USA e NATO minacciano la Russia da tutte le direzioni

USA e NATO minacciano la Russia da tutte le direzioni 2

Di seguito un interessante articolo della rivista russa Rararan. In esso l’autore Konstantin Sivkov stigmatizza la tensione che viene provocata costantemente dalla Nato sul confine occidentale russo. Ovviamente, c’è da meravigliarsi che da noi le informazioni riportate sono del tutto assenti nei bollettini dei mainstream altamente addomesticati che riferiscono solo il menù del giorno.

La NATO e la Russia sembrano certamente ora avviarsi verso la guerra in Ucraina. Ogni incontro, telefonata e vertice si traduce in un impegno alla dichiarazione che “non c’è alternativa all’accordo di Minsk”. L’Accordo di Minsk identifica due parti in conflitto, Kiev e Donbass, e la prima azione da intraprendere è stata individuata nell’instaurare immediatamente un dialogo tra loro per elaborare le modifiche costituzionali che avrebbero concesso l’autonomia al Donbass. Eppure Kiev ha dichiarato senza mezzi termini che non parlerà con il Donbass e quindi non attuerà l’accordo, e i paesi della NATO hanno dimostrato che non intendono spingere a rispettarlo.

Si pubblica quanto segue a scopo informativo; questo sito non ha nulla contro il popolo ucraino, ma è indubbio che la politica che la leadership di Kiev sta attuando non è certo verso la ricerca di una soluzione pacifica. Allo stesso modo, gli alleati cercano di spingere l’Ucraina ad atti sempre più aggressivi, con forniture di armi e supporto da parte degli asset della Nato. Ma – come leggerete nel pezzo che segue – non si tratta solo dell’Ucraina, la pressione si manifesta anche da altre direzioni.

Vp News

Photo by Konstantin Dyadyun on Unsplash

USA e NATO ci minacciano da tutte le direzioni

Crescono le tensioni militari ai confini della DPR e della LPR. C’è un’intensa attività per creare un potente raggruppamento delle forze armate dell’Ucraina. Si tratta di un esercito shock, offensivo, chiamato a risolvere completamente e definitivamente il problema sudorientale della giunta ucraina sbaragliando le milizie popolari.

La Russia non può stare lontana da un tale sviluppo della situazione. Quasi un milione di cittadini russi vive in queste repubbliche – sono residenti che hanno preso la cittadinanza russa e hanno ricevuto passaporti russi. La Russia è obbligata a proteggerli in conformità con la Costituzione. E cosa può succedere loro se questo territorio cade sotto il controllo delle forze armate dell’Ucraina e dei militanti delle organizzazioni naziste che stanno dietro di loro, è stata mostrato bene dal destino dei cittadini russi residenti nella “zona grigia” illegalmente occupata dai punitori ucraini.

L’ideologia di Kiev è uccidere

L’attuale capo del Ministero della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov, ex ministro per la reintegrazione dei “territori temporaneamente occupati dell’Ucraina”, senza alcun addestramento militare speciale, è noto come un fervente nazista. Una figura ancora più controversa è il suo consigliere di recente nomina Yarosh, il creatore e leader dell’organizzazione nazista estremamente radicale Right Sector, che è vietata in Russia.

È abbastanza ovvio che queste due nomine siano dovute a una cosa: il desiderio di aumentare radicalmente l’estremismo ideologico delle forze armate dell’Ucraina, anche a scapito della qualità del loro controllo operativo e strategico. Nello stesso periodo approssimativamente di tempo, un certo numero di ministri e altre figure del più alto livello della leadership ucraina hanno lasciato il loro posto a frotte.

Inoltre, nella zona di operazioni delle Forze Armate dell’Ucraina, è stato introdotto di fatto un regime di legge marziale, con il divieto di qualsiasi tipo di comunicazione tra i residenti locali e il mondo esterno. Obiettivi: è necessario nascondere la composizione e la natura delle attività delle truppe schierate in questi territori. Tutte queste misure si inseriscono nel concetto di un insieme di misure per la preparazione diretta della guerra.

Carri armati contro i migranti

Tuttavia, questa non è la fine. Improvvisamente c’è stata una crisi migratoria al confine tra Polonia e Bielorussia. Prima di questo, i migranti, utilizzando la Bielorussia come paese intermedio, si sono trasferiti in Europa attraverso la Polonia, in Germania e oltre. Questo è andato avanti per molto tempo e non ha causato problemi ai polacchi. Dopotutto, questo percorso non è fondamentalmente diverso da quello “turco” o da quello ‘”italiano”. E ora la crisi. Perché, con l’avanzamento delle divisioni di carri armati al confine polacco-bielorusso, la creazione di munizioni avanzate e depositi di carburante, le FFAA polacche stanno schierando truppe del genio militare con attrezzature per creare ponti per attraversare i fiumi da parte dei veicoli blindati pesanti. A sei chilometri dal confine bielorusso nell’area del villaggio di Veiki, secondo il Ministero della Difesa della Bielorussia,  c’è la 12a divisione meccanizzata intitolata a V.I. Boleslav Kryvostyi.

