TURCHIA – E’ solo questione di tempo prima che Ankara si doti dell’arma nucleare

L’acquisto del sistema missilistico S-400 di fabbricazione russa è stato l’inizio di questo rischioso cambiamento di politica estera che sta gradualmente diventando un grattacapo per i suoi alleati occidentali. Le ambizioni della Turchia sono, tuttavia, ostacolate dall’assenza di un arsenale nucleare che servirebbe da veicolo per la sua indipendenza dallo scudo NATO.

Proliferazione nucleare.

L’importanza che Ankara attribuisce alle armi nucleari è chiara dalla dichiarazione del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan nel settembre 2019 al Forum economico dell’Anatolia centrale. “Alcuni paesi hanno missili a testa nucleare, non uno o due. Ma (ci dicono) non possiamo averli. Questo non lo posso accettare”, ha detto ed ha aggiunto “abbiamo Israele vicino, quasi come vicino di casa. Israele possedendo l’arma nucleare, spaventa (altre nazioni). Nessuno può toccarli.

Il presidente turco ha concluso dicendo “ci stiamo lavorando”, sottintendendo che i loro sforzi per acquisire un arsenale nucleare sono già in corso. Il presidente turco ha anche chiarito le sue intenzioni all’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2019, quando ha criticato il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (che la Turchia ha firmato nel 1980), poiché vieta a paesi come la Turchia di sviluppare armi nucleari. Va notato che la Turchia ha firmato il Trattato sul divieto globale degli esperimenti nucleari nel 1996. Tuttavia, gli obiettivi revisionisti della leadership turca lasciano poche speranze che la Turchia adempia ai propri obblighi ai sensi di entrambi i trattati.

La Turchia diventerà presto uno stato dotato di armi nucleari? “Spero che non accada, ma la Turchia sembra stia operando in questo senso”, ha affermato il dottor Moritz Kütt, esperto di armi nucleari e ricercatore presso l’Istituto per la ricerca sulla pace e la politica di sicurezza. “Università di Amburgo. Ha anche aggiunto che “le armi nucleari non calmeranno la situazione della sicurezza”; invece, rafforzeranno “l’ego” della Turchia. Le bombe nucleari garantiscono un posto in prima linea nella geopolitica. Un’idea che piace molto a Erdoğan.

Il politologo israeliano Yakov Kedmi è apparso più preoccupato e ha chiarito che è solo questione di tempo prima che Ankara acquisisca un arsenale nucleare e che è impossibile impedirlo. Ha anche ricordato che il 15 febbraio 2010, l’ex primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha avvertito l’ex primo ministro greco, George Papandreou, che la Turchia aveva già la capacità di diventare uno stato dotato di armi nucleari. Questa preoccupazione è aumentata dopo che aljazeera.com ha rivelato informazioni che suggeriscono che Islamabad intendesse sostenere segretamente il programma di armi nucleari della Turchia.

Tali campanelli d’allarme suonano dal 2015, quando i servizi segreti tedeschi hanno scoperto che la Turchia sembrava seguire le orme dell’Iran. È stato rivelato che il presidente Erdoğan ha chiesto nel 2010 di avviare segretamente la costruzione di impianti di arricchimento dell’uranio.

Inoltre, si sospetta che la Turchia abbia già ottenuto uranio arricchito da un’ex repubblica sovietica. In particolare, la Turchia è stata coinvolta anche nelle attività del contrabbandiere nucleare pakistano Abdul Qadeer Khan, che ha venduto migliaia di centrifughe (i loro sistemi elettronici provenivano dalla Turchia) tra il 1987 e il 2002 in Iran, Corea del Nord e Libia.

L’obiettivo dei missili balistici e del programma spaziale. Il prerequisito per un programma di armi nucleari è il programma di missili balistici che mira a sviluppare missili che porteranno testate nucleari. I missili balistici a corto raggio di fabbricazione turca (portata > 1000 km) sono già in produzione mentre si hanno notizie di produzione di missili con gittata superiore a 1000 km.

Inoltre, il focus dovrebbe essere sull’annunciato programma spaziale turco perché, prima di tutto, supporterà il volume di dati relativo alla navigazione satellitare dei droni turchi, insieme ai missili balistici. Secondo, perché faciliterà lo sviluppo di missili con una gittata di 3.500 km o più (missili balistici a medio raggio o più). La minaccia imposta agli Stati in quest’area è evidente senza considerare la possibilità di lanciare missili balistici da navi di superficie o sottomarini. Pertanto, il programma spaziale della Turchia dovrebbe essere attentamente monitorato per determinare se viene utilizzato segretamente per supportare il suo programma di armi nucleari.

Distanze uguali tra Russia e Stati Uniti, più vicino al Pakistan. Anche la costruzione della centrale nucleare di Akkuyu (oltre a quelle previste a Sinope e nella Tracia orientale) non è certo un caso. Mira da un lato a ridurre la dipendenza energetica della Turchia (nel 2020 circa il 72% della sua domanda energetica è stata soddisfatta dalle importazioni) e dall’altro funge da induzione per le competenze nucleari. Dozzine di turchi stanno già studiando ingegneria nucleare nelle università russe dal 2015.

La Russia ha tutte le ragioni per fornire il know-how per la costruzione della centrale nucleare di Akkuyu in Turchia con l’obiettivo di ostacolare l’unità della NATO. Tuttavia, la cooperazione russo-turca non alimenterà l’ambizione di quest’ultima di acquisire il arma nucleare. I loro interessi in competizione si scontrano in molti casi. La Russia non vorrebbe vedere un arsenale nucleare così vicino ai suoi confini.

Il leader del Partito Liberal Democratico della Russia (LDPR), Vladimir Zhirinovsky*, è convinto: se l’Iran e soprattutto la Turchia avranno armi nucleari, si rivolteranno contro la Russia. Ciò non significa che la Turchia non raggiungerà il suo obiettivo. Al contrario, significa che la Turchia dovrà superare molti ostacoli eretti da importanti Stati con interessi più ampi nella regione, come Israele, Francia, Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. La Turchia dovrà soprattutto fare i conti con il crescente conflitto di interessi con gli Stati Uniti.

Ci sono molte ragioni per cui la Turchia non sarà tollerata come uno stato dotato di armi nucleari. Come accennato in precedenza, ciò aumenterà la sua autonomia geostrategica, causando la disintegrazione del esistente architettura di sicurezza euro-atlantica. Inoltre, scatenerà una corsa agli armamenti nucleari in tutta la regione. Tutti questi timori di destabilizzazione sono stati a lungo affrontati dagli Stati Uniti.


* Laureato all’Istituto di lingue orientali di Mosca, Zhirinovsky è uno specialista in Turchia, Iran, Caucaso e mondo arabo, parla cinque lingue

Konstantinos Apostolou-Katsaros, Analista-Consulente Speciale. La sua area di interesse riguarda le relazioni estere e le relazioni greco-turche. Ha conseguito un dottorato. e un M.Sc. presso la School of Environment and Technology dell’Università di Brighton (Regno Unito) dove ha lavorato come docente e ricercatore associato .

Fonte: https://greekcitytimes.com/2021/09/13/turkeys-nuclear-dreams-are-a-nightmare-for-the-international-community/

Fonte: http://www.observateurcontinental.fr/?module=articles&action=view&id=3118

1 commento su “TURCHIA – E’ solo questione di tempo prima che Ankara si doti dell’arma nucleare”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.