Perché i talebani interpretano l’Islam a modo proprio?

talebani

talebani

Sharia talebana: perché il movimento interpreta la legge islamica a modo proprio? 

L’ interpretazione e l’applicazione della legge islamica nell’Afghanistan guidato dai talebani differisce dalla legge della sharia in altri paesi a maggioranza musulmana.

Il governo talebano afferma di governare l’Afghanistan in conformità con la legge islamica, il che significa la propria interpretazione rigorosa della sharia dai sunniti.

Non esiste una legge islamica universale, poiché la sharia è aperta all’interpretazione di cinque scuole principali, quattro delle quali sunnite e una sciita.

La versione della legge islamica di un governo guidato dai talebani differisce dalla legge della sharia in altri paesi a maggioranza musulmana, compresi quelli a maggioranza sunnita.

Molti studiosi insistono sull’eccessiva ristrettezza della comprensione della sharia da parte dei media occidentali come “legge islamica”.

– La sharia comprende vaste aree del comportamento personale che in molte società, di norma, non sono regolate da norme legali. Una traduzione più vaga, ma più accurata, potrebbe essere definita come “modalità d’azione islamica”, ha affermato Nathan Brown, professore di scienze politiche alla George Washington University.

La giustificazione dei talebani per il loro rigido sistema islamico risale al movimento Deobandi, che ha avuto origine nell’India coloniale britannica del XIX secolo ed è una tendenza importante tra gli islamisti nel moderno Pakistan e Afghanistan, basato sulla scuola di giurisprudenza sunnita Hanafi.

Harun Rahimi, professore di diritto autoimposto all’Università americana di Kabul, osserva che la sharia dei talebani è influenzata anche dalle tradizioni dell’Afghanistan e delle regioni tribali del Pakistan.

– I talebani hanno cercato di adattarsi alle tribù locali, piuttosto che agire contro di loro. Pertanto, l’applicazione da parte dei talebani delle loro leggi penali e la risoluzione delle controversie private è un misto di scuola hanafita, codici di diritto tribale, norme di comportamento presenti nella cultura locale. I talebani aderiscono al concetto insegnato nella scuola ‘Hanafi School di giurisprudenza’ sviluppata in Pakistan sotto gli auspici della Madrassa Deobandi, dove molti giudici talebani hanno ricevuto la loro formazione. A volte il livello di apprendimento superato era molto basso, – commenta Rahimi a Radio Ozodi.

Rahimi osserva che i tribunali talebani, in contrasto con i sistemi giudiziari nella maggior parte dei paesi a maggioranza musulmana, hanno mostrato una certa sregolatezza nell’ordinare esecuzioni pubbliche, amputazioni e fustigazioni.

“Ad esempio, possiamo citare la tradizione islamica dei qisas – “occhio per occhio” o “solo punizione”- per presunti” crimini contro una persona “, afferma.

Un uomo accusato di rapina siede in un edificio della polizia. I talebani lo stanno guardando. Kabul, 20 settembre 2021. Secondo la qisas, l’assassino condannato viene messo a pubblica esecuzione su richiesta dei parenti della vittima. I parenti della vittima possono optare per il “prezzo del sangue” – oppure il pagamento di riparazioni da parte dell’assassino.

I sistemi legali dell’Arabia Saudita, dell’Iran, del Pakistan, degli Emirati Arabi Uniti, del Qatar e di parti della Nigeria prevedono una “giusta punizione” con vari gradi di dimostrazione pubblica.

Tuttavia, sotto i talebani, a partire dalla metà degli anni ’90, le esecuzioni pubbliche erano diffuse ed eseguite in pompa magna.

Rahimi afferma che “data la lettura semplice e acritica dei testi islamici da parte dei talebani”, non si aspetta che i giudici talebani “si impegnino in una contestualizzazione sofisticata” dei versetti della “giusta punizione” del Corano, come fanno i tribunali nella maggior parte degli altri paesi musulmani.

Un altro esempio è la punizione “hudud”, che viene inflitta per quelli che sono considerati “crimini contro Dio”, ad esempio la fustigazione pubblica per adulterio e consumo di alcolici o l’amputazione per rapina in autostrada e alcuni tipi di furto.

Queste punizioni sono stabilite e prescritte dai versetti del Corano.

Tuttavia, secondo Rahimi, le elevate esigenze di prove nei casi hudud significano che i tribunali nella maggior parte dei paesi musulmani raramente impongono tali punizioni. Le punizioni Hudud vanno dalla frustata pubblica alla lapidazione pubblica fino alla morte, all’amputazione delle mani e alla crocifissione.

