Ucraina: sarà mantenuta la tensione ma difficilmente si arriverà alla guerra

Le tensioni sull’Ucraina sono aumentate nell’ultima settimana, con tutte le parti che si stanno preparando per una guerra che sembra imminente.

Anche se i funzionari russi hanno ripetutamente affermato di non avere alcuna intenzione di invadere l’Ucraina, non mancano su Internet le persone che hanno escogitato “precedenti” dello scoppio della guerra russo-georgiana e della crisi ucraina del 2014 all’inizio cerimonia delle Olimpiadi di Pechino 2008, ipotizzando che la possibilità di una guerra russo-ucraina sia molto alta. Ma questo è solo uno degli scenari previsti, ed è l’esito più tragico. Alcune persone pensano che lo stato attuale sia solo preliminare alla guerra, e ci sono voci che affermano che questa è una campagna di “massima pressione” da parte di Russia e Stati Uniti.

Allora, come dobbiamo intendere la recente serie di scontri tra Stati Uniti e Russia e la tensione in Ucraina? Ci sarà davvero una guerra tra Russia e Ucraina?

Il 25 gennaio 2022, ora locale, all’aeroporto internazionale Borispil di Kiev, capitale dell’Ucraina, l’Ucraina ha ricevuto armi ed equipaggiamenti dagli Stati Uniti. Secondo i media russi, i legislatori ucraini si sono lamentati del fatto che gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina armi arretrate.

I due “fronti”

Biden ha in linea di massima accettato di avere un dialogo con la Russia sulla sicurezza europea, ma gli Stati Uniti e l’Occidente non hanno fornito un accordo di garanzia della sicurezza giuridicamente significativo come richiesto dalla Russia, ma hanno adottato tattiche dilatorie. Infine, il 26 gennaio gli Stati Uniti hanno fornito alla Russia una risposta scritta tramite l’ambasciatore Sullivan in Russia. Blinken ha poi chiarito che il documento sostanzialmente aderiva alla recente posizione degli Stati Uniti e della NATO, ovvero rifiuta la richiesta della Russia di limitare lo spiegamento militare della NATO nell’Europa orientale e di chiudere le porte all’Ucraina, ma propone negoziati sul controllo degli armamenti, aumento delle truppe di mobilitazione e le esercitazioni militari, oltre a fornire più trasparenza per la mitigazione del rischio.

Per quanto riguarda la ripresa dell’attuazione dell'”Accordo di Minsk”, Biden sta ancora facendo nuovi calcoli, ma è fortemente plausibile che “gli Stati Uniti non cambieranno facilmente le loro politiche precedentemente stabilite”.

Tuttavia, Putin è ancora relativamente soddisfatto dei risultati della trattativa sulla “garanzia di sicurezza”, anche se molti media nazionali hanno sottolineato che i tre colloqui “si sono conclusi senza risultati”, almeno non si sono avvicianti all’obiettivo minimo da lui fissato; ma Putin non è soddisfatto, perché la questione della “garanzia di sicurezza” non è stata del tutto risolta, e infatti tale problematica non può essere risolta attraverso poche trattative.

Esaminando una serie di nuovi confronti dopo i tre negoziati di “garanzia di sicurezza” tra Russia e Stati Uniti e Occidente, comprese le recenti tensioni in Russia e Ucraina, si vede chiaramente che il gioco tra le parti ruota ancora attorno al ” European Security Dialogue” e I due “fronti” dell’Accordo di Minsk hanno riaperto.

“Fronte 1”: sicurezza europea

Il 18 gennaio, Russia e Bielorussia hanno annunciato che avrebbero condotto l’esercitazione militare congiunta “Alliance Resolve-2022” dal 10 al 20 febbraio. I luoghi dell’esercitazione includono la Bielorussia occidentale, vicino al confine tra Polonia e Lituania, membri della NATO, e vicino al confine meridionale dell’Ucraina.

Il 21 gennaio, il giorno prima dell’incontro tra i ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti a Ginevra (20 gennaio), il ministero della Difesa russo ha annunciato che si terranno esercitazioni militari su larga scala nel Mar Mediterraneo, nell’Oceano Atlantico e nel Mare del Nord in Europa nelle prossime settimane, che durerà fino alla fine di febbraio. Più di 10.000 ufficiali e soldati, più di 140 navi da guerra e più di 60 aerei parteciperanno all’esercitazione militare per proteggere gli interessi nazionali della Russia nell’oceano e resistere alle minacce militari. Lo stesso giorno, il Rappresentante permanente degli Stati Uniti presso la NATO ha annunciato che Stati Uniti e NATO terranno l’esercitazione multinazionale “Cold Response-2022” da marzo ad aprile, che coinvolgerà 35.000 soldati provenienti da 28 paesi e portaerei statunitensi. Questo sembra fornire deliberatamente una scusa per l’incontro di Blinken con Lavrov per negoziare faccia a faccia. Gli Stati Uniti stanno ancora ripetendo la stessa vecchia melodia, accusando la Russia di dispiegare 100.000 soldati sul confine russo-ucraino e forse di “invadere” Ucraina da sud, est e nord.

