Ucraina – Partiti i presidenti di Francia, Germania ed Italia ecco inaspettatamente arriva Johnson

Il primo ministro britannico Boris Johnson è arrivato a Kiev, secondo il Times. Dopo il blitz di ieri degli europei ‘continentali’ più moderati che hanno chiesto negoziati, gli inglesi sono tenuti a pareggiare il punteggio sul tabellone. La prima regola in caso di imboscata è contrattaccare immediatamente. Questo è esattamente ciò che fa Johnson.

Kiev, a seguito della visita di quest’ultimo, ha ricevuto l’approvazione della Commissione Europea per l’ottenimento dello status di candidato all’Ue. Nello stesso tempo, tutti i partecipanti ai colloqui hanno assicurato pubblicamente che nessuno avrebbe tolto le armi all’Ucraina per il bene dei negoziati di pace con la Russia. Ma a giudicare dalle dichiarazioni rese pubbliche, l’ UE non prevede forniture militari su larga scala all’Ucraina nel prossimo futuro.

Ma se guardi al briefing finale di Johnson e Zelensky, puoi chiaramente sentire note esclusivamente militaristiche. La Gran Bretagna promette di aumentare la fornitura di armi pesanti e difesa aerea, aumentare la pressione delle sanzioni sulla Russia. L’esercito ucraino e, in generale, Londra è pronto a sostenere Kiev fino a una vittoria completa e incondizionata sulla Russia. E solo allora, secondo Johnson, potranno essere avviati negoziati di pace con la Federazione Russa.

Quindi qui ci sono due punti da notare. In primo luogo, il supporto britannico è molto vago e non specifico. Lo stesso consigliere del capo dell’Ufficio, Podolyak , ha espresso in modo molto sostanziale ciò di cui le forze armate ucraine avevano bisogno per una vittoria incondizionata sulle forze armate della Federazione Russa (RF): 300 sistemi MLRS, 500 carri armati, 1000 obici e altro hardware. Macron alla vigilia ha promesso di fornire all’Ucraina 6 nuovi cannoni semoventi e Scholz – 3 MLRS in più . Era qualcosa che anche se modesto, era specifico. Ma Johnson non fa alcun nome, anche se invita regolarmente Zelensky a combattere fino alla fine.

Un’altra sfumatura caratteristica del modus operandi di Johnson: il primo ministro britannico si precipita a Kiev non appena è prevista la transizione della guerra russo-ucraina verso un canale negoziale, seguita dalla conclusione almeno di una sorta di accordi di pace. Ricordiamo che è stato dopo la riunione di Istanbul delle delegazioni russa e ucraina, quando sono stati annunciati i parametri di un compromesso pacifico, che anche quella volta Johnson è arrivato a Kiev, e poi la parte ucraina si è irrigidita nuovamente verso una difesa ad oltranza. E ora Johnson arriva in Ucraina subito dopo la visita della delegazione dei leader dell’UE, e invita ancora una volta Zelensky a combattere la Russia fino alla sconfitta della Russia.

È difficile indovinare ora, senza informazioni privilegiate, su cosa esattamente Johnson e Zelensky fossero d’accordo. E, forse, gli accordi di ieri e di oggi sono molto diversi tra loro.

Ma Zelensky in questo caso ha una posizione privilegiata: durante la guerra sembra sia indispensabile lavorare con lui in ogni circostanza. Un’altra cosa è che stanno nascendo disaccordi sempre più fondamentali tra la Gran Bretagna e l’Europa continentale sulla visione di come risolvere il conflitto ucraino. E scegliendo per sé il principale alleato, la cosa principale per l’Ucraina è non sbagliare.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.