Un altro punto vista sulla persecuzione degli uiguri…

Propongo un punto di vista differente da quello che abitualmente siamo abituati a leggere sulla questione della minoranza uigura.

La CINA è al Centro di una disputa internazionale con gli USA per il predominio del commercio mondiale. Pertanto in questi casi tutto è da prendere con estrema cautela. A meno che non si vuol affrontare tutto con il fatto che ‘a prescindere’ la Cina è comunista e quindi ha torto. Ovviamente, un giudizio così non è equilibrato ed ha lenti colorate. Se si pensa di voler risolvere in questo modo le relazioni internazionali, una simile posizione è abbastanza povera. Occorre invece affrontare ogni singola questione con libertà ed obiettività.
A volte alla verità più facilmente ci si avvicina approfondendo entrambe le posizioni. D’accordo sappiamo che la Cina non è una isola felice e vede con sospetto ogni cosa che non è cinese, sappiamo della testimonianza di persone pacifiche come il card Van Thuan e della sua carcerazione. Tuttavia, ogni cosa va inserita nel suo contesto storico. Inoltre, nessuno si lamenta della persecuzione di cristiani in paesi dove non si può esporre affatto neanche una croce, pena la morte. Evidentemente sono due pesi e due misure… 
Perciò propongo un punto di vista differente da quello che abitualmente siamo abituati a leggere sulla questione della minoranza uigura. Ovviamente, la trattazione non intende esaurire l’argomento ma presenta elementi interessante e di indubbio valore giornalistico. Soprattutto dovrebbe essere di qualche conto che la difesa dei musulmani uiguri è sostenuta più ferocemente dall’occidente che dai paesi arabi. Inoltre, cosa pensare di chi sollecita il rispetto dei diritti di minoranze quando nella sola Iraq ha causato più di un milione di morti inutilmente , in base a falsi presupposti?

VP News blog


La risposta della Cina all’Islam radicale

Lo Xinjiang, ufficialmente la regione autonoma uigura dello Xinjiang, è un territorio nel nord-ovest della Cina con una popolazione di 25 milioni di abitanti. Condivide i confini con otto paesi: Afghanistan, India, Kazakistan, Kirghizistan, Mongolia, Pakistan, Russia e Tagikistan. Ospita dozzine di minoranze. Gli uiguri – un popolo turco, principalmente musulmano sunnita – costituiscono il più grande gruppo etnico di Xianjang.

Lo Xinjiang è la principale regione produttrice di gas naturale della Cina ed è un’importante rotta ferroviaria e di gasdotti che collega la Cina al resto dell’Eurasia.

Gli uiguri hanno una lunga storia di lotta armata volta a stabilire il controllo politico su un territorio che considerano la loro patria. Nel perseguire questo obiettivo, hanno operato sotto le bandiere dell’Islam e del Turkismo. I jihadisti uiguri hanno effettuato attacchi ai civili per obiettivi politici, cioè coinvolti nel terrorismo.

Nel 2014:

Cinque anni prima, “156 persone sono state uccise e più di 1.000 ferite quando gli uiguri arrabbiati hanno attaccato i civili Han e hanno combattuto con le forze di sicurezza”. [Edward Wong, “Clashes in China Shed Light on Ethnic Divide”, The New York Times, 7 luglio 2009]

Notando che alcuni militanti uiguri avevano ricevuto o avrebbero probabilmente ricevuto “addestramento sulla guerra reale in Siria e Afghanistan” che avrebbero potuto utilizzare “in qualsiasi momento per lanciare attacchi terroristici nello Xinjiang” c’è stata la risposta del governo cinese.

Il presidente cinese Xi Jinping ha sostenuto un programma costruito su due fronti. Questo programma in primo luogo consiste nello sviluppare l’economia per dare lavoro agli uiguri e addestrarli nelle competenze di cui avrebbero bisogno per una occupazione lavorativa. Secondo Xi, la piena occupazione avrebbe soffocato i disordini nello Xinjiang. In secondo luogo, il progetto  implementa programmi educativi per superare l’estremismo religioso.  Questa era la logica alla base dello sviluppo di un sistema di formazione professionale e strutture di detenzione di “deradicalizzazione”.

[Ma chi si trova in questi campi di ‘rieducazione’?]

