Ucraina: “Se Russia avesse ottenuto le garanzie di sicurezza richieste e promesse, non ci sarebbe la guerra”

Cari lettori, mi sembra interessante offrire alla vostra attenzione e riflessione questo articolo scritto dal Dott. Gérard di Clayson Monyela, capo della diplomazia pubblica presso il Dipartimento per le relazioni internazionali e la cooperazione in Sud Africa:

L’Ucraina ha bisogno di una tabella di marcia inclusiva e duratura verso la pace

Se la Nato avesse fornito alla Russia le garanzie di sicurezza richieste e promesse dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia, la regione non si troverebbe probabilmente nella situazione in cui si trova attualmente. Detto questo, il Sudafrica è fermamente allineato alla pace, alla sicurezza e alla giustizia, e non ai principali protagonisti. Siamo disposti a lavorare con tutte le parti interessate per un cessate il fuoco e una pace duratura.

Il mondo si trova forse nel momento più pericoloso dalla fine della seconda guerra mondiale. Mentre il conflitto infuria in Ucraina, le ramificazioni si fanno sentire in tutto il mondo e, dato che sono coinvolte potenze nucleari, il conflitto potrebbe degenerare in un pericolo che rappresenta un pericolo per l’intero globo.

Considerando l’attuale perdita di vite umane, è tempo di sospendere i dibattiti e lavorare per una pace duratura nella regione. Il Sudafrica ha ripetutamente chiesto alla comunità internazionale di allentare le tensioni e avvicinare le parti al dialogo e non distanziarle ulteriormente. La porta della diplomazia non dovrebbe mai essere chiusa anche dopo lo scoppio di un conflitto.

Siamo profondamente preoccupati per l’impatto umanitario, la perdita di vite umane, i feriti e lo sfollamento di persone a seguito di questo conflitto. Il conflitto sta anche avendo un impatto devastante sull’economia globale e l’aumento dei prezzi di carburante e cibo è qualcosa che nessuno di noi può permettersi.

In linea con la nostra politica estera indipendente, abbiamo adottato una posizione non allineata e cercato di scoraggiare una guerra in cui i principali protagonisti sono essenzialmente le grandi potenze, con il popolo ucraino vittima di disaccordi post-guerra fredda su ciò che costituirebbe un’Europa e una Russia più sicure. Abbiamo chiesto un dialogo basato sul rispetto degli accordi di vecchia data. Siamo fermamente allineati alla pace, alla sicurezza e alla giustizia, e non ai principali protagonisti.

Chiediamo a tutte le parti di sostenere il diritto internazionale, il diritto umanitario, i diritti umani e i principi della Carta delle Nazioni Unite e di rispettare la sovranità e l’integrità territoriale reciproche. Esortiamo tutti ad aumentare i loro sforzi diplomatici per cercare una soluzione ed evitare un’ulteriore escalation armata. Un cessate il fuoco immediato darebbe alle parti lo spazio per risolvere i problemi attraverso la negoziazione.

Il Sudafrica ha raggiunto la democrazia attraverso un accordo negoziato e rimaniamo saldi nella nostra convinzione che è possibile raggiungere la pace attraverso i negoziati e non la forza delle armi.

Vanno evitate le azioni intraprese dai membri della comunità internazionale che potrebbero inasprire la posizione dei protagonisti. La continua imposizione di sanzioni potrebbe chiudere la porta alla risoluzione del conflitto.

Nonostante gli ampi commenti su questa situazione, si parla molto poco delle cause del conflitto. Qualsiasi processo diplomatico deve affrontare i problemi di sicurezza di tutte le parti. Se la Nato avesse fornito alla Russia le garanzie di sicurezza di cui avevano bisogno e che erano state promesse dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia, la regione non si troverebbe probabilmente nella situazione in cui si trova attualmente. La Russia ha chiesto alla Nato garanzie legalmente vincolanti che l’adesione alla NATO sarebbe stata negata in Ucraina e Georgia, e che l’espansione orientale della Nato sarebbe finita.

