Sui risultati delle elezioni al Bundestag del 26 settembre

Sui risultati delle elezioni pesa l’agenda per il clima, mal concepita

Le elezioni per il Bundestag del 26 settembre sono state vinte dai socialdemocratici (SPD), che, secondo i risultati preliminari ufficiali, hanno ottenuto il 25,7% dei voti. Il blocco CDU/CSU ha ricevuto il 24,1%, il partito Soyuz-90/Verdi il 14,8%, il Partito Liberale Democratico (FDP) l’11,5%, l’Alternativa per la Germania (AfD) il 10,3%.

Il partito di sinistra (Die Linke) , che ha vinto meno del 5% dell’elettorato, non è entrato in parlamento, ma potrà formare una piccola fazione nel Bundestag, poiché i suoi rappresentanti Gregor Gizi e Gezine Lötsch hanno ricevuto direttamente mandati a Berlino e Søren Pelmann a Lipsia.

I principali contendenti alla carica di cancelliere tedesco, Olaf Scholz (SPD) e Armin Laschet (CDU), hanno annunciato la loro disponibilità a formare un nuovo governo. L’esito della loro competizione non è chiaro.

La leader del partito Union 90/Verdi, Annalena Berbock, ha riconosciuto gli errori che hanno impedito al partito di diventare la principale forza politica in Germania, sebbene cinque mesi fa i Verdi fossero in testa con fiducia in tutti i sondaggi di opinione pubblica. Il calo del rating dei verdi e della loro leader Annalena Berbock è legato al calo della produzione industriale in Germania quest’anno e agli aggravati problemi sociali che ne derivano. Di tutte le parti, i Verdi sono stati i più aggressivi nel rifiutare il gasdotto Nord Stream 2 e nel sostenere le sanzioni contro la Russia.

I risultati delle elezioni provinciali nel Meclemburgo-Pomerania Occidentale, che beneficeranno maggiormente dell’avvio del nuovo gasdotto, sono indicativi . L’SPD, che ha fatto campagna per Nord Stream 2, ha vinto qui con il 40% dei voti (nelle precedenti elezioni del 2016, questo partito ha avuto il 30,6% dei voti), e la CDU ha ricevuto il peggior risultato di sempre (13,3%). alla destra “Alternativa” (16,7%).

Euronews  ritiene che i risultati elettorali “significhino una rinascita inaspettata del Partito socialdemocratico, che solo pochi mesi fa era molto indietro nella corsa” .

Allo stesso tempo, i problemi socio-economici creati dalla caduta dell’industria sotto la pressione della “pandemia” non sono scomparsi e le previsioni per la ripresa economica si stanno deteriorando.

I programmi elettorali dei diversi partiti differiscono poco. Domina la famigerata “agenda per il clima” . “Inoltre, le parti stanno litigando tra loro sulla questione di chi sia la colpa del fallimento in Afghanistan e su come fermare i flussi migratori verso la Germania “, ha affermato Alexander Rahr. Tuttavia, né alla domanda “Chi è la colpa?”, né alla domanda  Come si fa a fermare l’erosione della società tedesca di elementi a lui estranei ?” Nessuna risposta.

Si aggiungono anche altri problemi. In primavera, i deputati della CDU / CSU sono stati condannati per corruzione mentre acquistavano maschere mediche. Armin Laschet ha perso molto quando ha sorriso allegramente mentre visitava terre colpite da alluvioni. Tuttavia,  Deutsche Welle  ritiene  che Laschet potrebbe diventare cancelliere se ci fosse una combinazione di verdi + CDU + FDP. La seconda versione della coalizione di governo: Verdi + SPD + FDP (Cancelliere Scholz).

Quando si confrontano le combinazioni, è ovvio che un cambiamento in uno dei termini in una delle possibili triple coalizioni non cambierà la somma. Qualsiasi governo in Germania promuoverà l’agenda climatica dell’UE (decarbonizzazione, revisione ed espansione del sistema europeo di scambio di quote di emissioni).

Allo stesso tempo, alcuni esperti tedeschi considerano l’agenda climatica dell’Unione europea (e della Germania) separata dalla realtà. Karen Pittel , economista dell’Institut für Wirtschaftsforschung, osserva che nessuno dei manifesti elettorali dei partiti tedeschi garantisce che la “neutralità climatica” sarà raggiunta anche entro il 2045. Nessuna delle parti offre “modi affidabili” per passare a zero emissioni entro il 2045, o addirittura una riduzione del 65% delle emissioni entro il 2030. Lo stesso programma dei verdi ha più flirt con gli elettori che misure pratiche.

La chimericità della “neutralità climatica” nei prossimi decenni è menzionata anche nel rapporto dell’Agenzia federale tedesca per l’ambiente ( Umweltbundesamt ).

È dubbio che i cinque partiti parlamentari tedeschi nel nuovo Bundestag affronteranno il compito dichiarato di attuare l'”agenda per il clima” senza danni politici per se stessi.

 

fonte: Strategic Culture Foundation

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.