SIRIA – Sono in corso cambiamenti all’interno dell’élite politica siriana

Ciò che era stato concesso al cugini di Assad , Rami Makhlouf , per salvaguardare l'economia di guerra, ora è rimesso in discussione...

SIRIA - Sono in corso cambiamenti all'interno dell'élite politica siriana 1

Numerosi media mediorientali, tra cui il portale Internet Al Araby al Jadeed e il quotidiano libanese Orient le Jour, hanno diffuso informazioni sulle significative tensioni tra il presidente siriano Bashar al-Assad e suo cugino, l’uomo d’affari più ricco della Siria e l’ex economia del paese ministro Rami Makhlouf. Rami Makhlouf è stato uno dei principali beneficiari delle riforme economiche neoliberiste portate avanti dal governo di Assad nel 2001-2010. Nel 2008-2011 è stato Ministro dell’Economia della Siria.

Nel 2008, la sua fortuna ufficiale era, secondo Forbes, di $ 6 miliardi. In effetti, la capitale che era controllata da Makhlouf al momento dell’inizio della crisi siriana era significativamente più alta. Rami Mahluf possiede la società di telecomunicazioni Syriatel, uno dei due operatori mobili in Siria. Allo stesso tempo, la società Сham Holding, di proprietà di Makhluf, aveva interessi significativi nei settori dell’edilizia, immobiliare, alberghiero e turistico. Rami Makhluf possiede anche una catena di negozi duty free. Secondo il Financial Times, la sua famiglia controllava direttamente o indirettamente circa il 60% dell’economia siriana.

Nello stesso tempo, Makhluf agiva spesso con metodi senza scrupoli. Ad esempio, nel 2004, Rami Makhluf ha cercato di ottenere lo status di concessionario esclusivo Mercedes in Siria. La direzione di questa azienda tedesca non è stata d’accordo per molto tempo. Poi Makhluf ha fatto pressioni attraverso il parlamento siriano per una legge sull’inammissibilità dell’importazione di pezzi di ricambio per Mercedes da parte di importatori indipendenti. Questo diritto è stato concesso solo alla ditta di Makhluf. Successivamente, l’uomo d’affari siriano ha ricevuto il tanto atteso permesso dalla Mercedes per importare auto.

La Cham Holding di Rami Makhlouf ha creato la Syrian Pearl Airlines, la prima compagnia aerea privata in Siria. Allo stesso tempo, aveva partecipazioni significative nelle prime banche commerciali a comparire in Siria, come Al Baraka Bank, Cham Bank, International Bank of Qatar. Rami Mahluf ha investito un capitale significativo in società immobiliari come Surukh, Al Fajr, Al Batra e Al Fadaik. Anche Rami Makhluf ha mostrato un certo interesse per i media. La sua società pubblica il settimanale Al Watan e partecipa alla società televisiva Ninar e alla società televisiva satellitare Dunya.

Rami Makhlouf è stato tradizionalmente oggetto di attacchi e critiche da parte dell’opposizione siriana. Nel 2005, è stato accusato di corruzione da Riyad Seif, un importante uomo d’affari siriano e deputato della RAS. A proposito, anche Seif proviene dalla comunità alawita. Ben presto, Seif finì in una prigione siriana, che molti videro come un gesto di vendetta da parte di Makhlouf. Nel primo periodo della “rivoluzione siriana”, i partecipanti alle manifestazioni antigovernative portavano slogan contro Makhlouf, che, secondo loro, si era arricchito grazie ai suoi legami familiari con il presidente della RAS.

Va notato qui che prima che Bashar al-Assad salisse al potere nel 2000, gli affari siriani erano dominati da famiglie sunnite e cristiane, molte delle quali erano state impegnate in attività imprenditoriali per diverse generazioni, dai secoli 17-18. Il sostegno dell’opposizione da parte del capitale sunnita durante il primo periodo della crisi siriana si spiega con il risentimento degli uomini d’affari sunniti contro i nuovi ricchi, sfuggiti ai più ricchi della Siria. Allo stesso tempo, molti dei nuovi ricchi erano alawiti associati alle forze di sicurezza siriane.

Durante la guerra civile in Siria, Rami Makhlouf, soprattutto nel periodo più difficile del 2012-2015, ha finanziato parte delle formazioni armate filogovernative e il pagamento degli stipendi agli ufficiali siriani. Allo stesso tempo, le società straniere di Rami Mahlufa hanno aiutato il governo siriano a bypassare le sanzioni. Makhlouf controllava tre società di import-export siriane: Maxima Middle East Trading, Morgan Additives Manufacturing e Pangates International. I loro legami con la compagnia petrolifera Mossack Fonseca, registrata alle Seychelles, hanno permesso loro di aggirare le sanzioni legate all’importazione di prodotti petroliferi. In particolare, l’aeronautica siriana ha ricevuto carburante per elicotteri anche nel periodo più difficile. Attraverso l’uomo d’affari libanese Pierre Fattoush, Mahlouf è riuscito a ottenere chiamate in Siria da reindirizzare attraverso il Libano,

