Trump notifica al Congresso l’uccisione di Suleimani ma non giustifica (il richiesto) ‘imminente pericolo’ per gli USA

Trump notifica al Congresso l'uccisione di Suleimani ma non giustifica (il richiesto) 'imminente pericolo' per gli USA 1

foto AGI

Omicidio Suleimani: il Congresso chiede a Trump il perchè del suo atto previsto solo in casi ”pericolo imminente ” per il popolo degli Stati Uniti dal War Power Act

fonte American Conservative – Barbara Boland

L’attacco aereo mirato degli Stati Uniti contro il generale iraniano Qassem Soleimani in Iraq ha posto gli Stati Uniti sul precipizio di una guerra non dichiarata con l’Iran, un governo straniero ostile e militarmente preparato, il tutto senza il consenso del Congresso.

La decisione di Trump di colpire senza avvisare i leader del Congresso è senza precedenti nella storia. Non c’è nemmeno un precedente per un presidente americano che ordina apertamente l’uccisione di un alto funzionario statale di un paese in cui gli Stati Uniti non hanno dichiarato ufficialmente guerra.

Anche l’Iraq non ha acconsentito all’attacco dei droni contro Soleimani. In particolare, nonostante abbia lasciato il Congresso al buio,  Haaretz  riferisce che Israele era stato informato prima dell’attacco.

Sabato scorso, l’amministrazione Trump ha inviato al Congresso un  classificata lettera dicendo che averla scritta riconoscendo per il suo obbligo di notificare al Congresso sotto la risoluzione  War Powers Act.

[La notifica, è richiesta dalla legge entro 48 ore dall’introduzione delle forze americane nei conflitti armati o in una situazione che potrebbe portare alla guerra, deve essere firmata e quindi inviata al Congresso, dai funzionari con conoscenza del piano.]

La lettera di Trump pone “domande serie e urgenti sulla tempistica, le modalità e la giustificazione della decisione dell’amministrazione di impegnarsi in ostilità contro l’Iran”, ha detto la portavoce Nancy Pelosi, che ha ricevuto la lettera di Trump.

Al fine di “limitare le azioni militari del presidente nei confronti dell’Iran”, la Camera voterà su una risoluzione sui poteri di guerra questa settimana, ha detto Pelosi domenica ai Democratici.

La risoluzione non vincolante è simile a quella introdotto dal senatore Tim Kaine al Senato  cerca di riaffermare  responsabilità di supervisione di lunga data del Congresso incaricando che se nessuna ulteriore azione del Congresso è prese, le ostilità militari dell’amministrazione nei confronti dell’Iran debbano cessano entro 30 giorni “.

Ma è abbastanza?

“Congresso deve riaffermare la propria responsabilità costituzionale sulla guerra,”  ha scritto il senatore Bernie Sanders in un tweet . “Il Senato e la Camera devono votare per riparare immediatamente  a un’azione militare non autorizzata contro l’Iran”.

Diverse domande sono state sollevate dalle azioni dell’amministrazione Trump e dalle giustificazioni giuridiche concorrenti citate.

Il presidente Trump ha l’autorità di prendere unilateralmente  un’azione militare  contro un membro in uniforme di un servizio militare straniera senza una dichiarazione di guerra? È tenuto a informare  prima il Congresso? Un omicidio stragiudiziale, come l’attacco aereo contro Soleimani, può essere parificato ad un atto di guerra? La Costituzione non afferma che il potere di dichiarare guerra spetti esclusivamente al Congresso? E in che modo la risoluzione dei poteri di guerra si inserisce in questo?

Poiché la lettera fornita a Pelosi è classificata, siamo nell’oscurità se sia stata fornita la prova di un “attacco imminente” come richiesto dalla risoluzione del War Power Act. Dobbiamo invece fare affidamento sulle giustificazioni fornite dalle dichiarazioni pubbliche dei funzionari.

Consigliere di sicurezza nazionale Robert O’Brien  sostiene che l’attacco  è stato in parte “autorizzato”  dalla legge del  2002 con l’ ”Autorizzazione all’uso della forza militare (AUMF)”, che ha fornito la base giuridica per la guerra in Iraq.

“A meno che Trump non stia usando il suo presidente presidenziale, non è affatto chiaro in che modo questo statuto di 17 anni fa autorizzi quella che sembra essere un’escalation importante che potrebbe iniziare una nuova guerra”, ha affermato Gene Healy, vice presidente del Cato Institute, in un’intervista con The American  Conservative.

Per quanto riguarda la giustificazione della risoluzione delle potenze di guerra fornita dall’amministrazione, quella legislazione non era progettata per alterare l’equilibrio costituzionale fondamentale, ma per ripristinarlo, dice Healy. Criticamente, non offre ai presidenti un pass gratuito per eseguire azioni militari per 60 giorni senza l’approvazione del Congresso, come alcuni hanno suggerito.

La stessa risoluzione della War Power Act è stata introdotta dopo che il Congresso ha scoperto la guerra segreta di Nixon in Cambogia nel 1973. È stato progettato per consentire al Congresso di far cessare qualsiasi azione non autorizzata intrapresa dal ramo esecutivo e di richiedere trasparenza. Se il presidente risponde a qualsiasi “minaccia imminente” non coperta da uno statuto o una legge esistente che autorizzi l’uso della forza, entro 48 ore il presidente deve riferire al Congresso quali azioni sono state intraprese.

