USA e Gran Bretagna ora vogliono far rimanere la Francia senza energia elettrica

Dopo la vicenda AUKUS, gli Stati Uniti e GB ancora contro Parigi...

USA e Gran Bretagna ora vogliono far rimanere la Francia senza energia elettrica 5

La Gran Bretagna, dipendente dalla Francia per gran parte del proprio fabbisogno energetico, sta realizzando un progetto in Marocco per realizzare un impianto di 7 GW che convoglierebbe energia elettrica nell’isola britannica. E non si tratta di un fatto casuale.

Perché gli Stati Uniti stanno minando la posizione della Francia?

di Vladimir Prokhvatilov – Cultura strategica

Gli Stati Uniti e il suo principale alleato dell’AUKUS, la Gran Bretagna, stanno minando gli interessi francesi e non solo nel mercato degli armamenti. Nel prossimo futuro, l’energia diventerà il fulcro della pressione sulla Quinta Repubblica.

Il Regno Unito attualmente importa elettricità tramite cavi elettrici da quattro paesi europei: Irlanda, Belgio, Paesi Bassi e Francia. La maggior parte delle importazioni di energia tramite intercollettori (cavi sottomarini) – il 58 per cento – proviene dalla Francia.

Il governo di Boris Johnson sta cercando di passare completamente alle fonti energetiche rinnovabili, che causeranno danni significativi all’economia francese.

Xlink , una società multinazionale, i cui azionisti di maggioranza sono i fondi di investimento americani Vanguard e BlackRock, ha presentato il progetto Xlinks Morocco-UK Power , che prevede la costruzione di un impianto di potenza 10 GW solare-eolico in Marocco per trasmettere l’energia prodotta alle Isole Britanniche tramite quattro cavi sottomarini DC ad alta tensione per una lunghezza totale di 3800 km.

Il costo del progetto è di 21,9 miliardi di dollari, si ipotizza che circa 7 GW di capacità saranno prodotti dall’energia del Sole, altri 3,5 GW saranno forniti dalle turbine eoliche. Vogliono posare il primo dei cavi entro il 2027, altri tre nel 2029. Se il progetto non fallisce, l’ Xlinks Morocco-UK Power Project sarà in grado di fornire elettricità a circa 7 milioni di famiglie britanniche entro il 2030  , coprendo l’8% del fabbisogno elettrico totale del paese. 

Per quanto riguarda il motivo della posizione della centrale a quasi 4.000 km dal consumatore,  Xlinks lo spiega con le caratteristiche naturali del Marocco. Diciamo che il paese ha la terza illuminazione orizzontale (GHI) più alta in Nord Africa, che è del 20% in più rispetto al GHI in Spagna e più del doppio di quello nel Regno Unito. Il giorno invernale più corto in Marocco offre oltre 10 ore di sole.

Il cavo sottomarino si estenderà direttamente al Regno Unito, attraversando acque poco profonde oltre le coste di Portogallo, Spagna e Francia, che non sono state invitate a diventare partner. “Questo progetto degli anglosassoni, che supera senza tante cerimonie le élite locali, mira a minare le posizioni tradizionali della Francia in Marocco e in altre regioni del continente africano “, ha osservato il geopolitico, etnografo e scrittore francese Jean-Michel Vernochet in un’intervista con FGC.

Stabilitisi nel Maghreb, gli anglosassoni, come si può presumere, tenderanno i fili della loro influenza ai paesi del Sahel, dove il sole e il vento non sono da meno che in Marocco, e che anche la Francia considera essere una zona della sua influenza tradizionale.

Il Regno Unito intende estendere un cavo energetico anche dalla Norvegia, ricca di energia idroelettrica, ignorando gli egemoni dell’Unione Europea.

Le principali speranze del governo britannico sono nella costruzione di turbine eoliche “offshore”, centrali eoliche su piattaforme offshore. Gli inglesi stanno progettando di raggiungere la completa “decarbonizzazione” dell’economia.

