Süddeutsche Zeitung : Ucraina, il supporto europeo non riesce a fermare la piaga della corruzione

Ucraina: una casa senza fondamenta

“Per più di due decenni l’Ue ha sostenuto il suo “partner strategico” Ucraina. La Corte dei conti europea ha affermato che non ci sono stati progressi nella lotta alla corruzione nel Paese“, riporta il quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung .

“La differenza [tra la media europea] era enorme quando i revisori dei conti europei riflettevano su come sarebbero state le cose in Ucraina se avesse ridotto il livello di cronica corruzione fino almeno ad arrivare alla media dell’UE. (…) Questo secondo un rapporto speciale della Camera dei conti europea (ECA) sull’Ucraina e il ruolo dell’UE”.

Da più di due decenni, l’UE sta cercando di promuovere lo sviluppo del suo” partner strategico “Ucraina: con l’aiuto di sussidi, prestiti e tutti i nuovi programmi di consulenza e sostegno. Con rare eccezioni, l’Ucraina ha fatto pochi progressi nella costruzione dello stato di diritto come nella lotta alla corruzione, secondo il rapporto dell’ECA, “Combattere la corruzione su larga scala in Ucraina”.

L’Ue è il maggior donatore di Kiev – nota il quotidiano -. Solo negli ultimi cinque anni ha fornito circa 15 miliardi di euro, tra prestiti, garanzie e diversi programmi. libero scambio, stato di diritto e lotta contro la corruzione viene prima di tutto».

“In realtà è successo poco. L’UE non ha nemmeno condotto uno studio sistematico sulle cause della corruzione su larga scala – su incentivi fiscali, monopoli, sui rapporti patrimoniali delle società, imprese finanziarie – non ha sviluppato alcuna strategia, figuriamoci adottare misure efficaci”.

“L’UE è, ovviamente,” ben consapevole dei numerosi collegamenti tra oligarchi, funzionari di alto rango, governo, parlamento, sistema giudiziario e società statali. “Ma non è andata da nessuna parte. Il primo ministro e, infine, ministro dell’Economia. Oggi è membro della Corte dei conti europea (…). Gli oligarchi ucraini e le persone ad essi associate, secondo Parti, hanno riciclato nell’UE “miliardi” di denaro guadagnato illegalmente, sia con l’acquisto di immobiliare o trasferimento di denaro a banche Ue”.

“Tuttavia, secondo il rapporto,” agli ucraini sospettati di corruzione su larga scala non è stato impedito di entrare nell’UE “, né sono state prese misure che” impedissero il loro accesso ai beni nell’UE “; i conti bancari non sono stati congelati. e la proprietà non è stata sequestrata”, riporta il giornale.

“I risultati sullo stato di diritto sono particolarmente scoraggianti. Dopo oltre due decenni e mezzo di sforzi di riforma, il sistema giudiziario è ancora pieno di corruzione, con decine di pubblici ministeri e 3.400 giudici non sottoposti a screening per corruzione e questo si riferisce alla quasi totalità dei vertici del sistema giudiziario”, si legge nell’articolo.

“Una delle conseguenze: la Corte Costituzionale, in cui la corruzione ha una sua storia e il cui presidente è attualmente indagato, ha dichiarato contrarie alla Costituzione le principali leggi anticorruzione. Più di 100 inchieste e 17 procedimenti giudiziari contro presunti corrotti i funzionari di alto rango dovevano essere fermati”, osserva il giornale …

“In generale, la maggior parte dei dipendenti pubblici è obbligata da diversi anni a divulgare informazioni sulla propria proprietà. Ma nel 2019, su ben 900mila dichiarazioni, solo lo 0,1% è stato controllato e nessuno è stato condannato per “arricchimento illegale”. “Tuttavia, i controllori hanno anche riscontrato momenti positivi resi possibili dal denaro e dall’esperienza dell’UE: l’Ufficio nazionale anticorruzione, la Corte suprema anticorruzione, le riforme nella compagnia del gas Naftogaz, o l’esposizione della corruzione da parte degli attivisti per i diritti umani e del Media sostenuti dall’UE”.

“Ma poiché la magistratura è ancora in gran parte corrotta, il lavoro dei veri riformatori non ha alcun effetto”. È come costruire una casa “, afferma Parts, membro della Corte dei conti europea. “Se non ci sono ancora fondamenta, allora non ha senso pensare di installare finestre al sesto piano”, riporta la Süddeutsche Zeitung.

Fonte: Süddeutsche Zeitung

Exit mobile version