Un Grand Jury chiamato a giudicare sulla presenza di esplosivo al WTC l’11 settembre 2001

Pubblicità

Nel mese di febbraio scorso, a New York, è nato il Comitato Giuristi per un’Inchiesta sull’11 Settembre (Lawyers Committee for 9/11 Inquiry), che nel mese di aprile ha depositato alla procura distrettuale di New York Sud una petizione di 52 pagine e 57 reperti. Alla scadenza dei sei mesi regolamentari il procuratore ha designato un Grand Jury per esaminare l’esposto.
Il Comitato non mette in discussione in questa fase la versione bushiana degli attentati dell’11 settembre 2001. Non si pronuncia sull’impatto dei due aerei che colpirono due dei tre edifici crollati. Si concentra esclusivamente sugli esplosivi nelle torri WTC1, WTC2 e WTC7, rilevando che la loro presenza e il ruolo avuto quel giorno costituiscono un crimine federale, per il momento non ancora perseguito.

Il procuratore Geoffrey S. Berman è stato per due anni associato di Rudy Giuliani, sindaco di New York al momento dei fatti. Giuliani aveva invitato i concittadini a evacuare le torri colpite dagli aerei di linea, WTC1 e WTC2, per il rischio di crollo. Ebbene, quegli edifici erano stati costruiti per resistere a choc ben più violenti.

Il Grand Jury dovrebbe riunirsi in udienza nel 2019. Per la prima volta dopo 17 anni da quegli avvenimenti, la giustizia civile (e non militare) statunitense prenderà in esame uno degli aspetti degli attentati dell’11 settembre.

Source link