SIRIA / Non dimentichiamo i due vescovi rapiti nel 2013 perché quella menzogna che ne fu il contesto, sopravvive

SIRIA / Non dimentichiamo i due vescovi rapiti nel 2013 perché quella menzogna che ne fu il contesto, sopravvive 1

I due arcivescovi di Aleppo, il greco ortodsso Boulos Tazigi e il siro ortodosso Mar Gregorios Yohanna Ibrahim, rapiti il 22 aprile 2013

Il 22 aprile 2013 l’arcivescovo Gregorius Yohanna Ibrahim della Chiesa ortodossa siriana e il vescovo Boulos Yazigi della Chiesa Ortodossa Greca, sono stati rapiti. Insieme a loro viaggiavano  due accompagnatori , il diacono Fathallah Kabud e Fouad Eliya (di questi  il primo viene ucciso e l’altro riuscirà a fuggire). Questo il contesto:  per capire il presente ed onorarli i due vescovi, nella giustizia, perché il mondo sia migliore, per noi, per tutti. Per capire meglio, guardiamo questo breve video di pochi minuti:

[su_divider divider_color=”#2d0dc8″]

A sette anni dalla scomparsa dei due vescovi di Aleppo.

25 aprile da Ora Pro Siria

Di seguito riportiamo l’intero comunicato stampa dei Patriarchi Ortodossi, pubblicato il 22 aprile, anniversario del loro rapimento.  Trad. Gb.P. per OraproSiria

Amati fratelli e figli spirituali,Cristo è risorto! In verità, è risorto! Fratelli miei, vi inviamo il saluto di Pasqua, condividendo le vostre preghiere nelle vostre case piegando con voi le ginocchia del cuore davanti a Cristo, che è stato crocifisso per noi, che è risorto dai morti e ci ha portato alla vita con la sua luce divina, asciugando la polvere dei tempi amari, le ceneri della desolazione e della disperazione delle nostre anime.

Tuttavia, la luminosità della Pasqua rimane imperfetta a causa in particolare della scomparsa dei nostri due fratelli, i vescovi di Aleppo, il metropolita Paul Yazigi e Youhanna Ibrahim, rapiti il 22 aprile 2013.

Oggi ci stiamo rivolgendo a voi con tutto il cuore e al mondo intero, per dirvi che i cristiani di questo Medio Oriente, così come di altre comunità, continuano a pagare il pedaggio del terrorismo e della violenza con le loro vite e le loro persone: sfollamenti, rapimenti, omicidi e molte altre avversità.

Nonostante tutto ciò, rimangono fedeli alla loro promessa d’amore per Gesù Cristo, come il Signore che li ha redenti sulla Croce e li ha stabiliti in questa regione dell’Est duemila anni fa, al fine di trasmettere la luce del suo Vangelo.Dal loro rapimento fino ad oggi, le migliaia di tentativi e gli innumerevoli sforzi fatti per ottenere informazioni sul destino dei due vescovi sono stati vani.

Tutto questo in mezzo a masse di dati, indizi, analisi e sondaggi che spesso complicano e scompigliano tutte le prospettive. Da allora sono trascorsi 2.557 giorni e non abbiamo risparmiato alcuno sforzo per portare a buon fine la questione e, in definitiva, raggiungere la tanto desiderata liberazione dei due vescovi, che speriamo possano essere presto di nuovo tra noi.

Non abbiamo risparmiato percorsi locali, regionali o addirittura internazionali per chiedere a governi, organizzazioni, figure influenti e poteri politici di portare all’attenzione questa vicenda su più forum globali. Questo, tra gli altri sforzi. Ringraziamo sinceramente tutti coloro che hanno dato il loro aiuto e contribuito a livello umanitario, mediatico, diplomatico, di sicurezza o politico, sia ufficiale che personale.

Queste persone hanno portato una luce di speranza in questa notte buia e dolorosa quando la negligenza e il silenzio della comunità internazionale hanno affossato questa importante ed essenziale causa umanitaria, minando ogni tentativo di trovare soluzioni.

Oggi, dopo aver posto davanti ai nostri occhi l’immagine dei due vescovi, i nostri fratelli che sono in costante preghiera per tutti noi, chiediamo a tutti i fedeli, ovunque si trovino, di pregare per loro in questa settimana speciale. Chiediamo loro di pregare per i due vescovi e per ogni persona rapita, scomparsa e sfollata, per chiunque sia stato intrappolato in una situazione drammatica, ma che ha trovato speranza e consolazione nella Croce di Cristo, ed è stato fortificato dalla sua Risurrezione gloriosa e vittoriosa.