Nelle vicinanze si trovano i luoghi di dispiegamento permanente della 16a Pomorskaya intitolata Re Casimiro IV Jagiellonchik e la 18a divisione meccanizzata “Iron”. La base del parco carri armati è costituita dai carri armati tedeschi “Leopard-2A4” e “Leopard-2R”. Cioè, stiamo assistendo alla creazione di un gruppo di attacco dell’esercito polacco per colpire la Bielorussia. E la crisi dei migranti è stata scelta come motivo formale.

Va tenuto presente che le formazioni elencate sono considerate le più efficienti in Polonia. È abbastanza chiaro che tale potenza militare è assolutamente inutile per combattere i migranti. Se le autorità polacche decidessero di combattere i migranti con la forza delle armi, allora basterebbero le mitragliatrici. Si tratta proprio di preparare l’invasione della Bielorussia. Inoltre, l’élite polacca, desiderosa di restituire l’antica gloria del Commonwealth polacco-lituano “da mare a mare”, ha le sue opinioni sui territori bielorussi adiacenti.

In connessione con l’uso della crisi dei migranti da parte delle autorità polacche come pretesto per l’aggressione, si suggerisce involontariamente un’analogia con l’incidente di Glewicki, che servì come pretesto formale per l’attacco tedesco alla Polonia nel 1939. Apparentemente, i politici polacchi hanno adottato le raccomandazioni e l’esperienza di Hitler e Goebbels.

Per la Russia, che è collegata alla Bielorussia nell’ambito dello Stato dell’Unione, tale attività polacca solleva la questione della sua disponibilità a respingere una possibile aggressione della NATO in questa direzione. E questo significa la necessità di mantenere il potenziale necessario del raggruppamento delle Forze delle nostre Forze Armate per impedire la minaccia.

Anche il sud e il nord sono irrequieti

Il 14 novembre 2012 le tensioni sono aumentate bruscamente anche al confine tra Armenia e Azerbaigian. Entrambe le parti si accusano a vicenda dell’aumento dei bombardamenti e il primo ministro armeno ha annunciato l’invasione delle truppe azere, che potrebbe comportareassistenza militare all’Armenia per effetto di un articolo del Trattato di sicurezza collettiva che lo richiede.

La Russia ora ha bisogno di essere distratta da questa zona esplosiva, forse, per allocare un certo raggruppamento delle forze armate russe.

Mentre la Georgia tace. Tuttavia, nessuno garantisce che dopo una visita al porto di Batumi della nave comando americana della 6a flotta “Mount Whitney”, la leadership di questo paese non svilupperà piani revanscisti nei confronti dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale. Anche se l’attuale presidente della Georgia è chiaramente ragionevole e lascia speranze che ciò non accada.

Si è saputo dello schieramento di un gruppo di aviazione tattica statunitense è presente presso la base aerea di Shemiya, una delle isole più occidentali della cresta delle Aleutine. L’aeroporto non è stato utilizzato per molto tempo e ora è arrivato un gruppo di aviazione composto da aerei F-16 e F-22. Questa è la base dell’aeronautica statunitense più vicina alle principali aree di base della flotta del Pacifico e dell’aviazione delle forze aerospaziali russe nella penisola di Kamchatka. Si trova a una distanza di circa 350-400 chilometri da loro, il che consente all’aviazione tattica basata su di esso di fornire attacchi a tutti gli effetti contro obiettivi Kamchatka delle forze armate RF.

Come motivo per il dispiegamento del gruppo aeronautico, la leadership militare americana ha utilizzato la necessità di ritirare la propria aviazione dai previsti bombardamenti dei bombardieri russi. Anche lo scopo di tali manipolazioni è ovvio: creare alta tensione sui nostri confini orientali e quindi costringere la Russia a mantenere un raggruppamento sufficientemente forte in loco, bloccando così la possibilità di manovrare le forze dal teatro delle operazioni dell’Estremo Oriente a quello occidentale.

Anche il gruppo dell’aviazione statunitense sta crescendo nella pericolosa direzione sudoccidentale. Due gruppi di cacciabombardieri F-15E dalla Grecia sono stati schierati negli aeroporti di Romania e Bulgaria. Il raggio di combattimento di questi veicoli consente loro di colpire quasi l’intera profondità del teatro delle operazioni militari del Mar Nero.

In precedenza, c’erano informazioni secondo cui un aereo da ricognizione americano, accompagnato da due aerei da combattimento dell’aeronautica rumena, ha volato lungo la costa della Crimea russa, senza entrare nel nostro spazio aereo. Alcuni esperti lo hanno identificato come un aereo RC-135. Tuttavia, un attento esame del video del volo di questo aereo mostra che si tratta di una macchina diversa – l’E-8v – ​​​​il componente principale del complesso operativo di ricognizione e attacco (RUK), creato negli Stati Uniti alla  fine del 20 ° secolo.