Il 23 gennaio, il ministro della Difesa ucraino ha rivelato di aver ricevuto un secondo carico di oltre 80 tonnellate di armi dagli Stati Uniti. In precedenza, gli Stati Uniti hanno anche deciso di fornire all’Ucraina un’assistenza alla difesa per un valore di 200 milioni di dollari USA e hanno autorizzato i tre paesi baltici a inviare armi di fabbricazione statunitense in Ucraina. Il Regno Unito ha anche deciso di fornire all’Ucraina sistemi di armi leggere anti-corazza. Il Canada ha inviato una piccola forza speciale in Ucraina.

A partire dal 24 gennaio, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha ordinato ai familiari del personale diplomatico dell’ambasciata a Kiev di lasciare l’Ucraina e ha autorizzato il personale non essenziale dell’ambasciata ad andarsene “volontariamente” sulla base del fatto che la guerra era offuscata. Successivamente, Regno Unito, Canada, Australia, Giappone e Paesi Bassi hanno seguito l’esempio e hanno annunciato il ritiro dei diplomatici e delle loro famiglie dall’Ucraina.

Il 25 gennaio, gli Stati Uniti hanno annunciato che 8.500 soldati erano stati posti in massima allerta per il dispiegamento in Europa. Lo stesso giorno, la NATO ha annunciato l’invio di ulteriori navi da guerra e aerei militari nell’Europa orientale e più truppe erano in attesa. La NATO ha anche tenuto esercitazioni militari nel Mar Mediterraneo a partire da lunedì.

Il 26 gennaio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione l’imposizione di sanzioni personali al presidente russo Vladimir Putin se la Russia avesse invaso l’Ucraina.

La sequenza temporale di cui sopra dimostra che il confronto “stress test” e l’estrema pressione tra la Russia, gli Stati Uniti e l’Occidente continueranno a essere messi in scena, mettendo alla prova in particolare la capacità e la saggezza della Russia e degli Stati Uniti di affrontare possibili conflitti improvvisi.

“Fronte due”: gli accordi di Minsk

Il 18 gennaio, il ministro degli Esteri tedesco Bell Burke ha visitato successivamente l’Ucraina e la Russia e ha tenuto colloqui con i ministri degli esteri russi. Bell Burke ha detto al ministro degli Esteri ucraino che la Germania farà ogni sforzo per riprendere il “modello normanno” dei colloqui a quattro. In una conferenza stampa a Mosca, ha anche dovuto affermare che la questione ucraina può essere risolta solo attraverso la politica e non c’è altra opzione e sostiene gli sforzi del meccanismo di dialogo del quartetto “Modello Normanno” sulla crisi ucraina.

Il 23 gennaio, il Direttore dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina ha annunciato che si è tenuta a Parigi la Riunione Consultiva Politica del Quartetto Tedesco-Francia-Russia-Ucraina “Modello Normanno” e l’Ucraina è disposta a riavviare il “Modello Normanno” e condurre dialoghi costruttivi con tutte le parti. Il capo dell’Ufficio presidenziale ucraino ha anche ammesso che l’andamento dell’accordo di Minsk dipenderà dal dialogo tra Russia e Stati Uniti, ma gli Stati Uniti non sono un paese partecipante all’accordo di Minsk e restano alla larga.

Il 25 gennaio, al Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il ministro della Difesa hanno entrambi affermato che per il momento non c’era alcun segno dell’invasione russa dell’Ucraina e hanno invitato il pubblico a non farsi prendere dal panico. In precedenza, il portavoce delle due repubbliche che hanno dichiarato “indipendenza” nell’Ucraina orientale ha affermato che l’Ucraina ha schierato 120.000 soldati intorno ad essa.

Il 26 gennaio si è tenuta a Parigi la riunione consultiva politica del quartetto tedesco-francese-russo-ucraino “Modello di Normandia”, al centro della discussione sull’attuazione dell’accordo di Minsk. Dopo i colloqui, le parti hanno convenuto di continuare a rispettare il cessate il fuoco nell’Ucraina orientale. Un nuovo round di colloqui si terrà a Berlino tra due settimane. Prima di allora, c’è stato un episodio in cui la Verkhovna Rada, il parlamento ucraino, ha ritirato un piano per una “Politica statale sui periodi di transizione”, che caratterizzava la Russia come un “paese aggressivo”. Questo è chiaramente inteso a creare un’atmosfera per questo incontro.

Questa sequenza temporale mostra da un’altra prospettiva che alcune élite al potere in Ucraina hanno finalmente capito che la vera guerra russo-ucraina farà loro più male che bene, e sono più inclini a mantenere la tensione che la guerra.

autore: Wan Qingsong – Russian Studies Center of East China Normal University, Research Supervisor of the Surrounding Centers

Exit mobile version