Leader dei talebani: “pronti ad invadere il Tagikistan”

La pubblicazione russa MK.ru, riferisce che “Il leader dei talebani tagiki, il gruppo Jamaat Ansarullah, Mahdi Arsalan, ha affermato che i militanti erano pronti a invadere il Tagikistan.

Lo stesso Arsalan è a capo di diversi territori in Afghanistan. Confinano con la regione di Darvoz e la regione di Shamsiddin Shokhin del Tagikistan. Scrive di questo URA.RU con riferimento al canale Telegram Rovescio della medaglia.

In precedenza, i talebani avevano espresso per la prima volta le loro rivendicazioni contro il Tagikistan. Hanno notato che questo paese presumibilmente interferisce nei loro affari.

In precedenza, il vice governatore della provincia afgana di Badakhshan, Nisar Ahmad Ahmadi, aveva affermato che uno speciale “battaglione suicida” sarebbe stato schierato ai confini della repubblica. L’unità sarà inviata, anche nella provincia nordorientale di Badakhshan, ozodi.org)confinante con il Tagikistan e la Cina.

Nel frattempo, alla fine di settembre, la Russia ha iniziato a registrare rapporti sul ritiro delle forze armate del Tagikistan e dell’Afghanistan verso il confine comune. Il ministero degli Esteri russo ha invitato Dushanbe e Kabul a cercare opzioni reciprocamente accettabili per risolvere la situazione.

L’acquisizione dell’Afghanistan da parte dei talebani ha sollevato preoccupazioni in Tagikistan e in altri stati dell’Asia centrale per possibili minacce alla sicurezza e per l’afflusso di migliaia di rifugiati”. (…) (Mk.ru)

La notizia è confermata in un lungo articolo di ozodi.org che si rivolge all’oltre un milione di tagiki in Russia:

Le autorità del Tagikistan hanno ripetutamente espresso preoccupazione per le azioni dei talebani e hanno chiesto un governo globale in Afghanistan. Il presidente tagiko Emomali Rahmon ha ripetutamente affermato che non riconoscerà un governo che ignora i contributi dei tagiki e di altri gruppi etnici.

Funzionari talebani hanno accusato il Tagikistan di ingerenza negli affari interni dell’Afghanistan. Secondo quanto riferito, i talebani hanno inviato dozzine di attentatori suicidi al confine afghano-tagiko nelle province di Badakhshan e Takhar in mezzo a dispute verbali. Durante la visita di Emomali Rahmon a Badakhshan a fine settembre, il Tagikistan ha anche condotto un’esercitazione militare vicino al confine afghano con migliaia di soldati e ufficiali.

In precedenza, i funzionari tagiki hanno annunciato che avrebbero inviato ulteriori 20.000 uomini al confine tagiko-afgano di 1.400 chilometri.

Molti combattenti tagiki sotto il controllo dei talebani in Afghanistan sono membri della comunità bandita di Ansarullah, fondata da Amriddin Tabarov, un comandante dell’opposizione nella guerra civile del Tagikistan che ha rifiutato di accettare i termini di un accordo di pace del 1997 con il governo afghano.

In un’indagine a giugno, RFE/RL ha riferito che i talebani avevano ceduto il controllo di cinque distretti al confine con il Tagikistan a un militante di nome Muhammad Sharipov (Mahdi Arsalon).

Il mese scorso, i funzionari tagiki hanno affermato di aver ricevuto rapporti secondo cui i combattenti tagiki sotto i talebani si stavano preparando ad entrare in Tagikistan. I talebani hanno detto che non permetteranno a nessun gruppo di entrare nel paese vicino.

(ozodi.org – https://www.ozodi.org/a/jangjuyoni-tojik-afghoniston/31493289.html)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.