Ungheria – Orban si rifiuta di punire le famiglie ungheresi per la guerra ucraina

A differenza di altre nazioni occidentali che hanno detto ai poveri di sostenere il costo delle sanzioni economiche contro la Russia, il primo ministro Viktor Orbán dice che non punirà le famiglie ungheresi.

L‘amministrazione Biden ha vietato con effetto immediato le importazioni di petrolio e gas russi.

“Il petrolio russo non sarà più accettabile nei porti statunitensi e il popolo americano infliggerà un altro potente colpo alla macchina da guerra di Putin”, ha detto Biden.

Agli americani è stato detto da media mainstream come il Washington Post che in futuro si dovranno accettare prezzi del gas superiori a $ 4 dollari perché “affrontare Putin vale il prezzo”.

Nel Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato che il governo abbandonerà gradualmente l’importazione di petrolio russo entro la fine dell’anno.

Nonostante le forniture russe rappresentino solo l’8% delle importazioni complessive di petrolio nel Regno Unito, i prezzi della benzina e del diesel sono già alle stelle e le famiglie britanniche devono affrontare il peggior calo del reddito reale degli ultimi decenni.

Nel frattempo, in Ungheria, Viktor Orbán ha promesso di non punire le persone nel suo paese per quanto sta accadendo in Ucraina.

“È chiaro che siamo tutti interessati a porre fine a questa guerra il prima possibile e in modo negoziato”, ha dichiarato Orbán, aggiungendo che si è opposto alle sanzioni per petrolio e gas a causa dell’onere economico che avrebbero gravato sulle famiglie ungheresi.

“L’estensione delle sanzioni al settore energetico, petrolifero e del gas rappresenterebbe un onere sproporzionato per l’Ungheria. Ecco perché ho chiarito che condanniamo l’attacco armato della Russia, condanniamo anche la guerra, ma non permetteremo che il prezzo della guerra venga pagato alle famiglie ungheresi! Pertanto, le sanzioni non dovrebbero essere estese a petrolio e gas”, ha affermato.

Con il 90% delle famiglie ungheresi che riscaldano le proprie case con il gas e il paese con il che importa la maggior parte del petrolio e del gas naturale dalla Russia, sostenere tali sanzioni paralizzerebbe il paese.

I sentimenti di Orbán sono stati ripresi da Pavol Kubík, portavoce della società slovacca di trasporto del gas Slovak Eustream.

“Al momento, non esiste un sostituto efficace per le forniture di gas russe e fermarle farebbe più danni all’UE che alla Russia”, ha affermato Kubík, aggiungendo: “La fornitura diminuirebbe chiaramente, il che avrebbe varie conseguenze regionali”.

La giustificazione è coerente e tutti dovrebbero essere ragionevoli. Non nascondiamoci dietro ad un gito: la guerra in corso, non è solo la guerra tra la Russia e l’Ucraina ma è anche quella di lunga data tra l’occidente e la Russia.

Ricordo che l’Ungheria a non far sopportare le lotte geopolitiche ai propri cittadini, non permetterà ai carichi di armi   -che allontanano i negoziati e vanno ad aggiungere benzina sul fuoco – di essere trasportati in Ucraina tramite il proprio territorio.

Ogni politico di bun senso, non soggiogato dall’euforia bellica dovrebbe guardare l’Ungheria. Se vogliamo costruire, non distruggere e critichiamo realmente la distruzione, innanzitutto non distruggiamo a nostra volta.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.