Trump Ends Timber Sycamore, The Covert CIA Program To Arm Syrian Rebels

Trump Ends Timber Sycamore, The Covert CIA Program To Arm Syrian Rebels 1

I ribelli siriani mirano durante un’esercitazione di addestramento alle armi fuori Idlib, in Siria. (Foto AP)

In quella che potrebbe essere una delle decisioni di politica estera più significative del suo primo anno in carica, Trump sta chiudendo il programma segreto della CIA per armare i ribelli che combattono il governo siriano. Ciò costituirebbe un cambiamento enorme in termini di priorità degli Stati Uniti in Siria, che durante la maggior parte dei 6 anni di guerra si sono concentrati sulla rimozione di Bashar al-Assad. Il  Washington Post riporta :

I funzionari hanno detto che Trump ha preso la decisione di abolire il programma della CIA quasi un mese fa, dopo un incontro dell’Ufficio Ovale con il direttore della CIA Mike Pompeo e il consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster prima di un incontro del 7 luglio in Germania con il presidente russo Vladimir Putin.

La mossa è coerente con i segnali provenienti dalla Casa Bianca negli ultimi mesi, nonché in linea con le promesse della campagna elettorale di Trump che avrebbe cercato di porre fine alla guerra in Siria rendendo l’ISIS l’unico obiettivo, e non la rimozione di Assad.

Ci sono stati ulteriori indizi sulla volontà di lavorare più da vicino con la Russia in un partenariato strategico anti-terrorismo in Siria. Il segretario di Stato Tillerson ha  detto  in un’intervista ad aprile con ABC News, anche  diverse settimane fa , che il destino di Assad spetterà al popolo siriano decidere, aggiungendo che:

A tale riguardo, speriamo di poter lavorare con la Russia e utilizzare la sua influenza per raggiungere aree di stabilizzazione in tutta la Siria e creare le condizioni per un processo politico attraverso Ginevra in cui possiamo coinvolgere tutte le parti sulla via da seguire, e È attraverso questo processo politico che crediamo che il popolo siriano sarà legittimamente in grado di decidere il destino di Bashar al-Assad.

Tillerson ha fatto osservazioni simili per tutta l’estate. Ma a volte sono state rilasciate dichiarazioni contraddittorie da altre aree dell’amministrazione, in particolare dal Dipartimento di Stato e dall’ambasciatore alle Nazioni Unite Nikki Haley, che spesso ha continuato a ribadire la linea  “Assad deve andare”  – una politica messa in atto quando  Obama ha pronunciato per la prima volta quelle parole  nell’estate del 2011.

Le dichiarazioni divergenti hanno lasciato gli esperti confusi su come sarebbe il futuro ruolo dell’America in Siria. L’amministrazione Trump ha affrontato fin dall’inizio una dura battaglia contro falchi e neocon in DC riguardo alla Siria, che stanno già  accusando  il presidente di placare Assad e di “cadere nella trappola russa”.

Dopo che Hay’at Tahrir al-Sham, collegato ad al-Qaeda, ha accusato Assad e la Russia di aver commesso l’attacco chimico del 4 aprile contro i civili a Khan Shaykhun, è stata aumentata un’enorme pressione su Trump per attaccare e rimuovere Assad.

Secondo un  rapporto investigativo  di Seymour Hersh, il team di sicurezza nazionale di Trump ha presentato al presidente diversi piani dopo l’oscuro incidente in cui si sono scambiati la colpa la Russia, la Siria e l’affiliata di al-Qaeda. Secondo quanto riferito, Trump ha immediatamente abbattuto il piano di “decapitazione” dell’esercito (rimozione di Assad), ma ha optato per quello che molti hanno visto come il suo  attacco meramente “simbolico”  alla base aerea di Shayrat a sud-est di Homs.

Nel frattempo, molti analisti hanno indicato per anni l’operazione segreta della CIA, chiamata  Timber Sycamore , in realtà nient’altro che un replay  dell’“Operazione Ciclone ”  – il programma della CIA degli anni ’80 per armare i combattenti mujaheddin afgani e arabi contro l’Unione Sovietica in Afghanistan.