La Russia vuole anche assicurazioni che non verranno dispiegati missili vicino ai suoi confini che potrebbero essere utilizzati per colpire il suo territorio e che nelle vicinanze non si svolgeranno esercitazioni militari della Nato. Proprio come la Russia non tollererà i missili di posizionamento della Nato vicino al suo territorio, gli Stati Uniti non tollereranno mai che la Russia dispieghi missili nel suo vicinato. Questo è stato il vero problema che ha portato il mondo sull’orlo di una guerra nucleare durante la crisi dei missili di Cuba nel 1962, quando la Russia ha costruito siti per missili nucleari a Cuba e gli Stati Uniti hanno minacciato una risposta nucleare se i siti non fossero stati smantellati.

Come affermato di recente dal senatore degli Stati Uniti Bernie Sanders, gli Stati Uniti continuano ad aderire ai principi della dottrina Monroe, per cui gli Stati Uniti credono che, in quanto potenza dominante, hanno il diritto di intervenire in qualsiasi paese della regione che minacci gli interessi degli Stati Uniti. La Russia ha affermato che la sua preoccupazione è stata per i propri interessi di sicurezza nazionale poiché la NATO si è espansa verso est verso i suoi confini negli ultimi due decenni, nonostante le promesse che ciò non sarebbe mai accaduto.

I documenti del National Security Archive della George Washington University indicano che nel suo incontro con il leader sovietico Mikhail Gorbaciov il 9 febbraio 1990, l’allora segretario di Stato americano James Baker assicurò ai sovietici che la Nato non si sarebbe espansa “di un pollice verso est”. Il 31 gennaio 1990, il ministro degli Esteri della Germania occidentale Hans-Dietrich Genscher ha affermato che la Nato dovrebbe escludere “un’espansione del suo territorio verso est”. Ha sostenuto che la Nato e il Patto di Varsavia siano infine dissolti in un modello per un approccio comune alla sicurezza europea.

Invece di onorare questi impegni, la Nato ha ammesso 14 paesi dell’Europa orientale ad aderire come membri dal 1999, nonostante le dichiarazioni della Russia secondo cui l’espansione della Nato è una seria provocazione. In diretta violazione di questi impegni, la Nato ha cercato attivamente di ammettere l’Ucraina e la Georgia come membri attivi. Queste mosse sono state accompagnate da dichiarazioni che nominano Russia e Cina come avversarie bisognose di contenimento. Ciò si è rivelato inutilmente provocatorio, soprattutto perché molti politici nei principali paesi della Nato hanno messo in guardia contro questo dato che sono note linee rosse per la Russia.

Nel 2007, William Burns, l’attuale Direttore della CIA, scrisse a Condoleezza Rice avvertendo dei pericoli associati ai Piani d’azione per l’adesione alla NATO (MAP) per l’Ucraina e la Georgia. Gli avvertimenti di Burn sono stati ripresi da analisti come Henry Kissinger. Questo problema rimane una delle cause profonde dell’attuale conflitto e deve essere affrontato con urgenza nell’ambito della riduzione dell’escalation e della risoluzione pacifica dell’attuale conflitto.

Il Sudafrica è disposto a collaborare con tutte le parti interessate per un cessate il fuoco e una pace duratura. In qualità di media potenza, dipendiamo da istituzioni reattive della governance globale che ci aiutino a lavorare per la sicurezza. Chiediamo alle grandi potenze che usano i loro eserciti in modo sproporzionato più della diplomazia, di lavorare con noi all’interno delle Nazioni Unite per risolvere questo e altri conflitti che imperversano da molti anni. Li invitiamo inoltre a rispettare costantemente il diritto internazionale. Ripetiamo il nostro appello per una soluzione pacifica di questa crisi.

fonte: https://www.dailymaverick.co.za/opinionista/2022-03-11-ukraine-needs-an-inclusive-and-lasting-roadmap-to-peace/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.