SIRIA – Sintesi dei combattimenti in Siria per il 21-22 luglio

SIRIA - Sintesi dei combattimenti in Siria per il 21-22 luglio 1

forze armate siriane spostano forze a nord di Hama

Il Ministero della Difesa russo ha negato le notizie circolate nei giorni scorsi circa il bombardamento aereo russo su un mercato siriano nella cittadina di Maarrat al-Nuuman. In un comunicato il Ministero rileva che le “dichiarazioni di rappresentanti anonimi dell’organizzazione White Helmets finanziate dal Regno Unito e dagli Stati Uniti in merito al presunto colpo in atto sul mercato della Forza aerospaziale russa sul mercato di Maarrat al-Nuuman (provincia di Idlib) – sono fallse.”. “L’aviazione della Forza aerospaziale russa non ha svolto alcun compito in questa regione della Repubblica araba siriana”, ha sottolineato il ministero. In precedenza, il canale televisivo francese France 24 ed altri media occidentali avevano riferito di un bombardamento di aerei russi su un mercato ortofrutticolo a Maarrat al-Nuuman  in cui avrebbero perso la vita  19 persone, tra cui 16 civili.

Aleppo. Oggi i militanti hanno bombardato le aree di Al-Hamadaniyah e Al-Jamiliyah inAleppo. Secondo l’agenzia di stampa araba siriana SANA, sette civili sono stati uccisi e molti sono rimasti feriti nei bombardamenti.
Le forze armate turche hanno inflitto attacchi sulle posizioni delle formazioni curde nell’area degli insediamenti di Merenaz, Maliki e Maliki e Shevarikha nella regione di Shera. In prossimità di n. Merenaz (Merenaz) è scoppiato in combattimenti tra militanti curdi e filo turchi (TFSA). A seguito degli scontri, 5 jihadisti dei gruppi di “El Shimal” e “Jabha al-Shammia” sono stati uccisi, secondo fonti curde. Secondo un comunicato curdo,  nella regione di Afrin, le forze curde hanno condotto operazioni contro l’FSA nel villaggio di Gobelê e nel centro della città di Afrin, uccidendo 4 soldati turchi e ferendone 5.

Idlib. L’artiglieria  l’aeronautica militare siriana hanno attaccato strutture jihadiste nelle località di Kafr Nabl, Saraqib, Ariha e Khan Sheikhun.

Hama. Lunedì sera le bande jihadiste hanno sottoposto i dintorni occidentali del centro di Hama ad un attacco di mortaio. 7 civili sono stati uccisi nel bombardamento dei militanti. Lo ha riferito la stazione televisiva governativa Al Ekhbariya. Secondo la suddetta TV siriana, le esplosioni di proiettili nell’area di Masyaf sono state scambiate per attacchi aerei. I militanti hanno anche tentato di attaccare i sistemi missilistici antiaerei S-300. Al Masdar News riferisce gonti militari che diversi missili dal Grad MLRS sono stati lanciati in direzione di Masyaf la sera del 21 luglio.  E’ la prima volta che l’area degli S-300 viene attaccata. I missili però non hanno raggiunto il loro obiettivo. Gran parte sono stati neutralizzati dai sistemi di difesa aerea nella provincia di Tartus.

Un corrispondente dello Sputnik News ha riferito lunedì che domenica più di 40 jihadisti sono stati uccisi durante un attacco alla città di Al-Qasabiyah (Al-Qasabiyeh) . Secondo il rapporto, l’esercito arabo siriano (SAA) Ha respinto completamente l’attacco dei jihadisti ad Al-Qasabiyah (Al-Qasabiyeh) distruggendo la colonna di veicoli nemici nella parte settentrionale della città. L’esercito siriano ha subito minime perdite durante l’attacco. I media dei militanti hanno affermato che durante l’attacco sono stati uccisi più di 20 soldati dell’esercito siriano. Le forze aerospaziali russe continuano a infliggere attacchi aerei su obiettivi identificati nelle vicinanze dell’insediamento. Kfar Zeita Murk e Latmin.

Nel nord della provincia, nell’insediamento Shizar (Shizar), i jihadisti hanno colpito un carro armato T-72 appartenente all’esercito siriano: l’attacco è stato compiuto con un razzo lanciato da una distanza di almeno 5 chilometri. Secondo una fonte militare a Damasco, il missile utilizzato appartiene ad una nuova generazione di ATGM sviluppata dalla Turchia. I militanti “Jaish al-Izz” hanno distrutto anche un veicolo di trasporto militare nell’area dell’insediamento Jadida Al (Al-Jadidah). Le formazioni pro-turche sono state attaccate nel nord della provincia di Latakia. I militanti hanno sparato su Latakia, colpendo anche il campus dell’Università di Tishrin.

Homs. I terroristi dello Stato Islamico (vietato nella Federazione Russa) hanno commesso un sabotaggio, facendo deragliare un treno merci che trasportava minerali di ferro nella parte orientale della provincia di Homs (fonte SANA). Il sabotaggio è avvenuto nell’area del deposito di fosfato di Khneifis. Dopo l’esplosione, la locomotiva elettrica prese fuoco e deragliò. I lavoratori delle ferrovie sono rimasti feriti, ma il numero delle vittime non è indicato. Al momento, un team di riparatori è arrivato sulla scena dell’incidente.

Damasco. Uno IED dello Stato Islamico è esploso vicino alla moschea Al-Qadam nella città di Damasco. L’agenzia Amaq dell’ISIS ha dichiarato che un militante dell’ISIS ha ucciso un soldato delle forze di difesa nazionali (NDF) e ferito il comandante. Tuttavia, secondo i rapporti, un civile è stato ucciso e diverse persone sono rimaste ferite nell’esplosione, incluso un funzionario della difesa civile di Syad, Iyad Diob.

Quneitra. A seguito di attacchi missilistici nell’area di Saas (Al-Sasa), due persone sono state uccise e tre ferite (agenzia SANA).

Daraa. Nella zona di insediamento Al-Mithlath, a nord di Khirbet Ghazala, militanti sconosciuti hanno ucciso un ufficiale della direzione dell’intelligence dell’aeronautica militare siriana. Il segretario del parlamento siriano, Khalid al-Abud, ha affermato che Israele e la Giordania sono dietro l’ultima serie di attacchi. Aboud ha sottolineato che si riferiva ai recenti attacchi nella provincia di Daraa, nel sud-ovest del paese. Secondo lui, gli attacchi dei ribelli sono organizzati dall’ l’intelligence giordana e israeliana. Tra le altre cose, i ribelli stanno attaccando civili, forze russe e hanno già bruciato migliaia di ettari di colture.

Deir ez-Zor. I militanti dell’ISIS hanno attaccato il checkpoint del SAA nell’area delle città di Abu Kamal e Al-Mayadin. Secondo l’agenzia di stampa Al Masdar, l’esercito siriano ha respinto l’attacco dell’ISIS, ma più di 10 militari sono stati uccisi negli scontri.

fonte: ANNA-News

Exit mobile version