SIRIA – Rivolta delle tribù arabe di Deir Ezzor contro i curdi

Deir Ezzor – 6 agosto

La situazione nella Siria orientale si sta surriscaldando ogni ora. Le manifestazioni iniziate martedì nella provincia di Deir ez-Zor contro lo spadroneggiare dei militanti delle forze democratiche siriane ( SDF ) e dell’amministrazione curda sono sfociate in una rivolta armata.

Il personale di sicurezza curdo di Asay, arrivato sulla scena del conflitto, ha cercato di trattenere i manifestanti più radicali, ma sono stati accolti con il fuoco automatico. Nel villaggio di Al-Khawayij, i militanti delle Syrian Democratic Force (SDF) hanno sparato e ucciso una donna che ha impedito loro di arrestare suo figlio. Ciò ha fatto arrabbiare ancora di più i residenti locali, che sono passati all’offensiva, catturando un’auto blindata HMMWV (Humvee) con una mitragliatrice pesante, dalla quale hanno aperto il fuoco sui curdi.

Il canale Telegran Directorate 4 mostra il filmato della sparatoria.

Lo scontro tra gli arabi e le SDF è stato causato dalla morte dello sceicco della tribù Akkidat, Ibrahim Khalil Al-Jadaan . Il dignitario aveva rifiutato di incontrare il capo delle forze democratiche siriane, Mazlum Abdi . Non si sa esattamente chi lo abbia ucciso, ma i residenti locali incolpano i curdi per questo.

Ieri una milizia tribale combinata ha riconquistato i villaggi di Zeyban e Al-Hawaij dalle SDF. Lo sceicco della tribù Bakkara Nawaf Ragheb Al-Bashir ha invitato le tribù arabe nella regione orientale della Siria a unirsi alla tribù Akkidat per liberare l’Eufrate orientale. Al momento, tra la popolazione c’è già un morto e tre feriti. Mentre le perdite dei curdi sono ancora sconosciute.

La rivolta delle tribù arabe nella provincia di Deir ez-Zor è stata sostenuta anche dalle tribù della provincia di Hasaka. Esse hanno espresso la loro disponibilità ad aiutarle nella lotta contro le SDF.

La scorsa notte, persone non identificate hanno sparato alla base delle forze armate statunitensi vicino ad Ash-Shaddadi (Hasaka). A seguito dell’attacco un incendio è scoppiato in una struttura militare americana ma è stato rapidamente spento. Non ci sono informazioni sulle vittime e sui feriti, poiché il Pentagono non ha fornito alcun commento su questo incidente.

Aggiornamento 9 agosto:

Gli anziani e gli sceicchi della tribù Al-Akidat, si sono incontrati con molti leader delle tribù arabe della provincia di Deir Ez-Zor (e forse Hasaka), hanno annunciato la formazione di una forza di resistenza popolare contro l’occupazione americana e le SDF. I leader e gli sceicchi delle tribù arabe hanno annunciato il loro sostegno al presidente Bashar al-Assad e al governo della Repubblica Araba Siriana, nonché il loro rifiuto dell’occupazione americana della provincia siriana.

Secondo numerosi rapporti, diversi comandanti arabi delle SDF si sono già uniti alle forze tribali. È anche molto probabile che all’incontro abbiano partecipato sostenitori dell’esercito siriano e del governo siriano.

Queste circostanze sono state confermate anche dal Centro per la riconciliazione delle parti belligeranti in Siria della Russia il 7 agosto:

Si è verificato un inasprimento della situazione nelle aree fuori dal controllo del governo della provincia della Repubblica araba siriana di Deir Ez-Zor. Un certo numero di insediamenti sulla riva orientale dell’Eufrate SONO STATI presi sotto controllo da unità della milizia tribale araba, che si opponeva alle formazioni armate e alle autorità sostenute dagli Stati Uniti.

La ragione principale delle azioni di protesta della popolazione locale è la difficile situazione socio-economica nelle aree occupate dalle forze armate statunitensi e sotto il loro controllo.

La presenza illegale del contingente militare americano nel Trans-Eufrate siriano è il principale fattore di instabilità sociale e politica, ostacola lo sviluppo del dialogo tra le varie parti del conflitto siriano e il ripristino di una vita pacifica.

La Federazione Russa, insieme al Governo della Repubblica Araba Siriana, è pronta a prendere tutte le misure necessarie per normalizzare la situazione nella Trans-Eufrate, riprendere il dialogo nazionale e garantire la sicurezza e il benessere dei residenti della regione.

@vietatoparlare

fonti: Free News, Vesti, Sana

Exit mobile version