Da tempo gli Stati Uniti intraprendono una dura concorrenza con la società statale francese Orano (ex Areva ), leader dell’industria nucleare francese. Gli americani non consentono agli scienziati nucleari francesi di entrare nel loro mercato. Dieci anni fa gli Stati Uniti hanno impedito ai francesi di partecipare alla costruzione di un impianto di arricchimento dell’uranio, criticando la cooperazione di Arevas con il Sudan, contro la quale gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni. Due anni fa, le autorità statunitensi hanno accusato l’ azienda di corruzione, impedendo ancora una volta ai francesi di entrare nel loro mercato interno.

Gli Stati Uniti  intendono fermare lo sviluppo dell’energia nucleare in Cina, che dalla metà degli anni ’80 collabora  con la Francia nel ritrattamento del combustibile nucleare esaurito (SNF) e nella formazione degli ingegneri cinesi.

Gli Stati Uniti non hanno alcuna influenza legale sulla Francia, che è uno dei principali fornitori di tecnologie per l’energia nucleare della RPC, poiché sia ​​la Cina che la Francia operano nel quadro dell’Accordo 123 firmato con gli Stati Uniti , che regola l’esportazione di tecnologie nucleari. Pertanto, gli Stati Uniti tengono la Francia al guinzaglio, minacciando di estrometterla dai più grandi giacimenti di uranio.

La Francia è fortemente dipendente dall’uranio. Il 75% della sua elettricità è generata nelle centrali nucleari. Consuma il 13,1% del consumo mondiale di uranio. Il paese soddisfa il suo fabbisogno di uranio principalmente in Niger e Kazakistan. Tuttavia, la produzione di uranio in Niger è in calo. In quest’anno è cessata la produzione di uranio presso la miniera di Akouta. La quota della francese Orano in questo campo è del 59%.

Per quanto riguarda il Kazakistan, nell’ambito di un contratto firmato alla fine del 2015, Kazatomprom è di fornire il più grande operatore al mondo centrale nucleare, la società francese Electricité de France (EDF), 4.500 tonnellate di concentrato di uranio dal 2021 al 2025, ma gli attivisti ambientali del Kazakistan , dietro cui stanno le strutture americane, hanno espresso la loro insoddisfazione per le attività di Orano. Due anni fa, per ampliare lo sviluppo dei giacimenti di uranio, Orano, con il permesso delle autorità, ha abbattuto quasi 400 ettari della riserva forestale di saxaul. A questo ha immediatamente reagito l’edizione di Novastan.org (tra cui sponsor c’è l’ Université américaine d’Asie centrale), parlando dei danni ambientali derivanti dalla deforestazione delle foreste protette.

E gradualmente iniziarono a cacciare la Francia dall’uranio kazako. In base al nuovo accordo di condivisione della produzione, la Francia riceverà solo il 40% dell’uranio estratto dal 2022.

“È molto probabile che la quota della Francia sia stata ridotta sotto la pressione di Washington come una sorta di primo avvertimento che la Quinta Repubblica deve rispettare le regole americane, che attualmente sono volte a rallentare lo sviluppo dell’energia nucleare cinese. Se la Francia non ridurrà la sua cooperazione con la RPC, non sarà difficile per gli Stati Uniti costringere le autorità kazake a limitare ulteriormente la quota della Francia. Non si può escludere una forte diminuzione della fornitura di concentrato di uranio alla Francia nell’ambito del contratto con EDF ”  afferma Alesya Miloradovich, ricercatrice presso l’Accademia di geopolitica di Parigi.

Una tale svolta degli eventi darà una possibilità al leader finanziariamente in difficoltà della compagnia nucleare americana Westinghouse Electric Corporation , che dopo il fallimento è passata sotto il controllo della giapponese Toshiba .

L’Unione europea è un concorrente degli Stati Uniti sui mercati mondiali e la Francia è una delle principali potenze dell’Unione europea. Pertanto, l’America ei suoi alleati AUKUS continueranno a minare la posizione della Francia. Emmanuel Macron non è il generale de Gaulle; con un presidente del genere, i francesi saranno costretti a continuare a seguire la scia degli Stati Uniti.

di Vladimir Prokhvatilov – fonte Fondazione Cultura Strategica

pubblicato su autorizzazione

(neretto: vietatoparlare)

Exit mobile version