Sono i tradizionalisti che stanno raggiungendo l’obiettivo del Concilio Vaticano II

Sono i tradizionalisti che stanno raggiungendo l'obiettivo del Concilio Vaticano II 1

Certo, tra i cattolici tradizionalisti c’è chi intende il termine in modo banale, aggrappandosi alla pompa magna o alla forma della tradizione escludendo il suo ethos e il suo contenuto. Altri però – la maggior parte – guardano la sostanza, la bellezza di onorare e professare la fede (e perciò tengono alla forma); essi si sottomettono alla giusta autorità della Chiesa e cercano di imitare l’ethos dei santi. Sì, certo c’è un autentico sensum fidelum che griderebbe ai loro pastori che le cose sono andate orribilmente male. Che in tutto il caos si è perso qualcosa di fondamentale, di cruciale.
Ma quindi sono i modernisti oppure i tradizionalisti che realizzano di più lo spirito del Concilio Vaticano II? Direi, sono gli uomini di buona volontà, ovvero coloro seguono la volontà di Dio ed entrano in rapporto continuamente con il Sacro tramite la domanda, la preghiera e la Tradizione della Chiesa. Proprio su questi temi, è stato pubblicato un interessante articolo di A. Litwinski su One Peter Five che, mi pare, descriva molto bene da dove si potrebbe ricominciare.

fonte One Peter Five – autore John A. Litwinski

Il vescovo Fulton Sheen una volta osservò che “non ci sono 100 persone negli Stati Uniti che odiano la Chiesa cattolica, ma ci sono milioni che odiano ciò che percepiscono erroneamente come la Chiesa cattolica”. Lo stesso si potrebbe forse dire del Concilio Vaticano II.

Molto spesso sentiamo dire che lo scopo del Concilio era ” aggiornare la Chiesa al mondo moderno “, o ” reinventare la Chiesa “, e così via. Tali descrizioni fuorvianti provengono tipicamente da coloro che vogliono rendere la Chiesa più simile a società laica moderna: i modernisti. [1] E purtroppo molti tradizionalisti hanno creduto a tali caratterizzazioni del Concilio. Così facendo, a volte sembrano rendersi oppositori del Vaticano II, quando in realtà sono i tradizionalisti che stanno realizzando l’obiettivo più grande del Concilio.

Consentire ai modernisti di rivendicare il ruolo del Vaticano II è un enorme errore strategico, simile a lasciare che una squadra avversaria aggiunga cinquanta punti non guadagnati al tabellone all’inizio di una partita di basket. È particolarmente irritante perché i modernisti ignorano i chiari comandi del Concilio su cose fondamentali (ad esempio, che l’uso del latino “deve essere preservato” in Sacrosanctum Concilium ). I tradizionalisti possono, e devono, sostenere, da una posizione di forza e fiduciosa, di essere quelli che stanno effettivamente realizzando lo scopo principale del Concilio.

Lo scopo principale del Vaticano II

Qual è stata, allora, la principale preoccupazione del Concilio Vaticano II? Consideriamo le fonti originali e più autorevoli: Papa Giovanni XXIII, che iniziò il Concilio Vaticano II, e Papa Paolo VI, che seguì il Concilio fino alla sua conclusione. Questi non sono semplici commentatori, ma piuttosto i due uomini più responsabili del Concilio, e che soprattutto potrebbero parlare in modo definitivo del suo scopo ultimo.

Nel suo discorso del dicembre 1965 all’ultima riunione del Concilio Vaticano II, Papa Paolo VI ha discusso l’obiettivo principale del Vaticano II. Citando le parole di Papa Giovanni XXIII, Papa Paolo VI disse: “La più grande preoccupazione del Concilio Ecumenico è questa: che il sacro deposito della dottrina cristiana sia custodito e insegnato più efficacemente ”. Anni dopo, in un documento che accompagnava il nuovo Catechismo, Papa Giovanni Paolo II, che aveva partecipato al Concilio come vescovo, confermò che questo era proprio il “ compito principale ” del Concilio .

“Massima preoccupazione” e “compito principale”: ciò significa che era l’unico scopo più importante del Concilio e, per estensione, tutto il resto era secondario. «Che il sacro deposito della dottrina cristiana sia custodito e insegnato più efficacemente»: la prima parte si riferisce al «patrimonio delle dottrine [della Chiesa]». “Più efficacemente” significa trasmettere con successo la fede nel mondo reale, in un’età moderna in cui “l’oblio di Dio è diventato abituale”. In breve, il Concilio Vaticano II intendeva realizzare un rinnovamento — crescita, non declino — nella vita dei fedeli.