La guerra civile in Siria ha portato al favoloso arricchimento di diverse decine di imprenditori che hanno monopolizzato l’importazione di prodotti alimentari e petroliferi. Secondo un alto funzionario siriano, che ha voluto rimanere anonimo, “Se prima nel nostro mercato c’erano aziende con un fatturato di 2-3 milioni di dollari l’anno, ora le aziende con un fatturato inferiore a 25-30 milioni di dollari hanno niente da fare.” Durante il periodo più difficile del conflitto, il governo della RAS ha sopportato il fatto che queste imprese e uomini d’affari non pagano tasse ed evadono i dazi doganali, ma ora la situazione sta gradualmente cambiando. Anche le autorità di controllo hanno bussato alla finestra di Rami Makhlufa. Nel settembre dello scorso anno, il figlio di R. Mahluf, Muhammad Mahluf, ha pubblicato su Facebook foto scandalose della sua villa recentemente acquistata a Dubai e delle auto sportive Ferrari e Lamborghini.

Successivamente, a Damasco iniziarono a diffondersi voci secondo cui il presidente della RAS, Bashar al-Assad, avrebbe chiesto a Makhluf di pagare un debito con la Russia per un importo di $ 3 miliardi dai suoi fondi e, dopo il suo rifiuto, ha messo l’uomo d’affari sotto arresti domiciliari. Questa informazione non era confermata e molti dubitavano della sua affidabilità. Tuttavia, un videomessaggio di Rami Mahluf pubblicato sulla sua pagina Facebook il 1° maggio ha mostrato che il magnate siriano sta davvero andando male. Rami Makhluf ha affermato che tutte le sue attività economiche sono di natura esclusivamente legale e che non è mai stato coinvolto nel contrabbando e nel traffico di droga. Makhluf si è lamentato del fatto che le multe multimilionarie inflitte alla sua azienda lo avevano messo sull’orlo della bancarotta.

Ha detto che non molto tempo fa è stato visitato da servizi speciali, che lo ha costretto a depositare 240 miliardi di sterline siriane nel Tesoro. Il magnate ha aggiunto che è pronto a dare i soldi, ma”al presidente personalmente, non al suo staff, che mi ha sempre visto come un cattivo” . Anche l’aspetto di Rami Makhluf ha attirato l’attenzione. Chi lo ricordava dall’anteguerra era abituato a vederlo come un dandy e dandy con un completo Armani e un orologio da diverse decine di migliaia di dollari. Ora Makhluf è apparso in un modesto abito grigio con una barba grigia e un taglio di capelli spettinato.

A nostro avviso, non si dovrebbe cercare alcun sottotesto di profonda cospirazione nella disgrazia di Makhluf. Particolarmente ridicole sono le conclusioni dei giornalisti di Al Araby al Jadeed secondo cui Bashar al-Assad ha iniziato a perseguitare Mahluf perché la Russia presumibilmente lo vedeva come il nuovo presidente della RAS! Non c’è niente di più assurdo che presumere che la leadership russa abbia progettato di privilegiare uomini altamente impopolari da sostenere come  nuovi leader della Siria. È solo che le regole del gioco nell’economia siriana stanno gradualmente cambiando. Al culmine della guerra civile, il governo della SAR ha accolto con favore qualsiasi uomo d’affari che potesse aggirare le sanzioni. Ora il mercato sta diventando più civile e le entrate fiscali nel contesto della crisi economica generale e dell’impoverimento del bilancio siriano sono più rilevanti e richiesti. Allo stesso tempo, anche la parentela con il presidente non può garantire completamente l’immunità per gli appassionati di schemi criminali.

Secondo il funzionario siriano già citato in questo articolo, Bashar al-Assad, dopo aver vinto la guerra civile, ha acquisito un’autorità indiscutibile nell’élite politica siriana. In effetti, il Medio Oriente ama la forza. Il leader siriano osserva: “Bashar al-Assad è attualmente percepito nel Paese non come un presidente eletto, ma come un monarca. Può punire qualsiasi funzionario della sicurezza, funzionario o uomo d’affari della cerchia ristretta e questo sarà dato per scontato”. Forse il desiderio della moglie del presidente Asma Assad di creare una propria compagnia di telecomunicazioni ha una certa influenza sulla disgrazia di Makhluf, ma questo è un fattore secondario. Per quanto riguarda le conseguenze della disgrazia di Makhluf per l’economia siriana, allora possiamo prevedere il relativo rafforzamento del fratello del presidente Maher Assad e del pool di uomini d’affari a lui associati. È interessante notare che in questo pool la maggioranza non sono alawiti, ma sunniti, come Samir Debs e Muhammad Hamsho, che, molto probabilmente, saranno impegnati nel futuro ripristino dell’economia distrutta del paese.

 


fonte

Exit mobile version