“I tribunali di questi paesi stabiliscono che la punizione hudud dovrebbe essere evitata se c’è il minimo dubbio o ambiguità nel caso”, dice.

In confronto, i tribunali talebani non consentono il giusto processo e in passato hanno ripetutamente ordinato esecuzioni pubbliche, amputazioni e fustigazioni negli stadi sportivi, ha affermato Rahimi.

i talebani, durante il passato governo, costringevano tutti i cittadini di andare in Moschea

‘Ministero del vizio’ per monitorare l’osservanza delle rigide regole islamiche

Al posto del Ministero degli affari femminili in Afghanistan, con l’arrivo dei talebani, è stato creato un Ministero del vizio e della virtù per monitorare l’osservanza delle rigide regole islamiche
Anche le opinioni sulla partecipazione delle donne alla vita pubblica differiscono in modo significativo quando si guarda all’interpretazione dei talebani della sharia e agli atteggiamenti convenzionali in altri paesi con una popolazione prevalentemente musulmana.

Il regime talebano in Afghanistan dal 1996 al 2001 ha proibito alle donne di ricevere un’istruzione e ha imposto alle donne di uscire di casa solo se accompagnate da un parente maschio.

Per fare un confronto, le donne hanno recentemente ricoperto la carica di capi di stato in Pakistan, Indonesia, Turchia, Bangladesh, Kirghizistan, Kosovo, Tunisia, Tanzania e Mali.

Bagher Moyin, ex capo del servizio persiano per la British Broadcasting Corporation BBC e fondatore del sito web di giornalismo con sede a Londra Jadid Online, afferma che il trattamento delle donne da parte dei talebani è incompatibile con ciò che la maggior parte degli studiosi musulmani riconosce come legge della sharia.

“L’affermazione dei talebani che stanno agendo in conformità con la legge della sharia non significa che sia la legge della sharia. Questa è la loro versione tribale della sharia e dovrebbe essere elencata come tale”, dice Moyin.

Moyin conclude che il divieto imposto dai talebani alle donne di frequentare la scuola non “rispetta la tradizione dell’educazione femminile del profeta Maometto”.

Il rifiuto di ricevere un’istruzione da parte delle donne non ha nulla a che vedere con ciò che intendiamo per tradizione islamica. Tutti gli studiosi musulmani riconoscono che il profeta ha detto che “la ricerca della conoscenza è dovere di tutti i musulmani”, sia uomini che donne, ha detto Moyin.

Maulan Sayed Arshad Madani, 82 anni, capo di Darul Ulum Deoband, una scuola islamica nel nord dell’India, dove ha avuto origine il movimento Deobandi, ha affermato di sostenere gli sforzi dei talebani per isolare uomini e donne nel nome di “evitare la tentazione”.

Tuttavia, Madani, che ha categoricamente affermato che la sua scuola attualmente non ha legami con i talebani, ha recentemente dichiarato a Radio Ozodi che i talebani non dovrebbero vietare alle donne di ricevere un’istruzione.

“Se il governo afghano [guidato dai talebani] può fornire [istruzione separata], significherà che la porta all’istruzione delle ragazze si è aperta”, ha detto Madani.

Talebani armati sullo sfondo della preghiera del venerdì degli uomini nella moschea di Kabul.

Oltre al governo talebano in Afghanistan, gli Stati islamici  chiave, che sostengono che il loro governo si basi sulla legge islamica, sono l’Arabia Saudita, a maggioranza sunnita, e l’Iran, a maggioranza sciita. Tali regimi basati sulla sharia interessano la Corte europea dei diritti dell’uomo, in particolare in materia di diritto penale e giustizia penale, nonché le norme riguardanti lo status giuridico delle donne e il modo in cui i regimi intervengono “in tutte le sfere della sfera privata e vita pubblica secondo i precetti religiosi.” …

In altri paesi dove l’Islam è la religione di stato, come il Pakistan e l’Egitto, o negli stati laici a maggioranza musulmana come la Turchia, esiste una relazione più complessa tra diritto islamico, diritto consuetudinario e codici legali.

foto www. WB

FONTI DEL DIRITTO ISLAMICO

Ci sono quattro fonti principali del diritto della Sharia.

Il più importante per tutte le scuole di giurisprudenza islamica è il Corano, il libro sacro che, secondo tutti i musulmani, contiene le rivelazioni dell’Altissimo al profeta Maometto.

Un’altra principale fonte “rivelata” della legge islamica è conosciuta come la Sunnah – gli insegnamenti e le pratiche di Maometto, descritti nel testo dell’hadith.

