Siria – Ormai solo la pressione degli Stati Uniti sull’Arabia saudita e sul Libano evita alla Siria di reintegrarsi tra gli stati arabi

I leader arabi puntano alla normalizzazione diplomatica con la Siria, ma il veto degli Stati Uniti ostacola il loro percorso.

Siria - Ormai solo la pressione degli Stati Uniti sull'Arabia saudita e sul Libano evita alla Siria di reintegrarsi tra gli stati arabi 1

Il seguente articolo è della rivista online Cradle.co, una pubblicazione guidata da giornalisti che copre l’Asia occidentale che rappresenta le decine di milioni di voci regionali non ascoltate dai media di lingua inglese del mondo. Cradle – che in inglese vuol dire culla – è stata scelta dagli editori per ricordare che la culla del genere umano è l’Asia, “L’Asia occidentale è l’inizio della storia in tanti modi, ma oggi la regione ha perso le sue radici soprattutto perché gli stati non sovrani fungono da pedine nei calcoli geopolitici dell’Altro”. L’articolo che segue – tratto da Crodle – ricorda che gli stati arabi si stanno mettendo in fila per ristabilire le relazioni con la Siria, ma affrontano un duro veto americano.

@vietatoparlare


Gli stati arabi si avvicinano alla riconciliazione con la Siria

Sono passati dieci lunghi anni da quando gli Stati Uniti ei loro alleati regionali hanno lanciato la loro guerra per procura contro la Siria, una guerra che ha causato un’incommensurabile tragedia umana e, con il ruolo politico diminuito della Siria, un pericoloso squilibrio regionale. Eppure, gli Stati del Golfo e la Giordania si stanno appena rendendo conto dei pericoli di lasciare la Siria al riparo dal freddo.

Storicamente, dal crollo dell’Unione Sovietica, Damasco ha mantenuto un alto livello di competenza e influenza diplomatica, costringendo persino gli Stati Uniti a comunicare attraverso Damasco come mezzo di contatto tra le potenze regionali.

La Siria moderna è stata effettivamente un ponte tra gli stati arabi del Golfo Persico e Teheran, un baluardo contro gli sforzi espansionistici turchi nel mondo arabo e un fattore politico chiave per garantire un livello minimo di stabilità nella regione.

Ma nel 2003, gli Stati del Golfo hanno messo il loro peso collettivo dietro gli Stati Uniti nella loro guerra all’Iraq e poi, dal 2005, nelle loro macchinazioni contro la Siria. Nel 2011, tremando sulla scia delle rivolte arabe, i principali Stati del Golfo hanno sostenuto pienamente la guerra per procura internazionale e terroristica contro la Siria, senza comprendere le ripercussioni del declino regionale di Damasco sui propri destini.

Dei più fedeli alleati arabi degli Stati Uniti, solo l’Egitto, con la sua profonda eredità politica, ha mantenuto un minimo di relazioni di sicurezza politica con la Siria, anche durante i giorni del presidente egiziano dei Fratelli Musulmani Mohamed Morsi.

Oggi, gli Stati del Golfo e la Giordania sono bloccati tra i propri interessi geopolitici ed economici e l’aggressiva decisione degli Stati Uniti di soggiogare la Siria ad ogni costo. La loro scommessa sul crollo della Siria attraverso la guerra o il blocco economico è fallita, ei tentativi di alterare la posizione di Damasco su Israele, Palestina e l’Asse della Resistenza sono stati controproducenti. Semmai, la relazione Siria-Iran-Hezbollah si è consolidata e rafforzata in anni di combattimenti dallo stesso centro di comando.

La sanguinosa guerra condotta dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati contro lo Yemen si è presto trasformata in una minaccia strategica per la sicurezza dell’Arabia Saudita e per le rotte commerciali marittime degli Stati del Golfo. L’influenza saudita in Libano si è ritirata dal suo consueto terreno di gioco degli affari politico-economici e ha lasciato Riyadh con solo strumenti minori per sabotare e scuotere la stabilità. Ancora più importante, la Siria è ora diventata una base avanzata per le forze russe, offrendo a Mosca una visione strategica del Mediterraneo e un corridoio nell’iniziativa cinese Belt and Road.