Comandi chiari contro flessibilità

Ora che comprendiamo lo scopo principale del Concilio, possiamo collocare le sue altre preoccupazioni secondarie nel loro contesto appropriato. Dobbiamo distinguere tra obblighi chiari e inequivocabili da un lato; e affermazioni meno definitive e più flessibili dall’altra.

Un esempio del primo si trova in Nostra Aetate , dove i padri conciliari «denigrano senza ambiguità l’odio, le persecuzioni, le manifestazioni di antisemitismo, dirette contro gli ebrei in qualsiasi momento e da chiunque». Qui i padri conciliari sono stati del tutto chiari, senza alcuna ambiguità: l’odio contro il popolo ebraico non è mai lecito.

Ben diverso si ritrova nel documento sulla liturgia Sacrosanctum Concilium , che ordinava che «nei riti latini si conservi l’uso della lingua latina», ma che lasciava ai vescovi locali «decidere se, e in che misura, si usi la lingua volgare” (pur conservando l’uso del latino). Allo stesso modo, ha dato al canto gregoriano “un posto d’onore nei servizi liturgici”, ma ha anche permesso l’uso di altre forme musicali.

Laddove il Vaticano II ha parlato inequivocabilmente (come nei rapporti della Chiesa con il popolo ebraico), tutti i cattolici dovrebbero e devono accettare quel particolare insegnamento. I padri conciliari sapevano parlare decisamente quando volevano. [2]

Laddove i Padri conciliari non hanno impartito un comando chiaro, come per lo statuto della Messa latina tradizionale, ciò è la prova del loro desiderio di consentire flessibilità. L’espansione della Messa latina in Summorum Pontificum da parte di Papa Benedetto XVI riflette sia questa flessibilità che il desiderio dichiarato del Concilio di preservare le espressioni di culto esistenti:

Il sacro Concilio dichiara che la santa Madre Chiesa considera di pari diritto e dignità tutti i riti legittimamente riconosciuti; che desidera conservarli in futuro e in ogni modo favorirli ( Sacrosanctum Concilium , 4).

Nel suo recente Motu Proprio, papa Francesco, il primo papa in mezzo secolo a non essere coinvolto nel Concilio, sottintende erroneamente che il Vaticano II abbia deciso di porre fine alla messa in latino. I Padri conciliari non l’hanno mai detto. Infatti, come ha osservato papa Benedetto XVI, la messa del novus ordo (uscito mezzo decennio dopo la fine del Vaticano II) non faceva nemmeno parte del Concilio di per sé . [3]

Come valutiamo l’attuazione del Vaticano II?

Chi custodisce in realtà il deposito della fede e lo trasmette più efficacemente, raggiungendo così l’obiettivo principale del Concilio? E chi sta semplicemente promuovendo obiettivi o agende accessorie, che in alcuni casi non facevano nemmeno parte del Concilio?

Data la flessibilità insita in gran parte del Vaticano II, la fedeltà al Concilio generalmente deve essere misurata dai risultati del mondo reale, non da teorizzazioni astratte su ciò che lo “spirito” del Vaticano II intendeva. Ipoteticamente, se i tamburelli e la musica in stile anni ’70 aiutassero davvero a creare parrocchie fedeli traboccanti di parrocchiani e vocazioni, ciò realizzerebbe l’obiettivo principale dei padri conciliari. Lo stesso vale quando le parrocchie di messa in latino raggiungono l’obiettivo primario del Vaticano II utilizzando mezzi più tradizionali.

Ed è vero anche il contrario: se le parrocchie che hanno puntato sui moderni stili di culto declinano e chiudono, non fanno la volontà dei padri conciliari. L’obbedienza agli obiettivi più periferici del Vaticano II (salvo nella misura in cui è obbligatoria) non giustifica il mancato raggiungimento dell’obiettivo principale. Se le parrocchie chiudono e i cattolici abbandonano la fede, non è “solo qualcosa che è successo”. Coloro in posizioni di autorità che hanno supervisionato tale declino sono responsabili per non aver fatto la volontà dei Padri conciliari. [4]

Chi sta raggiungendo l’obiettivo principale del Vaticano II?

