Talebani: l’ex presidente afghano ha sottratto allo stato 169 milioni di dollari in contanti

L’ex presidente afghano Ghani ha rubato milioni di euro allo stato

Afghanistan – Sullo sfondo di queste notizie di mancanza di denaro, collasso imminente e crescente povertà, sono emersi i dettagli della fuga di Ashraf Ghani. E sembra che l’affermazione dell’ambasciatore afghano in Tagikistan che l’ex presidente dell’IRA abbia prelevato una quantità significativa di denaro sia corroborata da testimonianze circostanziali di altri – tanto che l’ispettore generale della SIGAR John Sopko ha affermato che avrebbe indagato sulle informazioni sull’appropriazione indebita di soldi dall’ex presidente afghano. Il Congresso degli Stati Uniti, o meglio il Comitato per la supervisione e la riforma del governo, gli ha chiesto di indagare e Sopko, che da tempo aveva avvertito che la corruzione in Afghanistan era diventata diffusa, ha promesso.

Ricordiamo che nei primi giorni dopo il volo di Ghani da Kabul, l’ambasciatore afghano in Tagikistan Zohir Agbar ha affermato che l’ex presidente aveva prelevato 169 milioni di dollari in contanti, e che si trattava di soldi di bilancio. Il fatto che Ghani abbia prelevato decine di milioni di dollari è stato poi affermato da giornalisti, ex funzionari e dagli stessi talebani, ma nessuno ha più specificato la cifra. Dopo un po’, lo stesso Ashraf Ghani ha fatto un videomessaggio, in cui ha negato tutte le accuse e ha affermato di essere fuggito dal Paese “con una sola camicia, turbante e scarpe ed è stato in grado di prendere solo pochi libri”.

Venerdì, il Daily Mail ha pubblicato un articolo in cui i giornalisti hanno parlato di un incontro con l’ex capo della guardia del corpo di Ashraf Ghani, il generale Piraz Atta Sharifi, che ora si nasconde dai talebani nel seminterrato di una casa a Kabul e prega gli americani di salvare lui e la sua famiglia. Per il capo del generale, i talebani hanno fissato una ricompensa di 1 milione di afgani. Il generale Sharifi afferma di aver visto Ghani “fuggire dal Paese con borse contenenti centinaia di milioni di dollari di denaro del governo”.

Il generale ha confermato di avere delle prove: si tratta di filmati di telecamere a circuito chiuso nell’Arga (palazzo presidenziale) e presenterà queste prove se riuscirà a fuggire. Secondo il generale, il 15 agosto andò ad Arg, e poi andò al Ministero della Difesa – Ghani doveva arrivare lì. “Ma mi hanno chiamato e mi hanno detto che invece di andare al ministero della Difesa, il presidente è andato all’aeroporto. Sono semplicemente scappati e mi hanno lasciato “, dice il generale.

Secondo lui, “il registro mostra che la persona della Banca centrale ha portato molti soldi a Ghani. C’erano molti grandi sacchi pesanti, erano soldi per il mercato dei cambi – i dollari venivano portati in banca ogni giovedì per questo scopo. Ma il presidente li ha presi. Ha preso tutti i soldi ed è scappato”.

È interessante notare che Zabiullah Mujahid ha anche menzionato le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso nel palazzo, che hanno registrato i dettagli della fuga di Ghani. Tuttavia, il fatto che sia stata assegnata una ricompensa per il capo di Sharifi e che gli stessi talebani lo stiano attivamente cercando – ha permesso agli analisti di presumere che il nuovo governo non sia interessato a pubblicare prove. Forse, dopo tutto, ci sono stati degli accordi tra Ghani e singoli leader talebani che i talebani non vogliono violare.