Quando le forze siriane liberarono Deir Ezzor dai suoi eserciti mercenari dell’ISIS; quando i punti caldi del conflitto si sono risolti a favore dello stato siriano; quando l’influenza della Fratellanza Musulmana ha attraversato in profondità le zone di comfort di Riyadh; quando le pressioni turche si accumularono; e quando la resistenza militare dello Yemen si è rivelata troppo potente per essere spezzata; solo allora i sauditi hanno cominciato lentamente a fare marcia indietro.

Nel frattempo, paesi come l’Oman, l’Algeria, la Tunisia e l’Iraq, che avevano mantenuto relazioni diplomatiche con Damasco durante il caos, hanno iniziato a chiedere il ritorno della Siria nella Lega Araba.

Il primo passo nel ‘cambiamento del cuore’ di Riyadh è stato un’apertura politica a Damasco non dichiarata. I sauditi hanno lentamente avviato linee di comunicazione segrete, le più importanti delle quali sono presunti incontri tra il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale siriano, il maggiore generale Ali Mamlouk, e il principe Muhammad Bin Salman, e la visita del direttore dell’intelligence saudita Khaled Humaidan a Damasco nel maggio di quest’anno.

All’ordine del giorno dei contatti saudita-siriani ci sono due punti principali: frenare la Turchia e allentare le tensioni con Teheran. Una fonte diplomatica araba conferma che “i sauditi avrebbero quasi aperto la loro ambasciata a Damasco, se non fosse stato per la pressione americana che ha frenato le iniziative saudite”.

Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno mantenuto le linee di comunicazione con la Siria durante la guerra dei 10 anni, sono oggi in prima linea negli sforzi che spingono gli stati arabi verso la normalizzazione delle relazioni con Damasco. Questo ruolo degli Emirati, come descritto da più di un osservatore, è guidato dal desiderio di Abu Dhabi di frenare le ambizioni regionali della Turchia e dalla necessità di bilanciare la sua eccessiva intimità con il nemico israeliano. Fonti confermano anche che gli Emirati Arabi Uniti avrebbero compiuto passi più impulsivi verso Damasco, se non fosse stato per le pressioni americane.

Per quanto riguarda il Qatar, che mantiene ancora l’ostilità verso Damasco derivante dalla sua forte affiliazione alla Fratellanza Musulmana e dalla sua relazione funzionale come artiglio turco nel Golfo Persico, Doha ha annullato il linguaggio incendiario, spesso settario, usato durante la guerra in Siria. Come si evince dalla copertura più recente di Al-Jazeera, il Qatar ha notevolmente cambiato tono, utilizzando ora la terminologia ufficiale dell’esercito arabo siriano (SAA) e il presidente Bashar al-Assad nei suoi rapporti. Nonostante ciò, una fonte siriana afferma che è “Damasco [che] ha delle riserve sul ritorno dei rapporti con Doha, e non viceversa”.

In Giordania, il trono di re Abdallah è sempre più vulnerabile, non ai suoi nemici, ma ai suoi alleati nel Golfo e in Israele, e si è mosso per rafforzare i suoi legami con l’Egitto e l’Iraq e per ristabilire un rapporto con la Siria. Fonti dicono che Abdallah ha discusso della normalizzazione durante la sua ultima visita a Washington, dove ha tentato di ammorbidire la posizione di Washington su Damasco.

La Giordania ha riaperto il valico di frontiera Naseeb-Jaber alla Siria ad aprile – un’ancora di salvezza vitale per l’economia giordana colpita dalla pandemia e in crisi – solo per chiuderlo di nuovo a luglio, quando sono scoppiati  violenti scontri tra militanti di Daraa e SAA. Una riunione ministeriale ad Amman, prevista per l’8 settembre tra i ministri dell’Energia di Siria, Libano e Giordania, sembra essere l’ennesimo passo verso la rottura dell’assedio diplomatico e politico alla Siria.

Ad agosto, il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi ha espresso entusiasmo per aver invitato il presidente Assad a partecipare al suo tanto pubblicizzato vertice di Baghdad. Ma qualcuno all’esterno ha deciso che non doveva avvenire. Fonti irachene hanno detto a The Cradle “I francesi e i turchi hanno ostacolato la partecipazione della Siria al vertice di Baghdad”. Il presidente francese Emmanuel Macron sembra deciso a stabilire un credito internazionale – stabilendo il consenso più auspicabile – per le elezioni presidenziali francesi tra sette mesi.

