Ucraina fra nazionalisti e filorussi

Pubblicità

Il viaggiatore che arriva all’aeroporto di Kiev-Boryspil’ è accolto da enormi gigantografie di soldati disposte nella sala delle partenze.Un monito che serve a ricordare la guerra combattuta dall’Ucraina contro i separatisti delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk: porzioni di territorio che nella primavera del 2014 hanno dichiarato unilateralmente la propria indipendenza e dove ancora oggi si combatte un conflitto a bassa intensità. Le autorità di Kiev preferiscono classificarlo come “operazione antiterrorismo” e rigettano nettamente la definizione di guerra civile: chi usa questa formula passa dei guai. Reportage di Giovanni Masini. Montaggio di Roberto Di Matteo