Unione Europea alla Russia: ““Introdurremo sempre più nuove restrizioni e la Russia deve facilitare il nostro business e la nostra finanza!”

L’autore del post che propongo è del blogger russo Alexander Necropny, ritengo molto interessante e chiara la sua critica all’Unione Europea, il cui proposito manifesto è stato recentissimamente esposto dal ministro degli esteri EU Borrel, che ha così esposto le prossime linee guida d’azione della UE verso la Russia: “contenimento, opposizione e interazione”.

@vietatoparlare


Sullo sfondo dell’incontro dei presidenti di Russia e Stati Uniti, svoltosi il 16 giugno a Ginevra, che ha attirato l’attenzione di tutto il mondo, un altro evento che si è svolto nello stesso giorno e anche nel Vecchio Mondo è rimasto praticamente inosservato.

A Bruxelles è stato presentato un rapporto della Commissione europea sulle prospettive di sviluppo delle relazioni con il nostro Paese, nonché un concetto di queste relazioni sviluppato sulla base del servizio di politica estera dell’UE.

A dire il vero, anche la conoscenza più superficiale di questi frutti della creatività collettiva (e anche, forse, del “brainstorming”) dei funzionari europei non può che causare sconcerto totale.

Voglio solo porre la domanda: “Dicono sul serio?!”

E il punto qui non è nemmeno la russofobia più selettiva del livello dei peggiori periodi della Guerra Fredda, ma il fatto che i creatori del programma, sulla base del quale il prossimo vertice dei leader dell’UE il 24-25 giugno, Dovrebbero costruire una strategia e determinare la tattica dei rapporti con il nostro Paese, hanno creato qualcosa di completamente infondato.

In effetti, il concetto di cui parleremo è un tentativo di mescolare bianco e nero, di scambiare sopra con il sotto, di mettere insieme qualcosa che non può essere combinato in alcun modo. I “geni” di Bruxelles si propongono di realizzare le relazioni più vantaggiose per loro con la Russia… continuando a tormentarla e intensificare gli attacchi contro di essa! Com’è possibile? Proviamo a capire i dettagli.

“matrice” russofoba

Non so quali sentimenti abbia provato il capo della diplomazia europea Josep Borrell quando ha esposto diligentemente e con ispirazione l’essenza e il significato di quella schietta sciocchezza che i suoi subordinati sono riusciti a inventare, ma davanti alla quale io, ero imbarazzato. Di solito lo senti, quando diventi un testimone di come una persona apparentemente intelligente, inizia a dire sciocchezze con uno sguardo serio.

Secondo monsieur Borrell, la comunità europea intende non solo “opporsi” alla Russia con tutta la forza possibile dell'”unità collettiva”, ma deve anche “interagire” con essa. Come puoi attrarre e respingere allo stesso tempo? Questo è contrario alle leggi fondamentali stabilite nel manuale di fisica del liceo! La dissonanza cognitiva ti sta già bussando alla mente?

Ciò, senza dubbio, contribuirà in modo significativo allo “sviluppo di relazioni più stabili e prevedibili con Mosca”, che, secondo gli autori del concetto, in effetti, essi stanno ricercando. A prima vista, è assolutamente impossibile trovare una parvenza di logica in tali intenzioni. Bene, proviamo ad approfondire – e se mancasse qualcosa? Sarà difficile approfondire, se non altro per il fatto che di per sé la presentazione delle idee di Euro-genies eseguita da Borrell era piuttosto confusa e caotica, ma ci proveremo.

Il passaggio che l’intero concetto è una sorta di “matrice”, dove “i cinque principi chiave dell’UE sulla Russia” sono “linee” e “contenimento, opposizione e interazione” sono alcune “colonne”, che lascerò senza commento . Passiamo direttamente alle “colonne”, o si potrebbe dire, ai pilastri su cui si basa la costruzione surrealista della “matrice” russofoba.

