Ucraina: approvata una legge che consente la vendita di terra fertile alle multinazionali straniere

In realtà c’è una corsa all’acquisto di terra da parte dei big delle multinazionali che hanno decuplicato il proprio patrimonio alle borse per effetto galvanizzante della pandemia. Ora acquistano l’unica cosa che ha valore: la terra. Lo fanno laddove i rappresentanti dei paesi si sono già venduti.

@vietatoparlare


Dal 1° luglio, in Ucraina sono stati conclusi quasi 2.000 contratti di acquisto di aree di terra nera

L’Ucraina è la casa dei poveri d’Europa e, sotto la pressione del FMI, deve svendere le ultime argenterie. Si tratta della terra nera ucraina, i terreni più fertili del mondo.

Finora, la vendita di terreni agricoli in Ucraina è stata vietata, l’Ucraina ha voluto proteggere questi ultimi beni del paese. Ma il FMI ha fatto un ottimo lavoro comportandosi come un avvocato per le grandi corporation occidentali e ha legato ulteriori prestiti al Paese  – che è stato completamente impoverito dal Maidan in poi –  , al fatto che il divieto doveva essere revocato. Così ora le aziende alimentari occidentali sono ai blocchi di partenza.

Infatti, la legge sulla vendita della terra nera , estremamente impopolare in Ucraina, è stata approvata da una notevole coalizione di partiti guidata dal presidente Zelensky e dal suo predecessore Poroshenko, che rappresenta l’opposizione in parlamento . La legge prevede inizialmente una restrizione alle vendite, ma le ultime restrizioni scadranno già nel 2024. La prima restrizione è stata abolita il 1° luglio e in sole quattro settimane sono state vendute quasi 2.000 delle ambite proprietà. La TV russa ne ha parlato facendo riferimento a un rapporto del governo ucraino e io ho tradotto l’ articolo sulla TV russa .

Inizio della traduzione:

La moratoria sulla vendita di terreni agricoli è stata revocata in Ucraina il 1° luglio e da allora sono stati firmati 1.994 contratti di acquisto di terreni nel paese, secondo il ministero ucraino delle politiche agricole e dell’alimentazione.

La superficie totale del terreno venduto è di 3.274 ettari. La maggior parte dei terreni è stata venduta in tre regioni: Kirovograd (319,4 ha), Kharkiv (414,14 ha) e Poltava (587,4 ha).

La legge approvata dal parlamento consente la vendita di terreni solo a privati ​​e non più di 100 ettari “in una mano” per i prossimi due anni e mezzo.Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha insistito affinché la legge venisse approvata.

Fino al 1 luglio 2021, i proprietari terrieri potevano affittare solo la loro terra.

Dal 1° gennaio 2024, le persone giuridiche possono acquistare terreni.

Il prezzo medio per un appezzamento di terreno venduto è di 25.930 grivna ($ 960) per ettaro.

L’Ucraina ha 28 milioni di ettari di terreni di proprietà privata, di cui 17 milioni di ettari (61%) sono affittati e non ancora in vendita.

Secondo stime preliminari, il 5-10% dei proprietari di 1,5 milioni di ettari di terreni agricoli è pronto a vendere i propri terreni nella prima fase.

Fine della traduzione


Fonte: Antispiegel (https://www.anti-spiegel.ru/2021/seit-1-juli-wurden-in-der-ukraine-fast-2-000-kaufvertraege-fuer-schwarzerde-flaechen-abgeschlossen/)
Exit mobile version