Ci sono anche “fonti non rivelate” della legge islamica che si basano sul ragionamento umano.

Ogni scuola di giurisprudenza islamica assegna loro un diverso livello di importanza.

Una delle fonti non rivelate, qiyas, è un’interpretazione indipendente dei principi giuridici sviluppati dai giuristi musulmani basata su un ragionamento analogico noto come ijtihad e basato su una comprensione competente del Corano e degli hadith.

Un’altra fonte non rivelata della legge islamica è “ijma” – il consenso delle opinioni degli studiosi islamici o della comunità musulmana.

talebani durante il passato governo

SCUOLE DI DIRITTO

Le principali scuole di diritto islamico si basano su vari “concetti umani” (in arabo “fiqh”) sorti riguardo al Corano e agli hadith nei secoli successivi alla morte di Maometto.

Nessuna scuola di legge è esclusiva di nessuna regione. Tuttavia, ciascuna di queste scuole occupa una posizione dominante in diverse parti del mondo.

John Mohammad Butt, studioso islamico ed ex emittente della BBC e unico occidentale a laurearsi al Darul Ulum Deoband, afferma che le differenze tra le quattro scuole sunnite “derivano da ulteriori aspetti della religione.e non con gli aspetti fondamentali della professione di fede».

“Questi sono punti molto minori, e diranno sempre che tutte e quattro le scuole di pensiero sunnite sono ugualmente legittime e ugualmente valide. Questa è solo un’interpretazione diversa da parte degli imam e non c’è assolutamente ostilità da nessuna delle scuole di pensiero “, ha detto Butt a Radio Ozodi (Radio Ozodi è una fonte fondamentale di notizie da casa per gli oltre 1 milione di lavoratori migranti tagiki in Russia).

La scuola Hanafi domina nell’Asia meridionale e centrale. Circa un terzo dei musulmani del mondo sono seguaci, il che la rende la scuola con il maggior numero di aderenti.

Hanafi fiqh ( scuola di giurisprudenza Hnafi ) riconosce la discrezionalità della professione legale e considera anche la tradizione come base giuridica della legge islamica.

Pertanto, l’interpretazione della sharia da parte dei talebani, influenzata dalle usanze tribali locali dell’Afghanistan e del Pakistan, è solo una delle varianti del senso hanafita.

Maliki fiqh ( scuola di giurisprudenza Maliki ) è prevalente nell’Africa settentrionale e occidentale.

Durante il Medioevo, Maliki fiqh esisteva anche in alcune parti dell’Europa sotto il dominio islamico, come gli ex stati islamici in Spagna e Portogallo, nonché nell’Emirato siciliano.

Come la scuola Hanafi, la scuola Maliki accetta come fonte del diritto islamico la discrezione degli avvocati e le usanze della comunità.

A differenza di altre scuole, anche i seguaci del Maliki fiqh considerano il consenso del popolo di Medina come una fonte legittima della legge islamica.

Shafi’i fiqh è diffuso nell’Africa orientale e nel sud-est asiatico, così come in Cecenia e Inguscezia nel Caucaso.

La scuola Shafi’i non considera i giudizi dei giuristi una fonte accettabile del diritto islamico, in quanto equivalgono al “diritto umano”.

La scuola hanbalita è il più piccolo dei quattro fiqh sunnite. La rigida scuola tradizionalista si trova principalmente in Arabia Saudita e Qatar, dove è la fiqh ufficiale.

Ci sono anche grandi gruppi di seguaci del fiqh Hanbali negli Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Siria, Oman e Yemen, così come tra le tribù nomadi beduine in Iraq e Giordania.

Il movimento salafita o wahhabita è una rigida tendenza islamica ortodossa, tra i cui seguaci c’era il fondatore del movimento Al-Qaeda, Osama bin Laden, sorto nel XVIII secolo come riforma della scuola hanbalita.

Jafari è la scuola principale dell’Islam sciita. È sancito dalla Costituzione iraniana.

Jafari differisce da tutte e quattro le principali scuole sunnite in quanto si basa sulla cosiddetta ijtihad, il ragionamento indipendente degli studiosi di diritto quando rispondono a una domanda legale.

In pratica, Jafari differisce dalle scuole sunnite anche nell’interpretazione dell’eredità, delle tasse religiose, del commercio, dello status personale e della muta, una pratica di matrimonio temporaneo che precede l’Islam, che è consentita con il previo consenso di entrambe le parti, senza coercizione, durante il partenariato.

Ron SINOVITZ,

Abubakar SIDDIK.

Tradotto dall’inglese
4.10.21

Fonte – ozodi.org

Exit mobile version