Il valore dell’essere umano in questo Oriente non è inferiore a quello degli altri umani. Questa pandemia che sta devastando il mondo – possa Dio preservarci da essa – è una chiara prova che in tutte le circostanze, al di là di ogni considerazione di razza, religione o nazione, siamo tutti fratelli nell’umanità, tutti sulla stessa barca in questo Oriente e nel mondo intero.Se solo gli uomini potessero esserne consapevoli! Se solo i politici e coloro che si occupano di affari mondiali potessero rendersi conto che gli esseri umani sono della stessa natura e condividono la stessa dignità, indipendentemente dalle loro differenze di Paese, di patria, di lingua, di civiltà e di religione!

Nonostante la sua amarezza, l’epidemia è arrivata a dirci che condividiamo un’esistenza comune e la stessa fraternità umana in questo vasto mondo. Se solo fosse chiaro agli occhi e alla coscienza di coloro che violano la dignità del loro fratello, senza sapere che questa follia si ribellerà contro di loro e che alla fine la loro stessa dignità sarà sminuita! Soprattutto, dobbiamo tutti difendere la vera dignità umana; dobbiamo essere consapevoli che la dignità, la vita e l’esistenza dei nostri simili fanno parte del nostro cuore, della nostra stessa esistenza e del nostro essere.

Come cristiani del Levante, siamo profondamente radicati qui fin dai tempi antichi. Le nostre radici non appassiranno mai. Da queste radici scaturisce la vasta oasi che è la presenza cristiana di Antiochia in Oriente e in tutto il mondo, un’oasi fiorente profumata dalla testimonianza della fede cristiana verso il glorioso Signore Gesù Cristo e dall’amore per il prossimo proveniente da ogni punto dell’orizzonte. La storia ha insegnato a tutti noi che non abbiamo bisogno della protezione di nessuno e che non cerchiamo la protezione di nessuno. Siamo una componente essenziale di questo Oriente con tutti i suoi meandri e ramificazioni. Dato il nostro ruolo, la logica della minoranza in opposizione alla maggioranza scompare e viene sostituita dalla logica dell’incontro e del dialogo, nonché dal ruolo pionieristico guidato da cristiani e da altri. Non siamo e non saremo mai una carta da giocare per gli scopi di nessuno. Piuttosto, costituiamo una testimonianza di esistenza e autenticità, un ponte di dialogo e incontro tra Oriente e Occidente, tra il Cristianesimo e altre religioni. Preghiamo oggi per i nostri due fratelli vescovi e per tutti coloro che sono stati rapiti, ricordando che non risparmieremo alcuno sforzo per difendere questa causa e condurla al risultato desiderato, tanto atteso da tutte le anime cristiane, da tutto il popolo del Levante e da tutte le persone di buona volontà. Dicendo questo, attestiamo che la Via Crucis si è conclusa con un’alba di Risurrezione. Oggi preghiamo Gesù Cristo, il Signore della Risurrezione e il sovrano della vita, che rotoli la pietra tombale con la sua Croce e faccia gioire i nostri occhi della luce della Risurrezione. Preghiamo per la pace nel mondo che sta soffrendo l’epidemia. Preghiamo per questo Oriente che in tutti i suoi territori cerca l’alba della risurrezione dal Golgota e dalla Croce. Preghiamo per i nostri figli di Aleppo, ai quali in particolare trasmettiamo la pace di Pasqua, chiedendo al Signore della Resurrezione di far rinascere la speranza nei loro cuori e nei nostri. Con voi, fratelli, le nostre anime si inchinano in preghiera, i nostri cuori sono accesi come tante lampade ad olio negli angoli delle nostre case davanti al Signore Gesù Cristo che è risorto dalla tomba. Preghiamo per la pace nel mondo e per il ritorno di tutti gli ostaggi, mentre illuminiamo i nostri cuori e le nostre anime con la speranza pasquale, cantando: “Cristo è risorto dai morti, con la morte Egli ha fatto cadere la morte, a quelli che sono nelle tombe Egli ha dato la vita ”.

Damasco, 22 aprile 2020 Sua Santità Mor Ignatius Aphrem II°, Patriarca di Antiochia e di tutto l’Oriente e Capo supremo della Chiesa siro-ortodossa Sua Beatitudine Giovanni X°, Patriarca di Antiochia e dell’intero Oriente della Chiesa greco-ortodossa https://orthodoxie.com/sept-annees-se-sont-ecoulees-depuis-la-disparition-des-deux-eveques-dalep/

Testimonianza di S.B. Ignace Youssef III Younan , Patriarca siro-cattolico di Antiochia dei Siria trasmessa in streaming lunedì 20 aprile durante la recita mensile del Rosario per i Cristiani Perseguitati promossa dal Comitato Nazarat

Exit mobile version