Unione Europea: rappresaglie“entro pochi giorni” se passano nuove sanzioni USA contro la Russia

[ad_1]

Il presidente russo Vladimir Putin, e a sinistra,  il cancelliere tedesco Angela Merkel arriva per i colloqui nella residenza russa di Putin sul Mar Nero a Sochi, in Russia, Martedì, 2 maggio 2017. (AP / Alexander Zemlianichenko)

(ZERO HEDGE) – In quello che sembra destinato ad essere una importante prova di forza diplomatica tra Washington e Bruxelles, domenica la Casa Bianca ha detto che il presidente Trump è aperto all’indurimento delle sanzioni contro la Russia dopo che il Congresso la scorsa settimana ha fatto grandi pressioni per preparare un nuovo progetto di legge che prevede un ulteriore  inasprimento delle sanzioni .

“Sosteniamo l’attuale progetto di legge e continuerò a lavorare con il Senato e la Camera perchè vengano emesse in atto più dure sanzioni  sulla Russia fino a quando la situazione in Ucraina sarà completamente risolta e certamente non è in questo momento” ha detto Sarah Sanders della Casa Bianca  nel corso del programma di ABC “This Week con George Stephanopoulos” .

Come  notato ieri , Democratici del Congresso hanno detto il Sabato che avevano concordato con i repubblicani un’intesa che consente nuove sanzioni rivolte alla Russia, l’Iran e la Corea del Nord. Tale intesa consiste in un disegno di legge che limiterebbe qualsiasi potenziale sforzo da parte di Trump per cercare di togliere le sanzioni contro Mosca. Un funzionario della Casa Bianca  citato da Reuters, ha detto in seguito  che la posizione dell’ amministrazione sulla normativa si è evoluta dopo le modifiche che sono state apportate, compresa l’aggiunta di sanzioni contro la Corea del Nord. Il funzionario ha detto che l’amministrazione “sostiene la direzione verso la quale il disegno di legge è diretto, ma non si pronuncerà in modo conclusivo finché non ci sarà la stesura definitiva della legge.”

Le restrizioni contro la Russia vengono come parte del ‘Countering Iran’s Destabilizing Activities Act’, e puntano non solo contro Teheran, ma anche contro la Corea del Nord. Inizialmente approvate dal Senato il mese scorso, le misure cercano di imporre nuove misure economiche sui principali settori dell’economia russa. Il progetto di legge dovrebbe anche introdurre sanzioni individuali  sugli investitori che investono sul progetto del gasdotto  Nord Stream  2 gas di Gazprom, e delinea misure per ostacolare la costruzione del gasdotto imponendo sanzioni alle imprese europee che contribuiscono al progetto.

Anche altri progetti riguardanti l’energia, come ad esempio gli oleodotti e gasdotti del Mar Caspio, il transito del gas in Ucraina, e il campo Zohr al largo della costa egiziana, possono essere colpiti a causa della partecipazione di società russe.

Eppure, mentre la reazione avversa della Russia è prevedibile, e probabilmente porterà a contro-sanzioni immediate, forse insieme con l’espulsione di  35 diplomatici, nonché la confisca di proprietà degli Stati Uniti in Russia; è la risposta dell’UE che merita molta attenzione.

Infatti, secondo una nota interna trapelata alla stampa, Bruxelles ha detto che agirebbe “entro pochi giorni”, se i piani statunitensi di imporre nuove sanzioni alla Russia dimostrassero di essere dannosi per i legami commerciali dell’Europa con Mosca. La reazione UE potrebbe includere come misura di ritorsione la limitazione della giurisdizione degli Stati Uniti su imprese dell’UE. Il memorandum, visto dal Financial Times come politico, è emerso come opposizione alla ratifica del disegno di legge degli Stati Uniti che cercano di colpire la Russia con un nuovo round di sanzioni. Il disegno di legge, se convertito dal presidente degli Stati Uniti, darà ai legislatori degli Stati Uniti il ​​potere di veto a qualsiasi tentativo da parte del presidente di revocare le sanzioni.

Il capo della Commissione europea, Jean-Claude Juncker si è detto particolarmente preoccupato per le sanzioni che avrebbero del tutto trascurato gli interessi delle aziende europee. Juncker ha detto che Bruxelles “dovrebbe essere pronta ad agire entro pochi giorni” se le sanzioni sulla Russia saranno “adottate senza che le preoccupazioni dell’UE saranno prese  in considerazione”, lo riporta il  Financial Times .

Il memo UE avverte inoltre che “le misure potrebbero avere un impatto su un numero potenzialmente elevato di aziende europee che fanno affari legittimi nell’ambito della legislazione della UE con  soggetti giuridici russi , riguardanti ferrovie, settori della navigazione , finanziarie, minerarie  e altri.”

Il memo trapelato di recente suggerisce che l’UE sta cercando “una dichiarazione pubblica” da parte dell’amministrazione Trump che non applicherà le nuove sanzioni in modo che gli interessi europei vengano salvaguardati, come riferisce  Politico . Altre opzioni sul tavolo includono che scatti il ‘‘Blocking Statute,’ un regolamento della UE che limita l’applicazione extraterritoriali delle leggi degli Stati Uniti  in Europa. Secondo la nota, sono anche considerate un certo numero di ritorsioni in sede WTO.

In precedenza domenica, abbiamo riportato che la UE ha espresso il proprio disagio sul disegno di legge delle sanzioni, quando la Commissione europea ha detto in una dichiarazione che il disegno di legge sulle sanzioni   Russia / Iran  “è   guidato principalmente da considerazioni di politica interna”, aggiungendo che “potrebbe avere conseguenze impreviste, non solo quando si tratta dell’unità del patto transatlantico / G7 unità, ma anche sugli interessi di sicurezza economica ed energetica dell’Unione europea.”

(…)

SOURCE LINK: Zero Hedge


 

 

Exit mobile version