Ucraina- Sesto giorno di ostilità (01/03/2022)

Vladimir Zelensky, in un’intervista al canale americano CNN, si è detto pronto per le trattative con il presidente russo Vladimir Putin.
“Il mondo ha già capito che è necessario mettere il presidente della Federazione Russa al tavolo dei negoziati, devono sedersi ai negoziati con loro, ed anche io”, ha detto Zelensky.

Nello stesso tempo Zelensky ha fatto un’affermazione che è di segno opposto: “Prima di parlare, prima di tutto, tutti devono smettere di combattere e tornare sulle posizioni in cui tutto è iniziato cinque, sei giorni fa”, ha detto Zelensky. “È importante smettere di bombardare le persone e poi possiamo andare avanti e sederci al tavolo delle trattative”.

Situazione sul campo – (La prima mappa è in lingua russa, le altre sono di O.DG. :

Momenti salienti del sesto giorno dell’offensiva russa in Ucraina:

  • Il Ministero della Difesa ha riferito che i reparti avanzati del DPR hanno raggiunto il confine della regione di Donetsk e si sono uniti alle forze russe, che hanno preso il controllo delle aree lungo la costa, l’uscita delle truppe ucraine nel Mar d’Azov è stata bloccata
    [spacing size=”2″]
  • Si prevede che il 02 marzo si svolgerà il secondo round dei negoziati russo-ucraini, Lukashenko ha avvertito che “forze molto potenti” vogliono interrompere il processo negoziale, ma ha permesso che si sviluppasse fino all’incontro dei presidenti di Russia e Ucraina
    [spacing size=”2″]
  • Il Ministero della Difesa ha annunciato che al fine di interrompere gli attacchi informativi contro la Russia, le strutture tecnologiche della SBU e del 72° Centro principale per le operazioni speciali psicologiche a Kiev sarebbero state colpite con armi di alta precisione e ha invitato coloro che vivono vicino alle suddette infrastrutture di lasciare le loro case. Successivamente, i media ucraini hanno pubblicato filmati che mostravano esplosioni vicino a una torre della TV a Kiev.
    [spacing size=”2″]
  • Continuano i pesanti bombardamenti su Donetsk, gli osservatori OSCE del Donbass sono partiti per la Russia, la DPR teme che la partenza del personale OSCE aumenterà i massicci attacchi delle truppe ucraine alle città del Donbass
    [spacing size=”2″]
  • il ministero della Difesa russo Shoigu ha affermato che il raggruppamento delle forze armate russe continuerà a condurre “un’operazione militare speciale in Ucraina fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati”,
    [spacing size=”2″]
  • le restrizioni sui voli verso alcuni aeroporti della Russia meridionale e centrale sono state prorogate fino alle 3:45 ora di Mosca dell’8 marzo
    [spacing size=”2″]
  • Il Pentagono ha affermato che la questione della no-fly zone non è in discussione negli Stati Uniti e nella NATO, non sarà applicata.
    [spacing size=”2″]
  • Kherson è stata  presa sotto il pieno controllo delle Forze Armate della Federazione Russa;
    [spacing size=”2″]
  • Le infrastrutture civili, le strutture di supporto vitale della popolazione e il trasporto urbano di Kherson sono in grado di operare;
    [spacing size=”2″]
  • Le forze armate della Federazione Russa hanno stabilito  il controllo sull’insediamento. Tokmok e Vasilyevka, i militari ucraini hanno volontariamente deposto le armi e la parte russa dice che presto torneranno alle loro famiglie;
    [spacing size=”2″]
  • Le Forze Armate RF hanno sferrato un attacco con armi ad alta precisione presso le strutture della SBU e il 72° centro principale di operazioni psicologiche per reprimere gli attacchi informativi;
    [spacing size=”2″]
  • Un gruppo di truppe LPR ha stabilito il controllo dell’insediamento. Starobelsk e Svatovo;
    [spacing size=”2″]
  • Le apparecchiature di trasmissione televisiva a Kiev sono state disabilitate, il Comando operativo russo non ha distrutto edifici residenziali;
    [spacing size=”2″]
  • È stato effettuato un massiccio attacco aereo sulle infrastrutture militari dell’Ucraina, durante la giornata di ieri sono stati colpiti 67 obiettivi;
    [spacing size=”2″]
  • In totale, durante le ostolità di ieri dalla RF sono state disattivate 1.502 infrastrutture militari dell’Ucraina, 47 aerei delle Forze armate ucraine a terra e 11 aerei in aria sono stati distrutti.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.