I detenuti includerebbero:

1. “Persone… che hanno partecipato ad attività terroristiche o estremiste in circostanze che non erano abbastanza gravi da costituire un crimine;

2. “Persone che… hanno partecipato ad attività terroristiche o estremiste che rappresentavano un pericolo reale ma non hanno causato danni reali;

3. “Le persone che sono state condannate e hanno ricevuto pene detentive per crimini terroristici o estremisti e che dopo aver scontato la loro pena, [sono state] valutate come ancora una potenziale minaccia per la società”.  (Istruzione e formazione professionale nello Xinjiang: The State Council Information Office of the People’s Republic of China”, Foreign Languages ​​Press Co. Ltd., Pechino, Cina, agosto 2019)

In altre parole, i detenuti sono uiguri, ispirati dall’Islam politico, che al momento non stavano scontando una pena nel normale sistema carcerario ma si ritiene che costituiscano una continua minaccia terroristica.

militanti uiguri

Secondo i documenti governativi, i centri hanno fornito un programma di studi che includeva “cinese standard parlato e scritto, comprensione della legge, abilità professionali e deradicalizzazione”. [“Vocational Education and Training in Xinjiang: The State Council Information Office of the People’s Republic of China”, Foreign Languages ​​Press Co. Ltd., Pechino, Cina, agosto 2019] I detenuti sono stati iscritti a corsi sulla distinzione “tra attività religiose lecite e illegali” e sulla comprensione di “come l’estremismo religioso è contrario alla dottrina religiosa”, al fine di persuadere i militanti a rinunciare all’Islam politico e alla lotta violenta. [“Vocational Education and Training in Xinjiang: The State Council Information Office of the People’s Republic of China”, Foreign Languages ​​Press Co. Ltd., Pechino, Cina, agosto 2019]

Nel 2018, il Wall Street Journal ha descritto il programma di detenzione in questo modo: “La Cina ha iniziato le detenzioni di massa circa due anni fa come parte di una spinta per soffocare un movimento separatista uiguro occasionalmente violento che secondo Pechino ha legami con jihadisti stranieri. Alcuni uiguri si sono uniti allo Stato Islamico in Iraq e Siria “. [Eva Dou, “La Cina riconosce i centri di rieducazione per gli uiguri”, The Wall Street Journal, 10 ottobre 2018]

Gli Stati Uniti hanno sottoposto le strutture di detenzione a feroci critiche, ma la censura statunitense rappresenta il culmine dell’ipocrisia. Considera come gli Stati Uniti hanno affrontato i jihadisti violenti, compresi gli uiguri che si sono uniti all’ISIS. Invece di riabilitarli e dare loro un lavoro, come hanno fatto i cinesi, gli Stati Uniti li hanno torturati nei siti occulti della CIA, li hanno murati indefinitamente a Guantanamo Bay e hanno dispiegato un programma di attacco con droni per assassinarli.

L’ipocrisia degli Stati Uniti non è andata persa al corrispondente veterano degli affari esteri Patrick Cockburn. Sarebbe “ingenuo immaginare che l’improvviso interesse dell’Occidente per” il destino degli uiguri, scrive Cockburn, “abbia molto a che fare con” la loro causa. “Il presidente Xi Jinping è stato scelto come il nuovo re demone agli occhi degli Stati Uniti e dei suoi alleati, ogni sua azione è una nuova prova del diabolico male dello stato cinese”. La critica degli Stati Uniti a Xi, ha osservato Cockburn, equivale a una “manipolazione dell’opinione pubblica” richiamando l’attenzione sugli atti dei “propri avversari e tacendo molto su atti simili … da se stessi e dai propri alleati”. [Patrick Cockburn, “L’ascesa del nazionalismo ha portato a una maggiore oppressione delle minoranze in tutto il mondo, ma gli uiguri e il Kashmir sono riportati in modo diverso”, The Independent, 7 agosto 2020]

Tutto questo è vero, tranne che la risposta degli Stati Uniti ai jihadisti violenti e quella della Cina difficilmente si possono definire simili. La risposta degli Stati Uniti si è basata su una violenza travolgente; la risposta cinese, sull’aumento del tenore di vita e l’istruzione.

