SIRIA – L’ora ‘X’ della Turchia contro i curdi è passata, ecco alcuni scenari

L’annunciata offensiva turca al nord della Siria (principalmente attraverso le forze filo-turche), ancora non si vede. Due giorni fa era data per imminente ed avrebbe dovuto iniziare il 2 novembre.

Mentre si attende l’ora X, diverse fonti segnalano che le forze russe sono molto attive specialmente con aerei ed elicotteri di combattimento vicino al confine turco a nord della Siria.

Inoltre, nei giorni scorsi sono stati segnalati addestramenti aerei congiunti tra forze russe e siriane.

In particolare, le forze aerospaziali russe, insieme all’aviazione siriana, si addestreranno nel nord-est della Siria. Nell’esercitazione, particolare enfasi è posta sulla distruzione di bersagli terrestri e sul trasferimento di aeromobili a nuovi aeroporti.

In particolare dodici Mi-8 e cinque elicotteri d’attacco Ka-52 saranno trasportati in aereo all’aeroporto dell’ex base statunitense vicino alla città siriana di Metras.  Mentre 12 bombardieri Su-34 e cinque Su-35 multiruolo si ridistribuiranno all’aeroporto di Qamyshli e condurranno attacchi di addestramento. L’aeronautica siriana porterà i velivoli MiG-29.

All’addestramento prenderanno parte anche le forze di difesa aerea. Data l’esperienza acquisita durante lo svolgimento delle ostilità, è altamente probabile che l’accento sarà posto sulla lotta agli UAV d’attacco.

Secondo le informazioni diffuse dai media russi, le esercitazioni sono in funzione anti ISIS, ma anche in prospettiva del minacciato attacco filo-turco e turco. Secondo le informazioni ricevute da una fonte esperta del dipartimento della difesa russo, tutte le misure sono state coordinate con le formazioni curde.

Comunque Federazione Russa ha avanzato una serie di richieste perentorie alla Turchia.

La Russia ha richiesto alla Turchia di mantenere il proprio contingente a Kobane e che nessuno deve occupare l’area in questione. Inoltre, l’autostrada M4 dovrà rimanere sotto il controllo della Federazione Russa e della Turchia.

Finora non ci sono grandi combattimenti ma sono segnalati: un UAV turco ha colpito uno delle postazioni YPG vicino all’insediamento di Bir Arab nel sobborgo di Tell Abyad. A seguito dell’attacco, 3 persone sono state uccise.

È anche da segnalare:

1. Le forze armate turche hanno inviato rinforzi attraverso il checkpoint di al-Yabis nell’area di Tell Abyad nel nord della provincia di Raqqa.

2. Nella zona di n. Besratun, nella parte occidentale di Aleppo, ci sono stati scontri tra SAA e SNA, a seguito dei quali sono stati uccisi due combattenti SNA.

3. Artiglieria turca ha colpito le posizioni delle SDF ad Ain Issa nella parte settentrionale di Raqqa.

4. La polizia militare russa ha pattugliato l’autostrada M4 nel nord della provincia di Hasaka.

5. I membri delle YPG hanno trasferito diverse famiglie dei loro combattenti da Ain Issa a Raqqa.

6. Continuano gli attacchi aerei russi mirati in provincia di Idlib, vedi qui:  https://t.me/warjournaltg/10662 e qui: attacco postazione miliziani filo turchi.

7. Il  il noto analista turco Omer Ozkizilchik , caporedattore della testata specializzata “Süriegündemi” ha segnalato che “Gli SU-35 russi sono stati dislocati all’aeroporto di Qamishly. Questo è importante in quanto lo spazio aereo è controllato dagli Stati Uniti. La loro presenza richiede l’approvazione degli Stati Uniti.
Questo mi ricorda come i funzionari del CENTCOM abbiano consegnato la base statunitense di Manbij alla Russia per impedirne la cattura da parte di TAF-SNA nel 2019. Ciò si verifica durante il periodo di crescente presenza turca sull’asse Tal Abyad-Rasulain. A quanto pare, Russia e CENTCOM hanno deciso di collaborare per prevenire la superiorità aerea della Turchia”.


(2 novembre 2021. Ka-52 e Mi-8 nell’area di Ain Issa)

Possibile bluff

Alcune altre considerazioni:

Quindi secondo gli accordi il primo novembre era la data finale per i turchi per lasciare Idlib. Stranamente i turchi hanno annunciato una offensiva contro i curdi per il 2 novembre.

Queste circostanze si prestano a interpretazioni. Secondo gli analisti russi la Turchia si fingerebbe pronta a organizzare una nuova operazione contro i curdi e catturare Tel Rifat, Manbij, Kobani, Tel Tamer, Ain Issu, forse Malikia nell’estremo nord-est della Repubblica siriana.

Tuttavia in quelle zone ci sono cinque città sotto il protettorato della Russia e la regione di Malikia, Hasake sotto il protettorato degli Stati Uniti.

Quindi, secondo gli analisti, la Turchia sta bluffando, ovvero sta minacciando di usare la forza per contrattare, cercando di strappare condizioni migliori, minacciando un’operazione affinché la Russia abbandoni l’operazione a Idlib.