I francesi non avevano passato anni a lavorare per spodestare Assad, solo per vederlo presentarsi a Baghdad in piedi accanto al loro presidente in servizi fotografici. L’ostruzionismo di Macron non si limita all’Iraq, tuttavia, ma si estende al Libano, dove i francesi sono impegnati in un serio braccio di ferro per impedire una corsa ufficiale libanese verso Damasco. Come accennato, la Turchia ha anche pesato sull’annullamento della visita a Baghdad di Assad in conformità con la continua ostilità di Erdogan nei confronti della Siria, e forse anche per superare in astuzia i suoi nemici degli Emirati.

Di tutti i luoghi, il veto americano sulla normalizzazione araba con la Siria potrebbe alla fine incontrare la sua fine in Libano. L’annuncio del segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah che importerà carburante iraniano per lo stato levantino assediato mette a dura prova i divieti statunitensi meticolosamente costruiti sul commercio arabo con e attraverso la Siria.

La decisione di Nasrallah ha imbarazzato Washington e il suo incapace ambasciatore a Beirut, che si è immediatamente affrettato a revocare unilateralmente il divieto di importazione di carburante attraverso la Siria, a patto che viaggiassero attraverso la Giordania dall’Egitto. Ai libanesi, in definitiva, non importerà da dove provengano le loro tanto necessarie forniture di energia, ma questa mossa americana ha mostrato loro chi è effettivamente responsabile della carenza.

Il capo della sicurezza generale, il maggiore generale Abbas Ibrahim, ha tentato più volte di aprire questi canali di approvvigionamento, ma non è riuscito a causa dei timori libanesi delle sanzioni americane. Allo stesso modo, il presidente libanese Michel Aoun, i cui sforzi e intenzioni sono stati vanificati da un veto statunitense.

Qualunque sia l’esito delle trattative per importare gas ed elettricità dall’Egitto e dalla Giordania in Libano attraverso la Siria, il maggior beneficiario di questa apertura americana è Damasco, che sa cogliere le opportunità quando cadono nel suo grembo. La Siria utilizzerà senza dubbio questa fessura nella porta per coinvolgere nuovamente i partecipanti su varie questioni vitali: la demarcazione dei confini marittimi con Beirut per estrarre petrolio dalla costa siro-libanese,

Il più grande perdente in tutte le questioni – dal ritiro completamente incompetente dell’Afghanistan al crollo dell’assedio siriano – sono gli Stati Uniti d’America, che cercheranno, parallelamente alla continua – ma ora allo scoperto – pressione sul Libano, per cercare di impegnarsi nuovamente con la Siria. Le relazioni degli Stati Uniti con la Siria non saranno mai serie, sempre con l’intento malizioso di servire le proprie ambizioni geopolitiche a spese degli alleati di Damasco e della questione palestinese, e quindi non equivarranno a nient’altro che a fornire ulteriore legittimità allo stato siriano.

Con la stabilizzazione militare e politica della Siria ormai quasi certa, la maggior parte dei paesi arabi che avevano interrotto le relazioni con Damasco hanno, in varia misura, reintegrato i propri rappresentanti diplomatici in Siria, inviando un ambasciatore o un incaricato d’affari nella capitale siriana.

Molti paesi europei, tra cui Repubblica Ceca, Austria, Grecia, Italia, Spagna e Romania, hanno avviato o hanno espresso un piano per riaprire le loro ambasciate a Damasco.

Il ritorno della Siria alla Lega Araba rimane l’ultimo ostacolo nell’intero spettro di un eventuale riavvicinamento arabo, qualcosa di cui tutte le nazioni arabe – e non solo la Siria – hanno urgente bisogno. Gli Stati Uniti, tuttavia, stanno ancora cercando di tenere saldamente le redini di quel cavallo, rifiutandosi di consentire all’Arabia Saudita di prendere la propria decisione in modo indipendente. Ma per il resto del mondo arabo e non solo, una pausa da quel cappio soffocante potrebbe benissimo essere all’orizzonte.

fonte: Cradle

Exit mobile version