Questa differenza potrebbe spiegare perché “l’Organizzazione per la cooperazione islamica – un gruppo di 57 nazioni che è stato un palese difensore dei Rohingya e dei palestinesi” ha “elogiato la Cina per ‘aver fornito assistenza ai suoi cittadini musulmani'”. [ Jane Perlez, “Con pressione e persuasione, la Cina devia le critiche ai suoi campi per i musulmani”, The New York Times, 8 aprile 2019] E in luglio , 2019, “una miriade di nazioni a maggioranza musulmana, tra cui Arabia Saudita, Iran, Egitto, Siria ed Emirati Arabi Uniti”, ha firmato “una lettera al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite che elogia il governo cinese dello Xinjiang”. [ Jon Emont, “Come la Cina ha convinto una nazione musulmana a tacere nei campi dello Xinjiang”, The Wall Street Journal, 11 dicembre 2019]

Confronta l’approvazione dell’approccio cinese con la condanna di Amnesty International dell’approccio statunitense, sopra citata. Ripetere:

Se la risposta degli Stati Uniti è stata decisamente violenta, la risposta dei governi con significative popolazioni musulmane è stata simile a quella della Cina. L’Egitto e gli Stati del Golfo arrestano jihadisti e radicali islamici e li iscrivono a programmi di “deradicalizzazione”. [Jared Malsin, Corinne Ramey e Summer Said, “Le riprese alla base della marina in Florida sono indagate come terrorismo”, The Wall Street Journal, 8 dicembre 2019] È la somiglianza nell’approccio alla Cina, secondo il Wall Street Journal, che spiega perché i paesi a maggioranza musulmana non hanno censurato la Cina per la sua risposta alla violenza islamista, [Yaroslav Trofimov, “Il mondo musulmano guarda mentre la Cina perseguita i suoi musulmani”, The Wall Street Journal, 21 febbraio 2019] e, al contrario, hanno elogiato la Cina. per il trattamento riservato alla sua popolazione musulmana.

Al contrario, gli sforzi della Cina per reprimere l’Islam radicale sono stati descritti dal Segretario di Stato americano Mike Pompeo come orwelliani, una “grave violazione dei diritti umani” e “una delle peggiori macchie sul mondo di questo secolo”. Ma il New York Times ha osservato che “i diplomatici statunitensi hanno offerto solo una muta critica pubblica a” una litania di abusi anti-musulmani da parte del governo indù-nazionalista Modi in India. Il silenzio degli Stati Uniti sull’India, osserva il giornale, ha origine nell’ostilità degli Stati Uniti verso la Cina. “Sia gli Stati Uniti che l’India si oppongono … alla Belt and Road Initiative cinese per collegare le economie di Asia, Europa e Africa – e mettere Pechino al centro del commercio globale e rafforzare le sue ambizioni geopolitiche”. Per evitare di alienare il governo Modi, Washington non ha sollevato obiezioni all’antagonismo nazionalista indù della comunità musulmana indiana. “Abbiamo bisogno di partner che la pensano allo stesso modo”, ha detto il vice segretario di Stato John J. Sullivan a Nuova Delhi in agosto, aggiungendo che Washington doveva preservare “la vitalità del partenariato USA-India” al fine di arruolare l’India negli sforzi per contrastare la Cina . [Lara Jakes, “Why the State Dept. è stato in gran parte disattivato sulle mosse dell’India contro i musulmani”, The New York Times, 17 dicembre 2019]

Nel frattempo, le azioni di Parigi per soffocare l’Islam radicale in Francia sono accettate dal governo e dai media statunitensi con equanimità, nonostante la loro somiglianza con le azioni della Cina. Il presidente francese Emmanuel Macron intende mettere fuorilegge quello che chiama “separatismo islamico” nelle comunità in cui afferma che “le leggi religiose hanno la precedenza su quelle civili”. “I gruppi che praticano forme radicali di Islam, ha detto Macron, stavano cercando di creare una società parallela governata da regole e valori diversi da quelli abbracciati dalla Repubblica”. Per sopprimere il rozzo equivalente del movimento separatista uigura di ispirazione islamista, Macron sta cercando l’autorità di “chiudere associazioni e scuole che” sostiene “di” indottrinare i bambini “, mentre allo stesso tempo, monitorando” gli investimenti stranieri in organizzazioni religiose in Francia . ” [Noemie Bisserbe, “Emmanuel Macron prende di mira il ‘separatismo islamico’ con una proposta di legge francese”, The Wall Street Journal, 2 ottobre 2020]

“Le banlieues francesi – i sobborghi della classe operaia che circondano le sue principali città – sono diventati fertili terreni di reclutamento per gruppi islamisti. La Francia era una delle maggiori fonti occidentali di militanti dello Stato Islamico quando il gruppo terroristico controllava aree dell’Iraq e della Siria settentrionale. Centinaia di cittadini francesi si sono recati nel territorio dello Stato Islamico, molti portando bambini. Altri hanno organizzato attacchi terroristici in Francia che hanno ucciso più di 250 persone negli ultimi cinque anni “.  ​​I parallelismi con gli uiguri di ispirazione islamista a Xianjang sono evidenti, sebbene mai rimarcati dai media statunitensi o dai funzionari statunitensi. [Chun Han Wong, “Xi dice che la Cina continuerà gli sforzi per assimilare i musulmani nello Xinjiang”, The Wall Street Journal, 26 settembre 2020].

