Tunisia: ecco perchè il Presidente della Tunisia Qays Said ha sciolto il Parlamento ed ha reso pieni poteri…

 

Ieri in Tunisia c’è stato un colpo di stato costituzionale. La crisi politica che attanagliava questo Paese è stata risolta con la forza.

Il presidente tunisino Qais Said ha emesso un decreto che ha licenziato il primo ministro e ne ha assunto i poteri. Con lo stesso documento ha sospeso i lavori del parlamento e tolto l’immunità ai deputati. Il capo dello Stato ha così posto fine alla “guerra” tra presidente, primo ministro e presidente del parlamento, durata più di un anno, in un colpo solo.

“Ho preso una decisione che dovevo prendere qualche mese fa: congelare tutte le funzioni del parlamento. La costituzione del paese non consente lo scioglimento del parlamento, ma non vieta il congelamento delle sue attività “, ha affermato il presidente.

Presidente della Tunisia Qays Said
Presidente della Tunisia Qays Said

Il presidente del parlamento tunisino, leader del partito islamista “An-Nahda” Rashid Ghannushi, ha affermato di considerare le azioni del presidente un colpo di stato diretto “contro la rivoluzione e la costituzione”. Ha anche invitato i suoi sostenitori a scendere in piazza.

“Partiamo dalla premessa che le istituzioni continuano a funzionare e che i sostenitori di Al-Nahda e dei tunisini continuano a difendere la rivoluzione”, ha detto Ghannouchi a Reuters.

Il motivo formale che il presidente ha usato per spiegare la sua audace manovra sono state le proteste scoppiate l’altro giorno nelle principali città tunisine in relazione allo scoppio delle infezioni da COVID-19. Allo stesso tempo, in alcune città, i manifestanti hanno attaccato gli uffici del partito islamista al potere “Al-Nahda” e li hanno incendiati. I partecipanti a queste azioni hanno chiesto di sciogliere il parlamento e indire elezioni anticipate, nonché di responsabilizzare i responsabili del peggioramento della situazione nel paese.

Nel Paese sono chiusi i confini e gli aeroporti, le unità dell’esercito sono state portate nella capitale, i soldati hanno circondato il palazzo del parlamento. Le forze di sicurezza hanno preso d’assalto l’ufficio della compagnia televisiva del Qatar Al-Jazeera, che stava conducendo una campagna anti-presidenziale.

Il presidente del Parlamento ora si nasconde nella sua casa alla periferia della capitale, non si sa dove si trovi il primo ministro, si dice che sia detenuto in un palazzo a Cartagine.

Sulla stampa locale e sui social network, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita sono accusati del colpo di stato, che vogliono in definitiva ridurre la loro influenza nel paese della Turchia. C’è la possibilità che le forze filo-turche possano rispondere e inizieranno spargimenti di sangue, soprattutto perché i turchi sono seduti nella vicina Libia e possono, se necessario, piazzare armi e militanti siriani sugli oppositori del golpe.

Secondo gli analisti, è molto probabile che quanto sta accadendo in Tunisia sia un’eco del clinch libico, dove le monarchie del Golfo Persico si sono scontrate con la Turchia e ora cercano di recuperare il fallimento con l’assalto a Tripoli, minando uno dei pilastri della politica nordafricana di Erdogan. Nella vicina Libia sono già state messe in allerta le truppe del PNS al confine tunisino. LNA Haftar si è già congratulato con il popolo tunisino per la rivolta contro i Fratelli Musulmani, la corruzione e coloro che hanno venduto la sovranità del Paese alla Turchia.

(fonte Free News)

A dieci anni dalla  “rivoluzione dei gelsomini”  che si concluse con un movimento di palazzo, il presidente  Kais Saied , ha restituito il potere al popolo dopo che la Nato stava fortemente influenzando il paese, insieme ai Fratelli Muslmani.

I media mainstream e i neocolonisti europei  che  non hanno mai smesso di lavorare per l’impoverimento del Paese con trattati economici sfavorevoli ai lavoratori e alla sua indipendenza economica ( vedi ALECA – Accordo di libero scambio globale), parlano di  “colpo di stato contro la democrazia”  e piangono.

Questa ondata popolare si sta verificando sullo sfondo di una disastrosa  crisi economica e sociale  (inflazione, corruzione, ingiustizia, disuguaglianze sociali, disoccupazione, povertà) accentuata dai diktat dell’OMS/UE/FMI e dall’epidemia di Covid-19.

Ecco le decisioni emesse in conformità con la Costituzione:

  • Congelamento del parlamento e di tutte le sue attività
  • Revoca dell’immunità che tutti i deputati dell’ARP
  • Il Presidente ha detto di presiedere, in prima persona, l’accusa per seguire tutti i casi sollevati contro i deputati
  • Scioglimento del governo e il Presidente della Repubblica nominerà un nuovo capo di governo
  • Predisposizione di altri decreti per garantire il ritorno alla pace sociale.
  • Licenziamento del capo del governo e sua sostituzione
  • Il Presidente della Repubblica nominerà i membri del governo
  • Il Consiglio dei ministri sarà presieduto dal Presidente della Repubblica
  • Nessuna sospensione della costituzione

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.