Le accuse di Ghani di aver cospirato con l’intelligence pakistana per trasferire il potere ai talebani sono state espresse anche dall’ex capo dell’intelligence afghana Rahmatullah Nabil. Nabil ha parlato dei viaggi segreti di Ghani e del suo consigliere per la sicurezza nazionale Hamdullah Mohib in Pakistan e dei loro incontri segreti con la leadership dell’intelligence inter-agenzia pachistana in Bahrain e in Svizzera. “Questo alla fine ha portato al crollo del regime”, ha detto Nabil, che ha guidato l’intelligence afghana nel 2010-2012 e poi nel 2013-2015.

Anche l’ex ministro dell’Interno afghano Masoud Andarabi ha parlato degli incontri regolari di Mohib con i rappresentanti della rete Haqqani (vietata in Russia). Secondo lui, l’incontro di Mohib con Khalil Haqqani avrebbe dovuto svolgersi alla vigilia della caduta di Kabul, ma poi si è deciso di limitarsi alle conversazioni telefoniche.

Il generale Sharifi crede che sia Sirajuddin Haqqani, il ministro degli interni talebano, a dargli la caccia, ed è stato lui a ordinare a tutti gli uffici distrettuali di trovare l’ex guardia del corpo di Ghani.

Allo stesso tempo, sui media e con riferimento a fonti talebane compaiono informazioni sull’esportazione di denaro. Ad esempio, il canale televisivo afghano 1TV ha affermato che una settimana prima della fuga di Ghani, nella repubblica si era formato un “triangolo di prelievo di denaro dalle banche”, in cui, oltre allo stesso presidente, membri della sua amministrazione, il servizio di sicurezza nazionale e il primo vicepresidente Amrullah Saleh hanno partecipato. Una fonte ha detto ai giornalisti che ingenti somme di denaro sono state ritirate dalle banche tutta la settimana prima che i talebani si impossessassero di Kabul.

L’edizione afghana di Khashti-Sobh ha pubblicato una storiail giornalista Sanjar Soheil, che ha parlato con uno dei soci di Ghani, fuggito da Kabul con l’ex presidente. L’ex presidente e il suo entourage sono partiti dall’Afghanistan su quattro elicotteri corazzati. Sono andati in Tagikistan, ma non hanno ricevuto il permesso di atterrare, quindi sono volati in Uzbekistan e si sono imbarcati a Termez. Dei 54 arrivati, c’erano 22 piloti, compresi gli equipaggi degli elicotteri, e 22 delle guardie personali di Ghani. Nessuno degli arrivi aveva documenti di identità. All’aeroporto di Termez, gli elicotteri sono stati immediatamente circondati dai militari uzbeki, sorvegliati da quasi 200 persone. “Ghani, sua moglie, Mohib e Fazli [il capo dell’amministrazione] sono stati portati in città per passare la notte, il resto è rimasto in elicottero”, dice Soheil. Il giorno dopo, un piccolo aereo della compagnia aerea kazaka FlyJet volò a Termez, su cui Gani, sua moglie, il capo dell’amministrazione e il loro entourage sono volati negli Emirati Arabi Uniti. “Nessuno ha parlato, non sapevamo dove avremmo volato. Pochi minuti dopo l’aereo è decollato e ci è stato detto che stavamo partendo per gli Emirati. Sull’aereo, per la prima volta in 28 ore, abbiamo ricevuto acqua e cibo “, ha affermato l’interlocutore di Soheil.

Insieme alle notizie dei soldi sottratti dall’ex presidente e dell’intenzione di SIGAR di condurre un’indagine, i media afgani hanno riferito che il figlio di Abdul Rahim Wardak, ex ministro della Difesa nel governo Karzai, si è comprato una “casa di lusso” a Beverly Hills, USA, mentre possiede già una casa a Miami Beach per 5,2 milioni di dollari. Secondo i media, sia lui che suo fratello maggiore sono uomini d’affari di successo che lavorano negli Stati Uniti, sono stati coinvolti nella protezione delle rotte di rifornimento americane in Afghanistan.

fonte: Afghanistan

Exit mobile version