Siria – sempre attivi i White Helmet nel preparare false flag chimiche per accusare l’esercito siriano

Il capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, Viktor Kupchishin, ha affermato che ai giornalisti stranieri che nella provincia di Hama il gruppo White Helmet ha girato la messa in scena della morte di una famiglia siriana per l’uso presunto di armi chimiche da parte dell’esercito siriano. Lo riferisce l’agenzia russa Ria Novosti.

La vicenda è stata denunciata anche dal vice rappresentante della Russia all’ONU Vladimir Safronkov in una riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Il diplomatico ha affermato che i “Caschi bianchi” continuano a preparare le prossime provocazioni con l’obiettivo di accusare le autorità legittime di uso di sostanze tossiche “.

Ha anche aggiunto che l’attuale status quo nella provincia siriana di Idlib – dove continuano gli attacchi dei militanti contro le forze governative, non è accettabile.

“Al momento – ha detto Safronkov- nella provincia, i militanti “colpiscono indiscriminatamente” le infrastrutture civili”.

Facebook Comments