Idlib posizioni turche
Idlib posizioni turche al 1 nov 2021

E’ evidente che in queste condizioni, è praticamente impossibile effettuare un attacco incontrastato contro i curdi, senza uno scontro con l’esercito siriano e con le forze russe. In questo caso non si tratta di Afrin, ove i curdi locali non hanno mai lasciato entrare le forze siriane e quindi hanno perso tutto.

A Tel Rifat, Tel Tamera, Ain Issa sono presenti contingenti della SAA e della polizia militare russa. Vicino a Manbij e Kobani ci sono i russi e l’esercito siriano è nelle vicinanze. E almeno qui la Russia ha detto chiaramente che Kobane non deve essere toccata.

Quindi ci sono varie interpretazioni di ciò che accadrà:

– tutto questo clamore, sarebbe stata messa in moto per far cessare le operazioni su Idlib – lasciare che la provincia continui ad essere sotto dominio formale turco;

– all’estremo, i turchi possono andare via da Idlib, ma prenderebbero del territorio ai curdi.

La psicologia e la lista dei desideri dei turchi sono proprio così, non vogliono perdere ciò che hanno catturato oppure potrebbero essere disposti a scambiare con una equivalenza.

Ma non possiamo guardare lo sviluppo bellico senza guardare la condizione della Turchia in questo periodo, che non è certamente florida.

Infatti, la lira è scesa a 10 lire contro un dollaro. Questo nello specifico significa che in Turchia c’è inflazione e progressivo impoverimento della popolazione.

Quindi Erdogan si sta indebolendo di fronte i gravi problemi economici, In precedenza, Erdogan e il suo partito erano sostenuti da due terzi del Paese. Un terzo era per l’opposizione. Ora la situazione è opposta. Se domani si tenessero le elezioni, parlamento e governo sarebbero all’opposizione.

Il leader dell’opposizione Kemal Kilicdaroglu visita la banca centrale della Turchia come se fosse un funzionario ad interim, invita i funzionari pubblici a non rispettare gli ordini della leadership turca, colpisce i punti dolenti di Erdogan. Qualche tempo fa: “Cosa ha fatto il signor presidente dopo che i russi hanno bombardato i nostri soldati in Siria l’anno scorso, il signor Erdogan è andato urgentemente a Mosca e ha ha fatto una lunga anticamera prima di essere ricevuto dal presidente Putin”.

Le autorità turche hanno lanciato una campagna di purghe delle forze di sicurezza, temendo un colpo di stato, i supermercati sono stati multati per i prezzi gonfiati, anche se questo non aiuterà la lira, ma colpirà gli affari.
In precedenza, la Turchia è stata aiutata dal Qatar, che ha costantemente offerto miliardi di dollari in uno scambio. I turchi hanno “difeso” il Qatar dai sauditi con la loro base, avevano interessi comuni in Libia, quindi hanno scosso il Qatar quando necessario.

Ma quest’anno c’è stata una riconciliazione tra Qatar e sauditi e un tentativo di stabilizzazione riuscito finora in Libia. Quindi il violinista non è più necessario.

E il Qatar non dà miliardi alla prima richiesta dei turchi. Quindi la lira vola giù. Le festività natalizie hanno salvato la Turchia, altrimenti la lira sarebbe crollata di più. Ma ora i prezzi dell’energia sono aumentati ed in Turchia c’è una nuova ondata della pandemia.

Gli investitori stanno ritirando i beni dalla Turchia, e ci sono le sanzioni con gli Stati e l’UE.

Come combattere in Siria in tali condizioni, quando la lira crolla ancora di più, e quindi la disobbedienza dell’esercito e dei servizi speciali è possibile sulla scia dei disordini. I disordini ovviamente saranno guidati dall’opposizione.

Quindi qualsiasi movimento brusco del presidente turco significa ancora più cedimento economico, ancora più malcontento pubblico, che penetrerebbe sia nell’esercito che nell’apparato statale. E in questo contesto, le autorità turche minacciano la guerra con i curdi, che sono sotto il protettorato di Russia e Stati Uniti.

Quindi questa paventata guerra in Siria non convince. Bluffano, contrattano, ma non sono pronti a incastrarsi, non c’è un backgrund affidabile.

Attualmente SAA è lungo la linea di contatto con i turchi da Latakia a Qamishli. Le forze aerospaziali russe continuano a bombardare, l’artiglieria siriana è al lavoro ogni giorno in tutta Idlib. Suheil Hasan incontra continuamente le tigri. Tutti stanno aspettando lo sviluppo degli eventi. Ma questo scenario del bluff o del mezzo bluff, potrebbe essere attendibile.

Vp News

CORRELATI:

El Baba e Al-Tadef, elicotteri russi volano sopra i territoti occupati dai filo-turchi durante l’operazione turca “Scudo dell’Eufrate”: Nei social network, i fan dei gruppi di opposizione hanno già espresso la loro insoddisfazione per il fatto che Ankara permetta all’aviazione russa di volare con calma e senza paura nei “territori liberati” proprio sopra i tetti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.