Esternamente, questo aereo differisce dall’RC-135 per la presenza di una grande gondola (quasi la metà della lunghezza della fusoliera), in cui si trova il sistema elettronico radio, nonché per la forma e il posizionamento delle antenne sui lati dello scafo. Questo aereo, che agisce come parte del RUK, deve fornire non solo l’identificazione dei bersagli d’attacco e la loro classificazione, ma anche la designazione di bersagli ad alta precisione per sparare armi, a differenza dell’RC-135.

Un importante passo dimostrativo è stato il volo di una coppia di bombardieri strategici B-1B Lancer, con l’uso di 48 (24 ciascuno) degli ultimi missili antinave a lungo raggio AGM-158C. Questo volo, e in particolare il fatto dello sviluppo di questi missili, è stato ampiamente pubblicizzato dai media occidentali, che sostenevano che due di questi velivoli avrebbero potuto distruggere la flotta russa del Baltico o del Mar Nero.

Ma questo è rilevante soprattutto in relazione alla regione relativamente tranquilla della Transnistria. Tuttavia, questa regione può anche diventare una zona di guerra per la Russia se l’Ucraina, dopo aver iniziato a combattere contro DPR e LPR, chiuderà i confini con la DPR insieme alla Moldova. In questo caso, i suoi abitanti, di cui circa 400mila cittadini russi, oltre a circa cinquemila dipendenti della base militare russa di stanza qui, si trovano in una posizione peggiore di Leningrado durante il blocco militare. In questo caso la nostra flotta dovrà risolvere il problema dello sblocco.

È allora che i Lanciatori con i nuovi missili antinave a lungo raggio possono entrare in azione. Allo stesso tempo, possono usare le loro armi anche dallo spazio aereo dei paesi della NATO del Mar Nero.

Mount Whitney in ricognizione

L’apparizione nel Mar Nero delle navi da guerra statunitensi – un cacciatorpediniere, una nave comando e una petroliera – non può essere ignorata. Dio sa che questo tipo di forza, la nostra flotta la può affrontare con relativa facilità. Tuttavia, il fatto stesso che la nave comando della 6a flotta Mount Whitney sia apparsa in questa regione e il suo successivo viaggio attraverso i porti dell’Ucraina e della Georgia, così come i paesi della NATO del Mar Nero, è molto indicativo.

È noto che le navi comando operano a una certa distanza dalle aree di combattimento per evitare danni e morte, il che significherà un significativo deterioramento del comando e del controllo delle forze navali. Pertanto, la presenza del Monte Whitney nel Mar Nero può, in una certa misura, essere considerata un segno che fino a quando non lascerà questa regione, la guerra in uqella regione non inizierà. Anche se questo non è un dato di fatto. Se gli stessi Stati Uniti non intendono sostenere l’Ucraina, questa nave potrebbe rimanere nell’area vicino alla zona di combattimento, fornendo informazioni operative al comando delle forze armate ucraine e persino prendere parte al controllo delle truppe ucraine.

Oltre al tema marittimo, non si può non ricordare il ridispiegamento di un significativo gruppo di navi da combattimento ucraine in punti vicini alla Crimea. In particolare, al ponte di Crimea. La loro comparsa nell’area, unita all’ennesima campagna sulla libertà di navigazione, sostenuta dagli Stati Uniti, che peraltro si è dichiarata determinata a garantire tale nel Mar d’Azov, indica l’esistenza di piani congiunti USA-Ucraina organizzare una provocazione su larga scala nella zona.

Questa idea è anche suggerita dalle informazioni secondo cui il Pentagono ha effettivamente autorizzato le navi statunitensi a usare armi in tali situazioni. Una tale provocazione in mare può diventare un pretesto formale per l’intervento americano nel conflitto contro la Russia dalla parte dell’Ucraina, almeno nella sfera aria-mare.

Praticamente lungo tutto il perimetro dei nostri confini (senza contare i confini terrestri meridionali, dove gli Stati Uniti e i suoi alleati non possono raggiungere a causa delle condizioni militari-geografiche e politiche, e quelli oceanici settentrionali, dove i ghiacci dell’Oceano Artico lo impediscono) , gli americani e gli stati amici creano focolai di tensione militare che colpiscono direttamente la Russia. Inoltre, il grado, la natura e il contenuto dell’addestramento militare sono tali da consentire una preparazione diretta ai conflitti armati e alle guerre locali.

Konstantin Sivkov ,

vicepresidente di RARAN per la politica dell’informazione fonte: Vpk News

Pubblicato nel numero 45 (908) del 23 novembre 2021

Exit mobile version