I talebani consentono alle ragazze di alcune provincie di tornare a scuola

girl

imagine Pixbay

Il Wall Street Journal (WSJ) martedì ha riferito che i talebani hanno silenziosamente permesso alle ragazze adolescenti di tornare a scuola in quattro delle province settentrionali dell’Afghanistan, apparentemente perché i talebani 2.0 sono disposti a “modellare una politica intorno alle differenze culturali in tutto l’Afghanistan, a differenza degli anni ’90, quando hanno imposto dure regole sociali a tutti coloro che erano sotto il loro governo”.

In gran parte dell’Afghanistan, i talebani hanno riaperto le scuole secondarie solo per ragazzi, impedendo di fatto alle ragazze di frequentare qualsiasi cosa al di sopra della sesta elementare. Secondo le fonti del WSJ – che includevano insegnanti, studenti e un portavoce talebano insolitamente sottomesso – alle ragazze adolescenti è stato permesso di tornare a scuola nelle province di Balkh, Kunduz, Sar-e-Pul e Jawzjan, territorio che comprende il grande città di Mazar-e-Sharif e Kunduz.

Le ragazze possono andare a scuola ma solo in 9 provincie

“Anche dove le scuole hanno riaperto, non tutte le studentesse sono tornate in classe. Secondo il preside, in una scuola della città settentrionale di Kunduz, un terzo dei 3.000 studenti è assente. Molte famiglie sono fuggite dalla città. Altri non si fidano delle assicurazioni dei talebani locali che le ragazze possono andare a scuola. Alcuni temono che i combattenti talebani molestino le loro figlie adolescenti mentre vanno a scuola”, ha riferito il WSJ .

Gli insegnanti in Afghanistan hanno anche notato che i talebani hanno completamente distrutto l’economia nazionale, quindi ci sono pochi soldi per pagare gli insegnanti per tenere lezioni per chiunque. Le scuole per ragazzi riceveranno probabilmente la maggior parte degli scarsi finanziamenti per l’istruzione.

Mercoledì Al Jazeera News ha citato i rapporti delle Nazioni Unite secondo cui oltre 2,2 milioni di ragazze afgane non erano in grado di frequentare la scuola anche prima dell’acquisizione dei talebani, in parte perché il governo civile sostenuto dagli Stati Uniti non ha finanziato adeguatamente l’istruzione o non ha assicurato che ci fossero abbastanza edifici sicuri per tenere le lezioni.

Un insegnante di Balkh ha detto che i talebani stanno dicendo agli insegnanti di bussare alle porte delle studentesse che si rifiutano di frequentare le lezioni e di “dire loro di venire a scuola”. Secondo quanto riferito, i funzionari talebani stanno controllando quante ragazze vanno a scuola nelle aree in cui hanno ricevuto il permesso di farlo.

Questi dettagli fanno sembrare che la principale preoccupazione dei talebani potrebbe essere quella di impressionare i monitor internazionali per quanto “progressista” sia diventato.

Le Nazioni Unite, gli Stati Uniti, i governi europei e le organizzazioni umanitarie affermano spesso che i talebani saranno giudicati in base al trattamento riservato alle donne quando verranno prese le decisioni per rilasciare il capitale afghano congelato e gli aiuti umanitari.

Al Jazeera ha notato che gli amici dei talebani in Pakistan e Qatar stanno spingendo per consentire alle ragazze di tornare a scuola al fine di placare la comunità internazionale e perché temono che il primitivismo dei talebani faccia apparire male i loro stessi governi per associazione.

“L’idea che le donne non dovrebbero essere istruite non ha nulla a che fare con la religione”

“L’idea che le donne non dovrebbero essere istruite non è semplicemente islamica. Non ha nulla a che fare con la religione”, ha dichiarato di recente il primo ministro pakistano Imran Khan, mentre i qatarioti si sono offerti come esempio di come gestire un “sistema islamico” che accolga le donne nelle scuole e nella forza lavoro.

Il ministero dell’Istruzione talebano non ha risposto quando il WSJ ha chiesto conferma che le scuole del nord siano aperte alle ragazze, ma un portavoce del ministero per la soppressione del vizio e la promozione della virtù, dal nome minaccioso, ha affermato che il rapporto era accurato e ha promesso che riaperture simili “proseguiranno per tutto il Paese.”

Altri ministri talebani hanno affermato che un gruppo di studiosi islamici deve dibattere a fondo la questione dell’ammissione delle ragazze alla scuola secondaria prima di poter stabilire una politica nazionale, o hanno affermato che le richieste occidentali per l’istruzione delle donne sono una forma di imperialismo culturale che il nuovo Emirato islamico dell’Afghanistan farà resistere fermamente.

“In Afghanistan, una cosa è ciò che vogliono gli afgani. Un’altra cosa è ciò che vuole la comunità internazionale”, ha schernito lunedì il ministro degli Esteri talebano Amir Khan Muttaqi quando è stato pressato sul divieto per le ragazze a scuola.

I talebani sotto pressione. aiuti condizionati a rispetto dei diritti umani

Muttaqi ha lasciato intendere che aprire i rubinetti internazionali del denaro ai talebani potrebbe persuaderli a prendere più seriamente le questioni relative ai diritti umani, ripetendo la richiesta del suo regime agli Stati Uniti di sbloccare oltre 9 miliardi di dollari in beni del governo afghano congelati.

“La comunità internazionale deve iniziare a collaborare con noi. Con questo, saremo in grado di fermare l’insicurezza e, allo stesso tempo, saremo in grado di interagire positivamente con il mondo”, ha affermato.

“Com’è possibile che le scuole siano aperte al nord ma non al sud? Se esiste una legge, dovrebbe essere attuata in ogni angolo del Paese. Ogni funzionario prende decisioni da solo nella sua provincia”, si è lamentato un insegnante nel sud dell’Afghanistan con il WSJ.

Ma perchè più libertà solo in determinate provincie?

La risposta sembra essere che il nord dell’Afghanistan è dominato da diversi gruppi etnici con atteggiamenti più rilassati verso l’ammissione delle ragazze a scuola, compresi i tagiki, gli uzbeki e gli hazara, mentre la maggioranza pashtun nel sud dell’Afghanistan è più solidale con l’interpretazione estremista dei talebani dell’Islam legge.

“I talebani a Kandahar sono molto più conservatori. Vedono le scuole come progetti infedeli”, ha spiegato l’attivista per l’educazione Pashtana Durrani, che è riuscita a far entrare un centinaio di ragazze nelle scuole segrete che ha aperto dieci giorni fa.

“Devono fare qualcosa. Se non per la legittimità, allora per i soldi”, ha detto della probabile risposta dei talebani alla pressione internazionale per i diritti delle donne.

La diciassettenne Rahela Nussrat di Kabul ha detto ad Al Jazeera che sta studiando inglese e spera di fare domanda per un’istruzione all’estero.

“Ho studiato per 14 anni a Kabul, ho frequentato le scuole primarie e secondarie durante la guerra, ma ora dovrò lasciare il Paese. Farò domanda alle università all’estero e qualche altro paese porterà me e il mio talento, perché sanno che non è possibile studiare in un Afghanistan guidato dai talebani”, ha detto.


Fonte Britbart: https://www.breitbart.com/national-security/2021/10/13/taliban-quietly-allows-some-girls-to-return-to-provincial-schools/

Exit mobile version