Siria: perché gli USA sono riluttanti sul ritiro?

Pubblicità

In un apparente ribaltone, l’amministrazione Trump sta ripensando alla sua decisione di ritirarsi rapidamente dalla Siria per garantire che l’ISIS sia completamente distrutta e che i turchi non attaccino i curdi siriani. Mentre è del tutto errato vedere i funzionari americani “preoccupati” di ISIS quando hanno fatto il minimo dei combattimenti negli ultimi cinque anni per sconfiggerlo e quando molte delle loro tattiche hanno effettivamente protetto i combattenti dell’ISIS dagli attacchi siriani e russi, la decisione di Ritardare il ritiro comincia a sembrare meno strano quando lo si mette sullo sfondo dell’imperativo occidentale ancora attivo di impegnare l’Iran e la Russia in un lungo conflitto per costringerli a ritirarsi dalla Siria.

Se ciò non può accadere, secondo la logica occidentale, una presenza statunitense farà in modo che la presenza iraniana e russa non ecceda troppo. Abbiamo già mostrato come gli stati arabi sono già tatticamente “abbracciando la Siria per assicurarsi che aumentino la loro presenza attraverso mezzi finanziari, la presenza militare statunitense mira a garantire che anche l’Iran rimanga sotto pressione militarmente.

Parlare di ISIS e curdi, quindi, è solo una cortina fumogena, e dietro tutte le chiacchiere sul ritiro ritardato c’è la paura che Russia e Iran si sentano incoraggiati. Ciò era diventato abbastanza chiaro, pochi giorni dopo l’annuncio del ritiro, che l’ossessione occidentale con Iran e Russia avrebbe finito per sopraffare questa decisione. James Mattis si è dimesso per primo, scatenando un’ondata di altre dimissioni dal Pentagono , e i resoconti dei media occidentali, alleandosi con falchi anti-iraniani nella politica degli Stati Uniti, non hanno perso l’opportunità di entusiasmare completamente la fobia russa e dell’Iran in politica.

Un articolo di Times ha sostenuto che “un ritiro affrettato autorizzerebbe l’Iran non solo in Siria ma anche più ampiamente”, e che “come attualmente stanno le cose in Siria, se gli Stati Uniti si ritirassero dal nord-est, l’Iran sarà in grado di Usa le entrate petrolifere della zona per compensare alcune delle perdite economiche che sta subendo in seguito alla reintroduzione americana delle sanzioni dopo che Trump ha ritirato l’accordo sul nucleare. “

In quanto tale, il ritorno iraniano dalla Siria è visto come necessario non solo in termini di porre fine all’influenza crescente del paese in Medio Oriente, ma anche cruciale per il successo delle sanzioni statunitensi al fine di frenare la capacità iraniana di “minacciare” o “attaccare” ‘altri paesi regionali come Israele. Di conseguenza, come sostiene il Times, una presenza iraniana non controllata “sarebbe una cattiva notizia per la sicurezza di Israele”.

Inoltre, i falchi occidentali, sia ufficiali che non ufficiali, credono anche che una presenza iraniana creerà le condizioni per il ritorno di ISIS 2.0. Un rapporto di Bloomberg, che cita il rappresentante speciale di Trump per la Siria, James Jaffrey, ha affermato che “un ritiro senza un piano per proteggere i civili dalle bombe a botte e dalle milizie sostenute dall’Iran creerà lo stesso tipo di apertura di al Qaeda e lo Stato islamico ha già catturato. “Questo è solo un modo elegante per dire che gli Stati Uniti non devono ritirarsi a meno che l’Iran non sia completamente riportato alle condizioni pre-belliche. Questo è anche un modo elegante per dire che, a meno che gli interessi principali di Israele non siano completamente protetti, il ritiro non deve avvenire.

Gli israeliani, come ci si poteva aspettare, furono pronti a dipingere questa situazione in termini di “soli” nella guerra all’Iran. “Questo ci lascia soli nell’arena con i russi”, ha dichiarato a New York Times Michael Herzog, ex funzionario della difesa israeliano, aggiungendo che “siamo soli nella battaglia contro l’Iran in Siria”, confermando così che le presunte minacce di L’ISIS che riacquista forza e che la presenza iraniana potrebbe creare un altro ISIS ha il solo scopo di rivestire di zucchero le vere ragioni dietro l’opposizione contro il ritiro.

Il rapporto di Brookings è stato il più acuto di tutti, affermando che “il ritiro dalla Siria permetterà un’architettura di sicurezza dominata dalla Russia nella regione e accelererà l’egemonia dell’Iran. Mentre l’egemonia iraniana sarà inaccettabile in tutta la regione, altri paesi del Medio Oriente sono troppo deboli per affrontare efficacemente l’Iran senza il supporto e la leadership degli Stati Uniti. Nel migliore dei casi, se lasciato a combattere da soli, gli alleati dell’America possono sostenere la guerra per procura, ma creeranno solo un mal di testa per l’Iran e la Russia “.

Pubblicità

Ora che è accaduto il cambio di turno, il ruolo centrale è stato interpretato nientemeno che da Lindsey Graham, le cui opinioni anti-Russia e anti-Iran non sono nuove e che hanno continuato a saltare la decisione di Donald Trump di ritirarsi dalla Siria, dicendo che “un ritiro americano in questo momento sarebbe una grande vittoria per ISIS, Iran, Bashar al Assad in Siria e Russia. Temo che porterà a conseguenze devastanti per la nostra nazione, la regione e in tutto il mondo. “

Un’opportunità per la pace persa?

Di conseguenza, la svolta di Trump conferma che i falchi negli Stati Uniti hanno prevalso con successo e che l’opportunità di una pace negoziata è andata perduta. Ad esempio, gli Stati Uniti erano già nel bel mezzo del coordinamento del suo ritiro con la Turchia quando i falchi hanno attaccato, ponendo la precondizione della certezza turca di non attaccare i curdi.

Trump aveva parlato due volte con Erdogan prima che la notizia di un giro di ritorno colpisse i media. In questi colloqui, Erdogan e Trump avevano concordato di “assicurare il coordinamento tra i militari, diplomatici e altri funzionari dei loro paesi per evitare un vuoto di potere che potrebbe risultare in seguito a qualsiasi abuso della fase di ritiro e transizione in Siria”, dimostrando che la presunta minaccia di un’offensiva turca a tutto campo sui curdi è solo una malriposta e la discussione di Trump e Erdogan non è stata influenzata da questa minaccia, né da una prospettiva di questa minaccia. Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva anche confermato che si sarebbe recato in Russia per “valutare il processo” del ritiro delle forze USA,

Questa pre-condizione significa che gli Stati Uniti ora coinvolgeranno la Turchia per primi in “duro affare” rispetto alla sua politica curda; mentre il punto della questione è che gli Stati Uniti staranno valutando se possono convincere la Turchia dell’imperativo del rallentamento dell’Iran dalla Siria. Basandosi su un’ipotesi di concorrenza tra Iran e Turchia in Siria che gli Stati Uniti possano sfruttare a proprio vantaggio, gli Stati Uniti stanno esplorando le sue opzioni per raggiungere quello che è stato l’obiettivo cardine dell’intera guerra siriana, cioè, una volta per tutte, minare la minaccia iraniana.

Salman Rafi Sheikh, analista di ricerca di Relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, esclusivamente per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Source link