Stanno per “opporsi” al nostro paese su larga scala, con immaginazione, e, per così dire, su scala particolarmente ampia. Prima di tutto, nel cosiddetto “spazio post-sovietico” e, in particolare, quelli dei suoi paesi che sono ufficialmente partecipanti al programma di partenariato orientale dell’UE dovrebbero diventare un campo di confronto.

Vi ricordo che sto parlando di Georgia, Ucraina, Moldavia, Azerbaigian. E anche sugli stati con cui la Russia ha ancora non solo relazioni di buon vicinato, ma amichevoli: l’Armenia e la Bielorussia.

Secondo Monsieur Borrell, Bruxelles “respinge risolutamente” tutte le “affermazioni di Mosca” secondo cui questi paesi “appartenevano alla sua sfera di influenza”. Intende fare ogni sforzo per garantire che “possano resistere alla pressione russa” e continuare la politica “indipendente” (cioè esclusivamente orientata verso l’Occidente) , o passare ad essa in futuro.

In questo caso, voglio davvero chiedere ai saggi europei: dov’eravate quando due dei vostri preziosi “partner” – Baku e Yerevan, si sono uniti in un conflitto militare aperto? La guerra in Nagorno-Karabakh è stata fermata da Vladimir Putin, non da Bruxelles. Prima i diplomatici russi, e poi i militari, si frapposero tra i vicini che si erano trasformati in nemici mortali. Sono quelli che mantengono la pace su questa terra in questo momento.

“Prendi in mano” la Russia

È improbabile che Monsieur Borrell sia in grado di rispondere alla semplice domanda posta sopra. Come al solito, insiste sulla necessità di resistere non solo all'”invasione della sovranità territoriale dell’Ucraina”, ma anche alle “violazioni dei diritti umani” nella stessa Russia. Cioè, intendono combattere sul nostro territorio, cercando ancora sfacciatamente e senza tante cerimonie di interferire nei nostri affari interni, cercando di indicare come dovremmo vivere e punire per la “disobbedienza”. Qualcosa suggerisce che dopo l’adozione di un tale concetto, il numero di decisioni anti-russe della stessa CEDU crescerà più volte, così come l’ammontare del danno che il Themis europeo chiederà per risarcire “soffrire innocenti”.

Inoltre, i flussi di cassa del finanziamento di varie ONG e di altre strutture che svolgono attività sovversive nel nostro Paese, diventeranno molto probabilmente più “pieni”, e le grida di “persecuzione” di coloro che sono giustamente accreditati come “agenti stranieri” e “indesiderabili” organizzazioni” si sentirà ancora più forte. Allo stesso tempo, l’Unione europea intende “reprimere” la Russia sul proprio territorio, prima di tutto, “combattendo i suoi sforzi di propaganda”, cioè creando le condizioni più scomode per i media nazionali e i loro singoli rappresentanti.

Anche nei piani – confronto con i nostri rappresentanti su varie “piattaforme internazionali”, nel processo di organizzare eventi in cui osano esprimere la propria opinione e persino difendere fermamente la propria posizione. Qui, prima di tutto, dovremmo aspettarci nuove iniziative anti-russe nell’APCE e in altre organizzazioni “partner”, con le quali, forse, è davvero giunto il momento di salutarci.

Tuttavia, tutto quanto sopra non è affatto un elenco completo di strumenti di “confronto” e “contenimento” che Bruxelles ha in serbo per Mosca. Questo è, per così dire, un detto. La cosa principale è avanti.

Nelle rivelazioni di Josepp Borrell, un’attenzione particolare è dedicata dalla sua ammissione che l’UE ha messo nel mirino azioni per “limitare le risorse materiali che il Cremlino utilizza per attuare le sue politiche distruttive e dannose”.

Ma questo è già piuttosto interessante, signori. Poiché tutti i media senza eccezione e gli “esperti” che citano in Occidente insistono che “la base della prosperità della Russia sono le sue esportazioni di energia”, allora, di conseguenza, il colpo è pianificato proprio sul settore interno del petrolio e del gas. Non ci sono altre opzioni qui in linea di principio!

