Siria – Quotidiano turco: “L’US Army trasferisce terroristi dell’ISIS nella zona di Hasaka”

Pubblicità

Il 25 gennaio – citando fonti locali – il quotidiano turco Yeni Şafak, ha affermato che le forze statunitensi aiutano i terroristi dello “Stato islamico” a lasciare le aree riprese dalle Forze Democratiche della Siria (SDF)  nel sud-est di Deir-ez-Zor e dirigersi a nord – nella vicina provincia di Hasaka.

“The Coalition stopped the shelling of the town and allowed 7 trucks of humanitarian aid to enter the area, trying to convince the organization’s trapped elements in the town, the last of their strongholds, to surrender themselves without fighting, noting that hundreds of them surrendered with their families on Monday and Tuesday of the coalition forces in the countryside of Deir al-Zour,” Anadolu news agency reported on Thursday.

Un’altra parte delle formazioni dell’ISIS  sarebbe stata portata in un’altra destinazione sconosciuta. Secondo Yeni Safak, gli Stati Uniti starebbero usando le stesse tattiche nell’area come a Raqqa quando – nella fase finale della tempesta della città – hanno lasciato passare 4.000 terroristi.

L’episodio citato è stato confermato e documentato dalla TV inglese BBC in Raqqa’s Dity Secret.

In quell’occasione,  l’esercito degli Stati Uniti fornì ai jihadisti i mezzi di trasporto che permisero loro di andare a Deir ez-Zor – anche senza consegnare le armi – e continuare così la guerra contro l’esercito siriano. Il quotidiano turco presume che ancora si stia così facendo,  e che ci si aspetti che Washington rinvii nuovamente il ritiro delle truppe dalla Siria annunciato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Pubblicità

Naturalmente, la notizia – se vera – nei prossimi giorni troverà altri riscontri.

Nel frattempo, secondo una fonte militare americana sulla sua pagina Twitter (@NotWoofers), le “forze democratiche” curde stanno già entrando in Al-Marashid, che è ancora detenuta dallo Stato islamico. Si sottolinea che i combattenti della SDF avevano già attraversato il ponte nella periferia nord-orientale e vi si sono avvicinati.

Foto in apertura: la sacca dell’ISIS nella zona ovest dell’Eufrate si riduce sempre di più ma l’ISIS contrattacca e una fonte locale  sul microblog twitter (@huseyinbozan) riferisce  che, a seguito di un attacco da parte di terroristi dello Stato islamico nell’est della regione, sono stati uccisi 16 militanti delle forze democratiche siriane ( SDF).