Turchia e Russia sono d’accordo per la fine delle ostilità in Libia

La situazione in Libia e le prospettive in essere, dal famoso blog russo ‘Col Cassad’

@vietatoparlare

[su_divider divider_color=”#2d0dc8″]

Dopo la sconfitta di Haftar nella Tripolitania occidentale e la perdita della base ad Al-Watiyah, le attività diplomatiche attorno alle paludi della guerra libica sono riprese rapidamente.
In Egitto, i militari si sono consultati con Al-Sisi per vedere  cosa fare dopo i progressi del PNS di Serraj. L’ipotesi più accreditata –  alla luce dell’emergere di una potenziale base turca a ovest dei confini egiziani – è che avverrà un’intensificazione degli sforzi militari dell’Egitto a sostegno di Haftar.
Intanto, gli Emirati Arabi Uniti e la Francia hanno concordato di rafforzare la loro cooperazione in Libia, che è la base della loro cooperazione strategica, il che suggerisce anche nuove forniture di assistenza militare per l’LNA.

Contemporaneamente una base aerea si sta rapidamente espandendo nell’area egiziana di Sidi Barrani, che può essere utilizzata come base di partenza per operazioni di droni cinesi acquistati dagli Emirati Arabi Uniti per sostenere Haftar.
La Turchia e la PNS libica stanno discutendo nuovi accordi per espandere la cooperazione militare-tecnica ed economica, incluso l’uso del petrolio della Libia occidentale e della produzione offshore.
Haftar ha chiesto con urgenza una tregua  e ha persino promesso di ritirare le truppe a 2-3 chilometri dalle attuali posizioni nelle regioni meridionali di Tripoli. Questa mossa ovviamente LNA significa semplicemente che Haftar ha semplicemente paura di nuove sconfitte.
Inoltre, Haftar ha annunciato che l’LNA avrebbe lanciato una campagna aerea contro le forze turche in Libia, a questo annuncio  i turchi hanno avvisato che avrebbero bombardato Haftar in risposta a questo. In effetti, entrambe le parti si stanno già attaccando a vicenda e stanno subendo perdite.
Il PNS libico ha affermato che per questi scopi la Russia ha approntato 6 jet MiG-29 e 2 bombardieri Su-24 attraverso la base di Hmeimim. Tuttavia, non sono state ancora riportate prove concrete delle azioni di macchine di questo tipo in Libia.

alasaba
oggi persa anche Alasaba

In questo contesto, Lavrov e Chavushoglu hanno affermato che è necessario procedere a una soluzione diplomatica al conflitto, vale a dire il ritorno ai negoziati precedentemente falliti tra il PNS libico e l’LNA, che praticamente non hanno prodotto risultati  e hanno anche fallito quando si sono svolti a Mosca e Berlino. La rottura dei negoziati è dovuta principalmente al fatto che gli sponsor di Haftar e Sarraj non possono arrivare a compromessi chiave sul futuro della Libia e, soprattutto, sull’accesso al petrolio libico. Dopo il fallimento del prossimo round di negoziati, di norma, c’è una fase di ostilità (l’ultima delle quali non ha avuto successo per Haftar), seguita dalla ripresa dei tentativi di concordare le nuove condizioni, facendo riferimento ai recenti successi militari.

La Russia, come nei negoziati a Mosca, non si preoccupa di essere d’accordo con la Turchia, ma nel caso di Haftar Mosca deve tener conto anche degli interessi di Francia, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Giordania, Grecia. E non tutti sono interessati all’accordo libico tra Russia e Turchia, che porterebbe ad un accordo tra Haftar e Sarraj. La Russia è sempre meno interessata a combattere contro la Turchia in Libia, lasciando questo ad altri sponsor di Haftar, anche se è improbabile che Mosca sia interessata a una situazione in cui la Turchia inizia a superare Haftar e rafforzare Sarraj. L’attuazione degli accordi su Siria e Idlib sembra più significativa, soprattutto da quando i turchi nelle ultime due settimane hanno finalmente iniziato ad adempiere ai loro obblighi di sbloccare l’autostrada M-4,

I turchi, ovviamente, agiscono non solo tenendo conto dei loro obblighi nei confronti della Russia, ma anche dei piani degli Emirati Arabi Uniti di riprendere le ostilità a Idlib, che erano pronti a pagare Assad $ 3 miliardi (di cui $ 250 milioni pagati) se avesse ripreso l’attacco ai militanti filo-turchi e creare problemi per la Turchia, il che potrebbe facilitare le azioni degli Emirati Arabi Uniti e Co. in Libia. Inoltre, la Turchia non ha affatto bisogno di una seconda operazione attiva in Siria, in ogni caso mentre vi è un’operazione attiva in Libia. Nelle condizioni della caduta della lira turca, la condotta di due conflitti attivi non sarebbe redditizia per un punto di vista puramente economico, soprattutto se le ostilità si prolungassero. Pertanto, la Turchia sostiene ufficialmente la posizione del cessate il fuoco russo in Siria e Libia, da un lato, per impedire ad Assad di abbandonare l’accordo di Mosca (anche nell’interesse degli Emirati Arabi Uniti) e, dall’altro, per catturare i recenti benefici della cattura della base aerea di Al-Watiyah e l’indebolimento della pressione di Haftar su Tripoli. In generale, è abbastanza interessante osservare quanto strettamente si intrecciano le due guerre, in cui sono coinvolte direttamente o indirettamente decine di stati.

Se viene annunciata una tregua temporanea, sarà molto probabilmente utilizzata dalle parti per accumulare nuove scorte di armi per la prossima fase della guerra, dove molto probabilmente vedremo ancora più droni su entrambi i lati, un aumento dell’intensità degli attacchi aerei e una battaglia ancora più feroce tra i sistemi di difesa aerea e l’azione di droni d’urto in alcune sezioni del fronte. Se ora non c’è armistizio, molto probabilmente vedremo tentativi del PNS libico con il sostegno della Turchia per catturare l’area di Tarhun e un forte aumento degli attacchi di droni sulle posizioni di Haftar, nonché un aumento dell’intensità dei raid aerei dell’LNA su Misurata e Tripoli.

Col Cassad

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.