Recentemente, “due persone sono state gravemente ferite in un attacco di coltello vicino all’ex ufficio della rivista satirica Charlie Hebdo”, [49] che avrebbe dovuto ricordare “un attentato con bomba e coltello nell’aprile 2014 che ha scosso la capitale dello Xinjiang, Urumqi”,  ma nella frenesia dell’Occidente di costruire una leggenda oscura cinese, non lo era.

Parigi “lavora da anni a un piano per contrastare l’Islam radicale. Recentemente ha iniziato a lanciare programmi pilota in 15 aree diverse. Da febbraio 2018 ha chiuso 212 bar e ristoranti, 15 moschee o sale di preghiera, 13 associazioni, 11 orfanotrofi e quattro scuole “. (…)

I partigiani dello sforzo statunitense per contrastare la concorrenza economica cinese costruendo un’oscura leggenda come base per un confronto con la Cina sui diritti umani sono arrivati ​​al punto di accusare Pechino di aver perpetrato un genocidio contro gli uiguri. Se riabilitare i jihadisti è un genocidio, allora gli stati del Golfo, la Siria, l’Egitto, la Francia e ogni altro paese che ha implementato programmi di “deradicalizzazione” sono coinvolti in un genocidio contro i loro cittadini musulmani. Poiché la risposta degli Stati Uniti all’Islam radicale è di sterminare gli islamisti radicali (non di riabilitarli), si può affermare con forza che sono gli Stati Uniti a perpetrare un genocidio.

Inoltre, se genocidio significa riduzione della popolazione, le accuse contro Pechino crollano. Alle donne uiguri è permesso “dare alla luce più di un figlio senza dover pagare una multa, a differenza degli Han”  – difficilmente il tipo di politica che ci si aspetterebbe da un governo incline al genocidio. “Tra il 2010 e il 2018, la popolazione uigura nello Xinjiang è passata da 10,17 milioni a 12,71 milioni, con un aumento del 25 per cento, un tasso di crescita molto superiore a quello della popolazione Han o dell’intera popolazione dello Xinjiang. Ci sono 24.000 moschee nella regione, una ogni 530 musulmani ”, un rapporto più alto che in molti paesi musulmani.

Non solo la Cina non sta perpetrando un genocidio, i suoi sforzi per riabilitare i militanti violenti di ispirazione islamista provengono dalla macchia sull’umanità della propaganda goebbelsiana di Pompeo. Al contrario, ha in gran parte lo stesso timbro dei programmi di “deradicalizzazione” degli alleati statunitensi con popolazioni musulmane significative. È, inoltre, molto più difendibile della pratica preferita dagli Stati Uniti di trattare con l’Islam radicale con campagne di bombardamento, siti segreti di tortura, detenzione a tempo indeterminato, assassinio, occupazione illegale (Siria) e guerra predatoria (Afghanistan). Le azioni statunitensi servono a due scopi: sopprimere le sfide islamiche radicali al dominio statunitense del mondo arabo e musulmano; e riempire le casse della classe dirigente statunitense con i profitti della vendita di armi.

Costruire un’oscura leggenda cinese uigura serve anche a un obiettivo di politica estera degli Stati Uniti, come rivelato da uno dei luogotenenti più apprezzati della classe dirigente statunitense, Joseph Biden. L’obiettivo è contrastare la sfida della Cina a un futuro in cui gli investitori statunitensi monopolizzino le opportunità di profitto delle industrie di domani. Un articolo di fede bipartisan è che gli Stati Uniti devono guidare il mondo, condiviso tanto da Donald Trump quanto da Biden. Qualsiasi paese che sfida la dittatura internazionale degli Stati Uniti diventerà l’oggetto di una campagna di denigrazione il cui stato finale è la costruzione di un’oscura leggenda. La classe dirigente statunitense affronta una formidabile sfida alla sua dittatura internazionale da parte del Partito Comunista Cinese e ha preparato una formidabile guerra dell’informazione, di stampo goebbelsiano, per contrastarla.

fonte Gowans blog

Exit mobile version