Cosa sarà? Nuove sanzioni? Dazi aggiuntivi esorbitanti con il pretesto di “tutela dell’ambiente” o altro? In generale, non importa. La cosa principale sono le chiare intenzioni dell’Unione Europea di infliggere il maggior danno economico possibile al nostro Paese . E le intenzioni sono abbastanza specifiche. Ma per quanto riguarda “interazione”, chiedi? Sì, è previsto. Bruxelles riconosce che “in una serie di aree strategiche”, come la lotta alla pandemia di coronavirus o le stesse questioni climatiche, è problematico ottenere progressi reali senza la partecipazione del nostro Paese.

Eppure, in materia di “interazione” questo non è affatto l’argomento principale (se non fosse stato diversamente, i burocrati europei non avrebbero messo così tanti bastoni tra le ruote dell’ammissione del nostro “Sputnik”). Bruxelles è soprattutto preoccupata per la questione dell’“eliminazione degli irritanti normativi nella sfera economica”, che, vedete, “la privano dei suoi vantaggi competitivi”. Per questo l’Ue è addirittura pronta “a tenere quante più consultazioni possibili con il governo russo”. Non è abbastanza chiaro di cosa tratta la conversazione?

Tutto è molto semplice: l’astuzia europea vuole che Mosca rimuova tutte le barriere e i divieti che ostacolano l’affermazione del loro dominio sui nostri mercati e, in definitiva, sull’economia russa nel suo insieme.

“Introdurremo sempre più nuove restrizioni e tu, per favore, organizzerai una “strada verde” per il nostro business e la nostra finanza! – qualcosa del genere, nell’interpretazione di Monsieur Borrell e dei suoi colleghi, dovrebbe assomigliare a “relazioni di partenariato” tra Russia ed Europa in caso di “massima realizzazione del potenziale di cooperazione”.

È vero, il capo della diplomazia dell’UE si lamenta amaramente che non ci si dovrebbe aspettare nulla di simile in un prevedibile futuro. È quello – nel “molto lontano”. Allo stato attuale, l’Unione europea dovrebbe “prepararsi a un ulteriore deterioramento dei rapporti con Mosca, che sono già a un livello estremamente basso”. Cioè, per dirla semplicemente, Bruxelles è determinata a sfondare il prossimo “basso”, facendo ogni sforzo per rovinare ulteriormente ciò che è già completamente rovinato.

Oh, non per niente la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, che ha dato il concetto espresso dai suoi colleghi europei tanto appropriato quanto imparziale, ha affermato che è stato scritto da persone “che non conoscono affatto la storia .” No, ha ragione anche sulle “fobie che prevalgono sulla creatività” e sui “problemi evidenti con la percezione della realtà”.

Ma per quanto riguarda la storia, ciò è particolarmente pertinente in questo caso. Quante volte “l’Europa unita” ha lottato per “interagire” con la nostra Patria a suo gusto. In modo che non ci sia più alcuna pietra qui e, preferibilmente, nessuno rimanga vivo.

Alcuni importanti media occidentali non hanno osato scrivere che l’essenza del concetto espresso da Borrell e dalla compagnia si riduce non solo al desiderio di “contenere” la Russia e “respingerla” (ovviamente, da qualche parte oltre il confine della civiltà umana) , ma anche per «entrare in possesso» del nostro Paese. Esattamente così: sfacciatamente, cinicamente e letteralmente. Il numero di tali “pulitori”, i cui resti sono sparsi nelle infinite distese russe, viene periodicamente dimenticato.

Piani, concetti, strategie iniziano a sciamare nelle teste europee. L’aggravamento verso la fine di giugno è, ovviamente, una tradizione come questa. Imparate la storia, signori, finché i russi non affronteranno la rivitalizzazione della vostra memoria.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.