e se si fosse bruciato il Mein Kampf?

leggo dal blog di berlicche:

Faccio una domanda non retorica. Mi interessa veramente conoscere la vostra risposta.

Siamo nel 1926. Avete – in qualche maniera – la conoscenza anticipata degli avvenimenti di tutto il XX secolo.
Un agitatore politico di nome Adolf Hitler sta architettando un colpo di stato, e ha appena pubblicato un libro chiamato Mein Kampf.
Sapete che se il suddetto personaggio resterà in vita causerà una guerra mai vista prima che porterà milioni di morti e sofferenze in tutto il mondo.
Sapete che se il libro non sarà distrutto quanto in esso contenuto causerà comunque persecuzioni verso gli ebrei e sanguinosissime conseguenze.

Avete la possibilità di giustiziare Hitler; avete la possibilità di eliminare ogni copia della sua opera.
Cosa fate? E in che modo giustificate – a voi stessi – la decisione presa?

la mia riflessione:

I fatti che hanno generato un uomo come Hitler, sono antecedenti a Lui, lo sterminio degli Herero in Namibia (che la pubblica opinione ignora) per esempio, avviene nel 1905 con modalità simili a quelli che poi furono i campi di sterminio nella seconda guerra mondiale.

Il male che ha generato un uomo come Hitler , è il male di tutti.

Un uomo come Hitler non si poteva fare strada se non in un terreno fertile. A partire da elaborazioni filosofiche e scientifiche come quelle teorie evoluzionistiche Darwiniane, riprese poi anche da altri , teorie sulla disuguaglianza delle razze umane, in cui si diceva per esempio che la pelle fosse proporzionale alla vivacità dell’ingegno…i cui  argomenti erano per esempio il dominio sulle popolazioni inferiori, che la mescolanza di differenti razze comportava un rapido declino.

E poi la commistione anche di altre teorie con quella darwiniana come quella marxista, kantiana, … insomma il materialismo faceva da padrone ed aveva tutta la sua legittimazione filosofica, “scientifica”: Hitler si è spinto oltre perchè molti avevano elaborato teorie pseudoscientifiche, e gli elementi mistici divulgati e sostenuti dal potere sembrava potessero in fondo esaurire e spiegare tutta la realtà, molti giustificavano le sue teorie come plausibili..

Per esempio prendendo spunto dall’enfasi dei 150 anni per l’unità d’Italia, la guerra “di indipendenza italiana” (indipendenza dal pensiero cattolico) non fu’ altro che guerra contro la Chiesa e ebbe conseguenze disastrose anche politiche perchè decretò il principio di intervento in altri paesi con la semplice accusa che questi non fossero sufficientemente moderni e illuminati, la stessa 1^ guerra mondiale fu’ una guerra ingiusta (il Papa la chiamò una inutile carneficina”), perhè è il primo esempio moderno della guerra totale con l’annientamento completo dell’avversario: quel pensiero porterà il disastro della 2^ guerra mondiale.

Ma non si puo’ qui in poche parole esaurire quel contesto storico ( e ci siamo ancora dentro pur cambianto la forma, prima c’era l’ideologia ora il relativismo) . Sarebbe il caso di occuparcene, e ribaltare parecchi miti. Insomma il capitale di Marx non fece meno morti, ma se non qualcuno non avesse scritto  quel libro qualcun altro ne avrebbe scritto uno simile, sempre alla ricerca del superuomo e al progresso e la giustizia delle “forze che lo governano”.

Tutti fanno le cose a fin di bene in fondo, no? Il male per farlo in grande ha bisogno di una giustificazione apparentemente positiva. Ma io sono convinto che non bastano le cose giuste , e non è questione nè di fine , nè di mezzi, liberamoci di queste frottole, esiste solo che l’uomo deve tornere integralmente uomo, l’uomo ha solo una possibilità: aprire le porte a Cristo. Cristo che si è fatto uomo commosso dal nostro niente, morto e risorto per noi.

E non credo che il male debba essere inevitabile , ci sono state epoche che almeno questo era maggiormente realizzato ed in cui la struttura della società era un tentativo buono, nonostante il peccato.

E’ questo che si è negato, questo giudizio è stato distrutto e puo’ esistere solo in subordine al potere , questo ora . Ed allora : se non lo avesse fatto Hitler lo avrebbe fatto un altro, lui fù il piu’ “diligente” utilizzando tutto l’armamentario dei “buoni” nemici della Chiesa.

Previous article

Gaudete