I “Ribelli” siriani ammisero la loro responsabilità per l’attacco del gas SARIN nel 2013. NON fu ASSAD!

I “Ribelli” siriani ammisero la loro responsabilità per l'attacco del gas SARIN nel 2013. NON fu ASSAD! 3

Ripropongo le deduzioni riportate da Infowars che riprese la clamorosa  rivelazione frutto dell’indagine del giornalista Dale Gavlak a Damasco nel 2013. Secondo le testimonianze riportate nell’indagine. l’attacco chimico di Gouta fu opera dei ribelli e non di Assad. Il documento costituisce l’ennesima prova di quando è avvenuto, nonostante la narrativa corrente pretestuosamente abbracciata dal presidente Trump attribuisca falsamente al governo di Damasco quelle responsabilità.

Vietato Parlare

I ribelli siriani nel sobborgo di Damasco di Ghouta hanno ammesso al corrispondente Associated Press Dale Gavlak che erano responsabili per incidente armi chimiche della scorsa settimana. Ciononostante,  le potenze occidentali hanno continuato ad accusare le forze di Bashar al-Assad. Tuttavia, i ribelli stessi hanno rivelato che le vittime sono state causate da un incidente causato da ribelli che hanno erroneamente maneggiato le armi chimiche fornite loro dall’ Arabia Saudita.

“Da numerose interviste con medici,  residenti a Ghouta, combattenti ribelli e loro famiglie … .molti ritengono che alcuni ribelli hanno ricevuto armi chimiche attraverso il capo dell’intelligence saudita, il principe Bandar bin Sultan, e sono stati responsabili per l’attuazione del (mortale) attacco di gas,” scrive Gavlak. (backup versione qui ).

Gavlak ha detto che i ribelli  non sono stati adeguatamente formati su come gestire le armi chimiche o non è stato detto loro cosa fossero. Sembra che tali armi dovevano inizialmente essere consegnate al ramo di Al Qaeda, Jabhat al-Nusra.

Un militante di nome ‘J’ ha detto a Gavlak: “Siamo stati molto curiosi di queste armi. E purtroppo, alcuni dei combattenti hanno gestito tali armi in modo improprio avviando così le esplosioni,”.

Alle sue affermazioni fanno eco quelle di un altro combattente (donna) di nome ‘K’, che ha detto Gavlak, “essi non ci hanno dettoe cosa fossero queste armi  o come usarle. Non sapevamo che erano armi chimiche. Non avremmo mai immaginato che erano armi chimiche “.

Abu Abdel-Moneim, il padre di uno dei  ribelli dell’opposizione, ha detto anche a Gavlak, “Mio figlio è venuto da me due settimane fa a chiedermi che cosa io pensassi che quelle armi fossero  che gli era stato chiesto di portare”, descrivendoli che avevano un “tubo-come struttura principale”, mentre altri erano costituiti da una‘bombola enorme’.  Il nome del  militante saudita che ha fornito le armi risponde al nome Abu Ayesha.

Secondo Abdel-Moneim, le armi sono esplose all’interno di un tunnel, uccidendo 12 ribelli.

“Più di una dozzina di ribelli intervistati hanno riferito che i loro stipendi provengono dal governo saudita”, scrive Gavlak.

Se approfondita, questa storia potrebbe far deragliare completamente le giustificazioni presentate degli Stati Uniti per attaccare la Siria , fondate sulla giustificazione ‘innegabile’ che Assad fosse dietro l’attacco armi chimiche.

La credibilità di Dale Gavlak è  impressionante. E ‘stato corrispondente dal Medio Oriente per l’Associated Press per due decenni e ha lavorato anche per la National Public Radio (NPR) e ha scritto articoli  per la BBC News .

Il sito su cui la storia  è apparsa in origine  – è Mint Press un media situato in Minnesota (che è attualmente è down a causa dell’  enorme traffico che sta attirando l’articolo)  . Il  Minnesota Messaggio ha fatto un profilo  su di loro l’anno scorso.

Il presunto ruolo dell’Arabia Saudita nella fornitura di ribelli, i quali sono stati con veemenza sostenuti con le armi chimiche, non è una sorpresa date le rivelazioni dell’inizio di questa settimana che i sauditi hanno minacciato la Russia con attacchi terroristici alle Olimpiadi invernali del prossimo anno a Sochi a meno che non avessero abbandonato il supporto per il presidente siriano.

“Posso dare una garanzia per proteggere le Olimpiadi invernali del prossimo anno. I gruppi ceceni che minacciano la sicurezza dei giochi sono controllati da noi “, il principe Bandar avrebbe detto a Vladimir Putin, secondo  il Telegraph.

 

L’amministrazione Obama  presenterà le sue conclusioni di intelligence oggi, nel tentativo di dimostrare che le forze di Assad erano dietro l’attacco della scorsa settimana, nonostante i funzionari americani  abbiano ammesso al New York Times  che non esiste “pistola fumante” che collega direttamente il presidente Assad per l’attacco.

I funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti hanno detto inoltre  all’Associated Press  che l’intelligence sta dimostrando che la colpevolezza di Assad è “no slam dunk”.

Come abbiamo riportato all’inizio di questa settimana, ci sono comunicazioni intercettate dall’intelligence che hanno che il Ministero della Difesa siriano ha fatto telefonate di “panico” al dipartimento di armi chimiche della Siria chiedendo risposte nelle ore dopo l’attacco, il che suggerisce che l’attacco non sia stato ordinato dalle forze di Assad.

UPDATE: Associated Press ci ha contattato per confermare che Dale Gavlak è un corrispondente di AP, ma che la sua storia non è stato pubblicato sotto la bandiera dell’ Associated Press. Noi non abbiamo detoo questo, ci siamo limitati  ad indicare le credenziali di Gavlak per sottolineare che lo stesso  è una fonte credibile, essendo non solo un corrispondente di AP, ma  avendo scritto anche per la PBS, BBC e Salon.com.

Fonte: https://www.infowars.com/rebels-admit-responsibility-for-chemical-weapons-attack/

ARTICOLO ORIGINALE DI MIND IN PDF: [pdfjs-viewer url=”http%3A%2F%2Fwww.vietatoparlare.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2017%2F04%2FEXCLUSIVE_-Syrians-In-Ghouta-Claim-Saudi-Supplied-Rebels-Behind-Chemical-Attack-www_mintpressnews_com_witnesses.pdf” viewer_width=100% viewer_height=1360px fullscreen=true download=true print=true]

Exit mobile version