Ungheria – Orban propone un nuovo partito europeo “per coloro che vogliono proteggere le loro famiglie e la patria”

Il partito del presidente Orban è appena uscito dal PPE , poco prima che il PPE lo avrebbe comunque espulso , cambiando appositamente  le regole  per farlo.

Katalin Novák, ministro della famiglia nel governo ungherese e vicepresidente di Fidesz, ha accusato il PPE di impegnarsi in combattimenti “inaccettabili” in un momento in cui “l’Europa sta combattendo per salvare vite umane” in mezzo alla pandemia di coronavirus:

Poco dopo il ritiro della sua formazione politica dal PPE, Orban ha annunciato che si propone di creare un nuovo partito europeo “per coloro che vogliono proteggere le loro famiglie e la patria”. 
Lo ha dichiarato il presidente ungherese Orban pochi giorni dopo che il partito Fidesz di Orban ha lasciato la fazione conservatrice del PPE al Parlamento europeo.

Tra le varie voci su possibili nuove alleanze con la partecipazione di “Fidesz” al Parlamento europeo, Orban ha detto che “tutte le proposte per il rinnovamento della politica europea sono allo studio”.

“L’Europa dovrebbe avere una sede politica per le persone che scelgono questa nostra linea, ovvero – coloro che vogliono proteggere le famiglie, difendere la loro patria, che pensano in termini di Stati nazionali che lavorano insieme, non per un impero europeo”, ha detto Orban in un’intervista alla radio di stato. “Dobbiamo lavorarci su, e penso che questa direzione politica sarà una forza decisiva in Europa”.

Orban ha detto che stava negoziando con i “polacchi”, cioè il partito PiS di destra al potere in Polonia, così come con Matteo Salvini e Georgia Meloni.

Orban ha anche detto:

“Dobbiamo creare una legge democratica europea che offra una casa ai cittadini europei che non vogliono migranti, che non vogliono il multiculturalismo, che non si sono piegati alla follia LGBTQ, che difendono le tradizioni cristiane dell’Europa, che rispettano la sovranità delle nazioni e che considerano le loro nazioni non come parte del loro passato, ma come parte del nostro futuro “.

La decisione di ritirarsi dal PPE è stata presa subito dopo che il blocco conservatore ha votato per cambiare le regole per escludere Fidesz dalla raggruppamento.

Il PPE, che riunisce i principali partiti di centrodestra in Europa, è il più grande blocco elettorale del Parlamento europeo. Questo è il partito di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, e del cancelliere tedesco Angela Merkel.

Il PPE ha già sospeso l’adesione di Fidesz nel 2019 a causa delle accuse del governo ungherese indirizzate contro l’ex capo della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il miliardario statunitense George Soros, accusati entrambi di cospirazione per inondare l’Europa di migranti.

Mentre Fidesz è tecnicamente ancora un membro del PPE, Orban ha detto venerdì che “le nostre strade sono divergenti”.

Paradossalmente, sul Foglio è riportato che secondo il PPE i valori sono propria esclusiva e quindi il PPE è molto contento di essersi tolto il peso di Orban:

“Orbán sarà più solo in Europa, più esposto a procedure di infrazione e, in prospettiva, alla possibilità di vedersi sospendere il diritto di voto in seno al Consiglio per le violazioni sistematiche allo stato di diritto.

Il voto di ieri all’interno del Ppe che ha provocato l’uscita di Orbán “è un segnale di forza e di unità”, ha detto il presidente del gruppo, Manfred Weber: “E’ chiaro che Fidesz si era allontanato dai valori di Schumann, De Gasperi, Kohl e Adenuaer”.

Come se l’Unione Europea attuale avesse lontanamente a che fare con i padri fondatori….

@vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.