Terra Santa: in aumento le discriminazioni e intolleranze verso i cristiani

Terra Santa: in aumento le discriminazioni e intolleranze verso i cristiani 1

La domanda è tremenda e semplice: quanto odio ed inimicizia c’è nel mondo? E che parte l’occidente – che ha procurato la guerra in Siria – ha in questo? No, non si chiama politica, ma male. Ed il male, l’inimicizia nel mondo, ricadono sui nostri luoghi più cari e Santi. Sul sito Custodia della Terra Santa è riportato l’ultimo grido dall’allarme dei Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme: 

L’obiettivo è cacciare i cristiani da Gerusalemme e dal resto della Terra Santa, secondo i vertici della Chiesa.

Il 13 dicembre i Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme hanno firmato una dichiarazione congiunta su “L’attuale minaccia alla presenza cristiana in Terra Santa”. Leader cattolici, ortodossi e protestanti hanno lanciato un appello alle autorità civili di Israele, Palestina e Giordania sulla situazione prevalente della comunità cristiana in Terra Santa.

“Dal 2012 ci sono stati innumerevoli episodi di aggressioni fisiche e verbali contro sacerdoti e altro clero, attacchi a chiese cristiane, con luoghi santi regolarmente vandalizzati e profanati, e continue intimidazioni nei confronti dei cristiani locali che cercano semplicemente di adorare liberamente e di svolgere la loro vita quotidiana.”

Gli obiettivi del dialogo richiesto:

“(1) Affrontare le sfide presentate dai gruppi radicali a Gerusalemme sia alla comunità cristiana che allo stato di diritto, in modo da garantire che nessun cittadino o istituzione debba vivere sotto la minaccia della violenza o dell’intimidazione; (2) Avviare il dialogo sulla creazione di una speciale zona culturale e del patrimonio cristiano per salvaguardare l’integrità del quartiere cristiano nella Città Vecchia di Gerusalemme e per garantire che il suo carattere unico e il suo patrimonio siano preservati per il benessere della comunità locale , la nostra vita nazionale e il resto del mondo”.

Organizzazioni cristiane in altre parti del mondo hanno rapidamente aggiunto il loro sostegno all’appello. Anche le Chiese per la pace in Medio Oriente (CMEP), un gruppo di difesa delle Chiese ortodosse, cattoliche e protestanti con sede negli Stati Uniti, hanno aderito all’appello, affermando che le comunità cristiane sono una parte importante della Terra Santa e custodi dei luoghi santi cristiani.

“Mentre i cristiani si preparano a celebrare il Natale”, si legge in una dichiarazione del CMEP, “abbiamo vivo il pensiero dei nostri fratelli in Terra Santa che continuano a portare avanti le tradizioni nel luogo in cui è iniziata la nostra fede”.

Di seguito il testo della “Dichiarazione congiunta su l’attuale minaccia alla presenza cristiana in Terra Santa.”:

In tutta la Terra Santa, i cristiani sono diventati il ​​bersaglio di attacchi frequenti e prolungati da parte di frange radicali. Dal 2012 ci sono stati innumerevoli episodi di aggressioni fisiche e verbali contro sacerdoti e altro clero, attacchi a chiese cristiane, con luoghi santi regolarmente vandalizzati e profanati e continue intimidazioni nei confronti dei cristiani locali che cercano semplicemente di adorare liberamente e di svolgere la loro vita quotidiana. Queste tattiche vengono utilizzate da tali gruppi radicali nel tentativo sistematico di cacciare la comunità cristiana da Gerusalemme e da altre parti della Terra Santa.

Riconosciamo con gratitudine l’impegno dichiarato del governo israeliano di sostenere una casa sicura e protetta per i cristiani in Terra Santa e di preservare la comunità cristiana come parte integrante dell’arazzo della comunità locale. A testimonianza di questo impegno vediamo l’agevolazione del governo nella visita di milioni di pellegrini cristiani ai luoghi santi della Terra Santa. È quindi motivo di grave preoccupazione quando questo impegno nazionale viene tradito dal fallimento di politici, funzionari e forze dell’ordine locali nel frenare le attività dei gruppi radicali che regolarmente intimidiscono i cristiani locali, aggrediscono sacerdoti e clero e profanano i luoghi santi e la chiesa proprietà.

Il principio che il carattere spirituale e culturale dei quartieri distinti e storici di Gerusalemme dovrebbe essere protetto è già riconosciuto nella legge israeliana per quanto riguarda il quartiere ebraico. Tuttavia, i gruppi radicali continuano ad acquisire proprietà strategiche nel quartiere cristiano, con l’obiettivo di diminuire la presenza cristiana, spesso usando rapporti subdoli e tattiche intimidatorie per sfrattare i residenti dalle loro case, riducendo drasticamente la presenza cristiana e interrompendo ulteriormente le storiche vie di pellegrinaggio tra Betlemme e Gerusalemme.

Terra Santa

Il pellegrinaggio cristiano, oltre ad essere un diritto di tutti i cristiani del mondo, porta grandi benefici all’economia e alla società israeliana. In un recente rapporto dell’Università di Birmingham, è stato evidenziato che il pellegrinaggio e il turismo cristiani contribuiscono per 3 miliardi di dollari all’economia israeliana. La comunità cristiana locale, sebbene piccola e in diminuzione di numero, fornisce una quantità sproporzionata di servizi educativi, sanitari e umanitari nelle comunità di Israele, Palestina e Giordania. In accordo con l’impegno dichiarato a tutela della libertà religiosa da parte delle autorità politiche locali di Israele, Palestina e Giordania, chiediamo un dialogo urgente con noi Capi della Chiesa, in modo da:

1. Affrontare le sfide presentate dai gruppi radicali a Gerusalemme sia alla comunità cristiana che allo stato di diritto, in modo da garantire che nessun cittadino o istituzione debba vivere sotto la minaccia della violenza o dell’intimidazione.

2. Avviare il dialogo sulla creazione di una speciale zona culturale e del patrimonio cristiano per salvaguardare l’integrità del quartiere cristiano nella Città Vecchia di Gerusalemme e per garantire che il suo carattere unico e il suo patrimonio siano preservati per il benessere della comunità locale, la nostra vita nazionale e il mondo intero.

—I Patriarchi e i Capi delle Chiese a Gerusalemme

13 dicembre 2021

https://www.custodia.org/it/news/statement-current-threat-christian-presence-holy-land
tramite Ora Pro Siria

Exit mobile version