Tensioni tra la dirigenza UE

A quasi tre anni dall’inizio dei loro mandati, il rapporto tra Michel e Von der Leyen sarebbe in uno stato di completa rottura, dove i soci dei due funzionari sono scoraggiati dal comunicare tra loro, e i due leader cercano di organizzare incontri con capi di stato stranieri.

Quando i leader del G20 si incontreranno a Bali la prossima settimana, non aspettatevi l’Unione Europea si unisca. Invece di una performance coordinata, i due massimi funzionari dell’UE, il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il capo del Consiglio europeo, Charles Michel, molto probabilmente si eviteranno l’un l’altro e i loro associati che organizzano la trasferta dovranno mettere insieme un itinerario in cui non ci saranno sovrapposizioni nel protocollo dei due funzionari, scrive Politico.

Le divisioni e gli screzi tra i due sembrano rispecchiare il clima caotico esistente nell’Unione, ecco il commento di Remix News:

L‘Unione Europea è stata a lungo accusata di mancanza di democrazia ma i burocrati non eletti che guidano Bruxelles affermano di avere solamente loro le capacità tecnocratiche per guidare l’Europa in tempi di crisi.

La debolezza di questa teoria è che anche i leader incaricati di governare l’Europa, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, si comportano come bambini irritabili e, secondo un nuovo articolo di Politico intitolato “La strana coppia in Europa: una relazione disfunzionale nel cuore dell’UE” si parlano a malapena.

Un battibecco personale tra i due potrebbe avere implicazioni diplomatiche e legislative ad ampio raggio e, in vista della riunione del G20 della prossima settimana a Bali, non ci sono segnali che i due siano interessati a riparare la loro relazione in via di deterioramento.

Un articolo di Suzanne Lynch su Politico descrive come il team di esperti e il personale della stampa che lavorano alle spalle della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e del presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno praticamente smesso di parlarsi, ed i leader stranamente si escludono a vicenda negli incontri con importanti politici stranieri. Secondo Politico, anche gli incontri tra loro sono “praticamente inesistenti”, pure in vista di grandi vertici.

Queste relazioni disfunzionali non solo danneggiano l’agenda legislativa e politica dell’UE, ma minano anche l’efficacia delle istituzioni dell’UE agli occhi del mondo. A Bali, ad esempio, in un importante incontro parallelo del vertice del G20, Xi Jinping, appena confermato presidente del Partito della Cina, negozierà con Michel. Dato che la percezione della Cina tra i leader dell’UE è piuttosto estrema, importa con chi parla Xi Jinping e su quali argomenti. Tuttavia, von der Leyen non sarà presente alla riunione.

Sul fronte interno, la mancanza di comunicazione tra le due squadre potrebbe avere un effetto benefico su questioni fondamentali come l’aumento dei prezzi dell’energia. Nonostante l’importanza di questo tema per gli europei, scrive Politico:

“Poiché i canali privati ​​non vengono utilizzati, le tensioni si sono intensificate in quelle pubbliche, soprattutto in connessione con la risoluzione della crisi energetica. Questa settimana, in una lettera vista da Politico, Michel ha accusato von der Leyen di non essere riuscita a stabilire un tetto ai prezzi del gas naturale dopo che i leader nazionali lo avevano chiesto durante il vertice di ottobre”.

Le frizioni hanno avuto origine l’estate scorsa, quando a giugno la von der Leyen avrebbe rifiutato di consentire a Michel di partecipare ad un incontro con il primo ministro indiano Narendra Modi al G7 tenutosi in Germania.

Secondo esperti funzionari dell’UE che hanno prestato servizio sotto la presidenza della Commissione Jean-Claude Juncker e del Consiglio Donald Tusk, le faide personali sono ora degenerate in rivalità interministeriali di alto livello. Non c’è praticamente alcun contatto tra le due parti, anche prima di vertici decisivi dei capi di Stato e di governo. C’è anche una concorrenza costante quando si tratta di negoziare con una terza parte di riguardo.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è stata messa da parte durante un incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad Ankara il 7 aprile 2021. (Unione europea)
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è stata messa da parte durante un incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad Ankara il 7 aprile 2021. (Unione europea)

La radice del problema è ‘il Sofà’

Quando i due hanno assunto i loro ruoli di leadership nel 2019, le cose sono iniziate relativamente bene. Il primo spiacevole incidente si è verificato nell’aprile 2021, quando Michel e von der Leyen sono andati insieme in Turchia. Nella sala del consiglio del presidente Recep Tayyip Erdogan – davanti alle telecamere – Michel si è seduto con la massima calma sulla sedia accanto alla sedia del presidente turco, mentre la von der Leyen è stata costretta a sedersi sul divano che era stato sistemato lontano nella stanza. Questa sistemazione ha chiarito chi è il vero leader dell’UE.

Ursula von der Leyen in seguito dichiarò di essere stata molto offesa da questa scena e di averla persino percepita come sessista. Il caso, noto come Sofagate, o scandalo del divano, arriva dopo che Michel ha cancellato lunedì una delle sue solite cene con von der Leyen a causa della visita del presidente di una nazione africana. Fonti dell’UE osservano che in passato, sotto Juncker e Tusk, ad esempio, i due leader si consultavano regolarmente su un’ampia gamma di questioni e si aiutavano a vicenda, basandosi sui loro precedenti contatti politici. Secondo Politico, hanno persino superato le loro divergenze su alcune questioni in aree come la migrazione.

I funzionari dell’UE, che hanno visto la situazione peggiorare, affermano che entrambi i leader sono responsabili del cattivo rapporto. Michel è accusato di non aver gestito cose come lo scandalo del divano e von der Leyen di voler tenere tutto sotto “stretto controllo, anche a spese della cooperazione”.

Politico sostiene che mentre Michelle potrebbe essere in quella che molti vedono come una posizione più potente, in generale von der Leyen è vista come avere il sopravvento a causa dei suoi stretti legami con Washington e con l’amministrazione Biden.

Ci sono state tensioni tra alti dirigenti in passato ma nel caso dei loro predecessori, il buon senso ha sempre prevalso ed entrambi hanno capito che era nel loro interesse sviluppare un rapporto di lavoro stretto e ben funzionante, ha aggiunto il funzionario dell’UE .

****

fonte Remix (https://rmx.news/european-union/these-people-actually-lead-europe-eus-two-top-leaders-are-barely-on-speaking-terms/)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.