima e Nagasaki è un’impresa.

Finora, solo i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite avevano sottomarini a propulsione nucleare. L’India è diventata la sesta e l’Australia dovrebbe essere la settima.

Poiché gli Stati Uniti non possono più mantenere la loro retorica sulle tecniche nucleari a duplice uso, non possono più fingere che la ricerca nucleare iraniana sia per uso militare. Questo dovrebbe aprire la strada a una cooperazione aperta tra Washington e Teheran che Israele ha immediatamente anticipato  [ 4 ] .

voltairenet.org 1 43 315461

LA DECLASSIFICAZIONE DEGLI EUROPEI

Il primo perdente di questa nuova architettura è la Francia. Perde il suo status di potenza globale sebbene mantenga ancora il suo seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il declino di Parigi era prevedibile sin dal collocamento dei suoi eserciti sotto il comando statunitense all’interno del Comando Integrato della NATO, nel 2009. Oggi non sono più in grado di difendere l’intero territorio francese, ma inviano corpi di spedizione a difendere gli interessi statunitensi in Africa. Gli Stati Uniti, infatti, non sono ancora riusciti a schierare AfriCom nel continente nero, quindi stanno utilizzando le truppe di terra francesi che controllano con il loro sistema di sorveglianza aerea.

Parigi ha reagito… annullando una serata di gala presso la sua ambasciata negli Stati Uniti. Il Quai d’Orsay ha chiesto urgentemente spiegazioni al Dipartimento di Stato, nelle ore precedenti l’annuncio dell’AUKUS. In definitiva, riteneva che l’Australia gli avesse consapevolmente nascosto questo progetto, di cui gli Stati Uniti erano gli istigatori. Ha quindi ricordato i suoi ambasciatori a Canberra e Washington. La Francia ha deciso di comunicare il contratto del secolo annullato dagli australiani. Questo affare da 90 miliardi di dollari è poco rispetto a ciò che è in gioco e che ha perso.

Parigi è tanto più sbalordita in quanto aveva creduto di aver instaurato un rapporto privilegiato con Londra. Erano in corso trattative segrete per spostare la base dei sottomarini a propulsione nucleare britannici (Trident) in Francia in caso di secessione della Scozia dal Regno Unito  [ 5 ]

La Francia può consolarsi nel constatare che il suo declassamento avviene nel contesto di quello più generale di tutti gli europei. Il fatto che alla Germania potrebbe fare meno male è casuale: Berlino può essere solo una potenza economica e mai, dalla seconda guerra mondiale, una potenza politica globale.

voltairenet.org 1 1 18 30e871

La Francia non è solo una metropoli europea. È anche una costellazione di territori in tutto il mondo che lo dota del secondo dominio marittimo più grande del mondo (dopo gli Stati Uniti). Nella regione indo-pacifica, ha i dipartimenti di Réunion e Mayotte, le comunità della Nuova Caledonia e della Polinesia francese, il territorio di Wallis e Futuna, le Terre australi e antartiche francesi (TAAF). Il tutto è abitato da 1,6 milioni di cittadini francesi.

 

Dal 2015 l'esercito cinese si sta addestrando per prendere il palazzo presidenziale di Taiwan, di cui ha costruito una replica.
Dal 2015 l’esercito cinese si sta addestrando per prendere il palazzo presidenziale di Taiwan, di cui ha costruito una replica.

La Francia è quindi davvero una potenza dell’Indo-Pacifico. Come tale, si è offerta di aiutare i suoi partner nell’Unione Europea, che ha avuto cura di collocare al di fuori della rivalità strategica USA-Cina. È membro della Commissione dell’Oceano Indiano, partecipa ai vertici dei ministri della difesa dell’ASEAN, al suo coordinamento della polizia e dell’intelligence (ASEANAPOL) e dovrebbe presto unirsi alla cooperazione regionale contro la pirateria (RECAAP). In definitiva, la Francia, che assumerà la presidenza del Consiglio europeo nella prima metà del 2022, ha previsto di fare dell’uso delle sue radici nell’Indo-Pacifico una delle sfide dell’Unione europea.

TAIWAN, LA MELA DELLA DISCORDIA

Tutti sanno che le isole del Pacifico rivendicate dalla Cina non saranno oggetto di una prossima guerra. Perché nessuno degli altri paesi che li rivendicano lo vuole e la storia dimostra che le affermazioni di Pechino sono giuste. È abbastanza diverso per Taiwan.

Ricordiamo che Mao Tse-Tung raggiunse l’unità della Cina sconfiggendo, uno dopo l’altro, tutti i Signori della Guerra che avevano condiviso il suo territorio. Si riprese anche il Tibet, che si era separato e si era alleato con Tchang Kai-shek e con l’Occidente. Ma fallì con Formosa dove si stabilì Tchang. La sua dieta si è evoluta. È passato da una spietata dittatura a una certa democrazia, Taiwan.

Il Patto AUKUS sembra essere progettato per venire in aiuto di Taiwan se la Cina tentasse di riprenderselo con la forza. Il generale Sir James Hockenhull, comandante dell’intelligence militare di Sua Maestà, ha confermato che gli eserciti britannici stanno reclutando agenti asiatici. L’ex primo ministro Theresa May ha gettato le pietre del selciato nello stagno chiedendo ai Comuni se questo patto prevedeva o meno l’entrata in guerra se la Cina avesse cercato di reclamare Taiwan.

Theresa May chiedeva ai Comuni: non pensavamo di fare molto sulle spalle dei francesi senza renderci conto che eravamo impegnati a fare la guerra alla Cina?
Theresa May chiedeva ai Comuni: non pensavamo di fare molto sulle spalle dei francesi senza renderci conto che eravamo impegnati a fare la guerra alla Cina?

Il vertice del G7 di giugno a Carbis Bay ha visto il Giappone imporre un sostegno incrollabile a Taiwan. Tuttavia, è stato durante questo vertice che dietro le quinte, Joe Biden, Scott Morrison e Boris Johnson hanno suggellato il principio del loro Patto.

Per rispondere alla domanda di Theresa May, sarebbe necessario avere il testo di questo Patto nella sua interezza, vale a dire compresi i suoi allegati segreti se ve ne sono. Tuttavia, per il momento, non abbiamo nemmeno un pezzo di carta. Dobbiamo accontentarci dei comunicati stampa.

Al massimo, sappiamo che l’UKUS riguarda una cooperazione molto ampia nel campo degli armamenti. Non si tratta solo di dotare l’Australia di sottomarini a propulsione nucleare, ma anche di dotarla di missili Tomahawk e Hornet, e di coinvolgerla nella ricerca di missili ipersonici (capaci di competere con i missili nucleari russi).

Thierry Meyssan


1 ]  ” Biden, Morrison & Johnson annunciano la creazione di AUKUS “, di Boris Johnson, Joseph R. Biden Jr., Scott Morrison,  Rete Voltaire , 15 settembre 2021.

2 ]  “  I “Cinque occhi” diventerebbero i “Nove occhi  ”,  Rete Voltaire , 6 settembre 2021.

3 ]  “  Discorso 2021 sullo stato dell’Unione europea  ”, di Ursula von der Leyen,  Rete Voltaire , 15 settembre 2021.

4 ]  ”  Israele ammette i meriti della diplomazia statunitense nei confronti dell’Iran  “,  Rete Voltaire , 15 settembre 2021.

5 ]  “Il Regno Unito elabora un piano per spostare i sottomarini del Trident all’estero in caso di secessione della Scozia”, ​​Sebastain Payne e Hellen Warren,  Financial Times , 2 settembre 2021.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.