Quell’operazione segreta durata anni ha provocato un aumento senza precedenti del terrorismo islamico internazionale, l’insediamento del governo radicale talebano in Afghanistan, l’ascesa della stessa al-Qaeda e gli attacchi dell’11 settembre.

In Siria, i falchi pro-regime del cambiamento hanno avuto la tendenza a minimizzare le dimensioni e l’impatto del programma di armi siriane della CIA, ma una recente  inchiesta  di un importante giornalista della sicurezza nazionale ha concluso quanto segue:

Un rapporto declassificato della Defense Intelligence Agency dell’ottobre 2012 ha  rivelato che la spedizione alla fine di agosto 2012 includeva 500 fucili da cecchino, 100 RPG (lanciagranate a propulsione a razzo) insieme a 300 proiettili RPG e 400 obici. Ogni spedizione di armi comprendeva fino a dieci container, secondo quanto riferito, ciascuno dei quali conteneva circa 48.000 libbre di carico. Ciò suggerisce un carico utile totale fino a 250 tonnellate di armi per spedizione. Anche se la CIA avesse organizzato una sola spedizione al mese, le spedizioni di armi avrebbero ammontato a 2.750 tonnellate di armi destinate alla Siria dall’ottobre 2011 all’agosto 2012. Più probabilmente era un multiplo di quella cifra.  

Il programma è nato sotto Obama ei suoi dettagli erano sconosciuti al grande pubblico e persino a molti al Congresso. Il Washington Post ha  riferito  nel 2015 (sulla base dei documenti di Snowden) che si trattava di “una delle più grandi operazioni segrete dell’agenzia, con un budget che si avvicinava a $ 1 miliardo all’anno” (un quindicesimo del budget totale della CIA secondo i documenti trapelati).

Ieri abbiamo pubblicato sezioni di un  rapporto di denuncia del 2016  recentemente portato alla luce da una piattaforma online di forze speciali ad accesso limitato in cui i Berretti Verdi e altri agenti d’élite hanno criticato quello che hanno definito un programma di addestramento jihadista della CIA in Siria. Testimoni oculari militari statunitensi hanno testimoniato che:

Molti [addestratori militari statunitensi supervisionati da ufficiali della CIA] stanno attivamente sabotando i programmi bloccando e non facendo nulla, sapendo che i presunti ribelli laici che dovrebbero addestrare sono in realtà terroristi di al-Nusra.

Infatti lo stesso Trump, mentre era in campagna elettorale, ha denunciato le attività segrete della Casa Bianca di Obama in Siria, twittando persino un documento declassificato del Pentagono che indicava il ruolo di Obama e del Segretario di Stato Hillary nel conferire potere ai terroristi al fine di rovesciare Assad.

Negli anni precedenti, molto prima che iniziasse la campagna, Trump aveva costantemente rivelato il suo pensiero sulla Siria. Nel 2013 ha fatto  riferimento  all’opposizione armata in Siria come “islamisti jihadisti radicali che uccidono cristiani” in un momento in cui la notizia del programma della CIA stava lentamente arrivando e si è chiesto: “perché mai dovremmo combattere con [al loro fianco]?”

La notizia di oggi della chiusura del programma della CIA arriva sulla scia di un nuovo accordo di cessate il fuoco Siria-Russia-USA nel sud-ovest della Siria in quella che è vista come una più ampia politica di riduzione della scala in Siria. Tutti i tentativi di allentamento dell’escalation in Siria sono stati ampiamente stroncati dalla lobby neo-con al Congresso, guidata da John McCain e da vari altri politici warhawk, i cui donatori del Complesso Militare-Industriale si rendono conto che il modo più sicuro per abbassare il prezzo delle azioni di un’arma -maker è attraverso la pace.


© ZeroHedge.com

 

Il post Trump Ends Timber Sycamore, The Covert CIA Program To Arm Syrian Rebels è apparso per la prima volta su MintPress News .

[ad_2]

Source link

Exit mobile version