Nel caso di Soleimani, “la dichiarazione del Pentagono non menziona alcun attacco imminente”, osserva Healy . Il Segretario di Stato Mike “Pompeo dice Soleimani stava progettando un attacco che avrebbe potuto uccidere centinaia di vite, ma ha fornito alcuna prova di questo. Penso che sia quasi obbligo verificare, invece di fidarsi ciecamente, dati i precedenti di questa amministrazione e delle recenti amministrazioni passate. “

“Con lo sciopero’attacco contro Suleimani ut War , in un’intervista a  TAC. “Dai rapporti, non ci sono molte prove di un attacco imminente. Quindi avrebbero dovuto venire prima al Congresso e dire cosa avrebbero fatto. “

Questo perché non c’è semplicemente “ nessun argomento vitale ” con cui  l’AUMF 2002 autorizza la forza contro l’Iran , secondo Brian Egan, un ex consulente legale sia al Dipartimento di Stato e il NSC, e  Tess Bridgeman, senior fellow presso la NYU School of Law e l’ex uno ssociate  c ounsel al  p residente.

Dal 2002 l’AUMF permette al presidente di “difendere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti contro la continua minaccia posta  dall’Iraq ” e “far rispettare tutte le pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite  contro l’Iraq ” e MPHASIS aggiunto ).

“Questi non sono chiaramente rilevanti per la situazione”, scrivono oggi Egan e Bridgeman.

L’  amministrazione Trump anche detto che il presidente non ha bisogno del Congresso da un punto di vista legale” per l’uccisione di Soleimani perché  l’autorità del presidente , come comandante in capo è stabilito ai sensi dell’articolo II della Costituzione , ha riferito la CNN.

La Costituzione dà chiaramente il potere di dichiarare guerra al Congresso. Articolo II afferma che il presidente può agire senza il Congresso solo  quando è necessario farlo contro le minacce imminenti contro i territori degli Stati Uniti, possedimenti, o cittadini.

È per questo che lunedi il Segretario di Stato Mike Pompeo, Pentagono capo Mark Esper, e presidente del Joint Chiefs of Staff generale Mark Milley erano così enfatici  che gli Stati Uniti stavano rispondendo ad una “minaccia imminente”.

Ma finora non è stata fornita alcuna prova di ciò.

Mentre un  parere  del Ufficio del Consiglio Legale (OLC)  nel 2018 offre una definizione molto liberale del potere esecutivo e fornisce  molto poco vincolo  sui moderni usi presidenziali della forza”, sembra classificare l’azione contro Soleimani come un atto di guerra, dal momento che l’Iran è uno stato nazionale che probabilmente intensificherà la sua rappresaglia militare in risposta all’uccisione del loro membro militare in uniforme. 

In effetti, gli Stati Uniti hanno già  detto  che invieranno 3.500 truppe aggiuntive in Medio Oriente “dopo che l’Iran ha promesso una ‘vendetta severa’”.  Gli Stati Uniti hanno avvertito i suoi cittadini di lasciare l’Iraq e l’Iran ha già iniziato a sparare contro alloggi delleForze americane in Iraq: tutti segni che indicano una escalation.

Inoltre, omicidi politici mirati, come quelli usati contro Soleimani, sono stati banditi per ordine esecutivo dall’amministrazione Ford. Ronald Reagan ha firmato l’Ordine esecutivo 12333, che recita: “Nessuna persona impiegata o che agisce per conto del governo degli Stati Uniti deve impegnarsi o cospirare per impegnarsi in un assassinio”.

Soleimani “non era un fuorilegge canaglia, ma un ufficiale militare di un governo sovrano con il quale non eravamo in guerra, facendo del suo omicidio un omicidio”,  scrive Ben Friedman, direttore politico di Defense Priorities. “Le sue azioni, per quanto malvagie, sono servite alla politica iraniana”.

“L’idea che il presidente possa, senza andare al Congresso, eliminare un funzionario di alto livello di un paese con cui non siamo in guerra autorizzata, sta attraversando un Rubicone”, ha detto Healy.

Quindi cosa succede adesso?

Il Congresso ha diverse scelte da fare nei prossimi giorni. Può passare risoluzioni vuote, non vincolanti, che richiedono l’approvazione del presidente, come il tipo suggerito da Kaine e Pelosi. Oppure può abrogare gli AUMF decennali che sono stati usati per giustificare le continue escalation statunitensi in Medio Oriente. Il Congresso potrebbe anche approvare progetti di legge come quelli del Rappresentante Khanna e del Senatore Sanders per  far cessare  i finanziamenti per azioni militari offensive contro l’Iran da parte della NDAA.

Resta da vedere se il Congresso sceglierà davvero al di sopra delle apparenze di mettere in atto azioni sostanziali, come l’interruzione di guerre non autorizzate.

[su_divider]

Barbara Boland è  reporter di  politica estera di TAC e reporter di sicurezza nazionale. In precedenza, ha lavorato per il  Washington Examiner  e per CNS News. È autrice di  Patton Uncovered , un libro sul generale George Patton nella seconda guerra mondiale, e il suo lavoro è apparso su Fox News,  The Hill ,   UK Spectator e altrove. Boland si è laureata presso la Immaculata University in Pennsylvania. Seguila su Twitter @BBatDC .

fonte:https://www.nytimes.com/2020/01/04/us/politics/white-house-war-powers-resolution.html?action=click&module=Top%20Stories&pgtype=Homepage
Exit mobile version