Ora abbiamo mezzo secolo di esperienza che mostra quale approccio è più efficace. Quando guardiamo al cattolicesimo oggi, certamente nei paesi occidentali, è chiaro che i cattolici tradizionali stanno realizzando il più grande obiettivo del Vaticano II con molto più successo dei cattolici modernisti. [5]

Non solo la frequenza alla Messa in latino da parte dei cattolici tradizionali è cresciuta in modo significativo , ma lo ha fatto con tassi di partecipazione sorprendentemente alti da parte dei fedeli: ad esempio, c’è il 98% di frequenza settimanale alla Messa in latino nella fascia di età 18-39. E questi sono giovani che hanno trovato da soli il tradizionalismo: solo il 10% di loro è stato cresciuto nella messa in latino dai genitori.

Mettilo a confronto con la situazione nelle parrocchie più moderniste. Quando leggiamo che la più grande arcidiocesi tedesca prevede di chiudere il 90% delle sue chiese – 450 su 500 – entro la fine di questo decennio, come si può affermare che l’obiettivo principale del Vaticano II è stato raggiunto? O in Francia, dove solo il 5% dei cattolici frequenta regolarmente la messa? O in America , dove dagli anni Settanta il numero dei cattolici che hanno abbandonato la fede è cresciuto di 15 volte, da due milioni a 30 milioni?

Lo stesso vale per gli insegnamenti della Chiesa. I cattolici che partecipano alla Messa tradizionale in latino accettano molto di più la dottrina della Chiesa su un’ampia gamma di questioni. Ad esempio, solo l’ 1 per cento dei tradizionalisti approva l’aborto , rispetto al 51 per cento dei cattolici che frequentano la messa moderna. Statistiche simili si possono trovare in molti altri aspetti dell’insegnamento della Chiesa, come la presenza reale nell’Eucaristia.

C’è un’analogia interessante nella Scrittura. Nella famosa parabola dei due figli di Gesù , un padre chiede ai suoi due figli di andare a lavorare nella vigna. Uno dice “non lo farò”, ma poi cambia idea e va a lavorare. L’altro dice “Sì, signore” ma in realtà non va. Gesù chiede: “Chi dei due ha fatto la volontà di suo padre?” La risposta, ovviamente, è la prima.

Da ciò si può comprendere qualcosa di importante sui cattolici tradizionali e sul Vaticano II: mentre a volte sembrano resistere ad aspetti del Concilio, i tradizionalisti sono in realtà quelli che raggiungono il suo obiettivo principale : che il “sacro deposito della dottrina cristiana sia custodito e insegnato più efficacemente.” Stanno facendo crescere famiglie e parrocchie fedeli e mantengono valori cattolici senza tempo. Questo è in netto contrasto con i Modernisti, che si spacciano per eredi del Vaticano II ma promuovono ogni sorta di insegnamenti errati, con conseguente apostasia, vocazioni in declino e chiese chiuse.

Ecco perché in ogni occasione dovremmo sostenere con fiducia che i tradizionalisti sono quelli che raggiungono il più grande obiettivo del Concilio Vaticano II.

fonte One Peter Five – autore John A. Litwinski

[1] Usiamo il termine in senso generale per includere sia l’eresia condannata da Pio X sia il desiderio generale di conformare tutte le cose nella Chiesa all’attuale zeitgeist del mondo.

[2] La Lumen Gentium include una nota alla fine (in appendice dell’arcivescovo Felici) che distingue tra il contenuto vincolante e quello non vincolante del Vaticano II. Quest’ultimo deve essere ancora piamente accolto dai cattolici, ma non preclude in qualche modo il rifiuto del consenso (ad esempio, sulle decisioni prudenziali).

[3] Le riforme del Novus Ordo Mass “non sono semplicemente identiche al Concilio in quanto tale… Chi non pensa che tutto in questa riforma sia andato a buon fine e considera molte cose soggette a riforma o addirittura da rivedere non è quindi un avversario del ‘Concilio.’” Joseph Ratzinger, Collected Works: Theology of the Liturgy (San Francisco, CA: Ignatius Press, 2014), vol. 11, pag. 576.

[4] Possiamo paragonare questa responsabilità a ciò che Cristo ha insegnato nella parabola dei talenti .

[5] Questo non per escludere la crescita di successo di un terzo gruppo, i cattolici ortodossi che non si identificano come “tradizionali”, ma semplicemente per valutare le affermazioni della Traditionis Custodes riguardo al Vaticano II e ai tradizionalisti sulla base delle prove.

Exit mobile version