Lancet: “Dinamica di trasmissione dell’infezione in soggetti vaccinati e non vaccinati”

sanità

Photo by Polina Tankilevitch from Pexels

È passato circa un anno e mezzo dall’introduzione dei vaccini sperimentali e cominciano a spuntare dati scientifici sulla loro efficacia. 

Gli studi sui vaccini che vi presento sono scritti in due articoli della rivista medica più prestigiosa al mondo “Lancet”, che non pubblica mai informazioni non verificate, figuriamoci falsi.

Il primo articolo, datato 21 settembre 2021, è intitolato:

Note sul potenziamento della risposta immunitaria al vaccino COVID-19

Questo studio dice che al momento non è necessaria una rivaccinazione massiccia contro l’infezione da COVID-19, anzi, può portare a effetti collaterali. Questa è la conclusione di un team internazionale di scienziati, tra cui il capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Sumya Swaminathan e il direttore esecutivo del Programma di emergenza dell’OMS, Michael Ryan.

La rivaccinazione precoce del coronavirus può portare a effetti collaterali, secondo gli autori dello studio. Gli esperti sottolineano che questo vale sia per i vaccini a mRNA che per i farmaci a base di adenovirus.

Il rapporto afferma che se le dosi di richiamo vengono iniettate nell’organismo troppo presto o troppo spesso, può causare l’infiammazione del muscolo cardiaco del paziente (in questo caso, stiamo parlando dell’introduzione dei vaccini mRNA, ovvero i farmaci di Pfizer e Moderna), così come la sindrome di Guillain-Barré (si riferisce ai vaccini a base di adenovirus inclusi Sputnik V e AstraZeneca).

Infine, il terzo articolo, apparso abbastanza di recente, il 29 ottobre 2021, è intitolato:

Cinetica di trasmissione dell’infezione in soggetti vaccinati e non vaccinati

Le principali conclusioni dell’articolo:

La carica virale di picco non differisce tra persone vaccinate e non vaccinate. Ciò significa che entrambi POSSONO ottenere il coronavirus allo stesso modo, indipendentemente dallo stato della loro immunizzazione. La vaccinazione non protegge dalla contrazione del coronavirus, in particolare dei suoi nuovi ceppi, e una persona vaccinata (e rivaccinata) può ammalarsi tanto quanto una persona non vaccinata.

Il carico virale dei vaccinati e dei non vaccinati è praticamente lo stesso.

L’unico vantaggio rivelato dalle vaccinazioni è, secondo gli autori dell’articolo, una diminuzione più rapida della carica virale nei vaccinati, cioè si guariscono un po’ più velocemente. Nello stesso tempo,c’è però l’esposizione al rischio vaccinale (complicanze, ecc.)

Le persone completamente vaccinate possono trasmettere con successo l’infezione a casa, anche a persone completamente vaccinate.

Pertanto, il vaccino non protegge dalla malattia da coronavirus. Un paziente completamente vaccinato che è malato (dopo 2 o 3 iniezioni, rivaccinazione) può sviluppare un coronavirus della stessa gravità del non vaccinato. In questo caso, il vaccinato sarà anche contagioso per gli altri vaccinati, oltre che per i pazienti non vaccinati.

Conclusioni:

Ognuno può trarre le proprie conclusioni leggendo gli originali degli articoli nei link qui sotto. Ma il fatto che sia già chiaro che qualsiasi sforzo per separare vaccinati e non vaccinati non ha alcuna base scientifica – questa è pura politica con obiettivi completamente diversi!

Link ad articoli nella rivista medica scientifica e sottoposta a revisione paritaria Lancet:

1) Considerazioni sul potenziamento della risposta immunitaria al vaccino COVID-19

https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)02046-8/fulltext?fbclid=IwAR1ubptZxtIc-2A9L1ABSMg_ykFqJebPICbYOjwGZoYM6BtVG7ArVa

2) Cinetica della trasmissione extraospedaliera e carica virale della variante delta SARS-CoV-2 (B.1.617.2) in soggetti vaccinati e non vaccinati nel Regno Unito: uno studio di coorte longitudinale prospettico

https://www.thelancet.com/journals/laninf/article/PIIS1473-3099(21)00648-4/fulltext?fbclid=IwAR31Eoko77_BKyO3dv_Hk6x9NgEbrvO_497GwVV27Yz-RxI3oajEJ6jVJin

Buona lettura

Vp News

Exit mobile version