SIRIA – L’opposizione siriana, la cui presenza detta legge su tutto il popolo siriano, non vincerebbe mai le elezioni

Le elezioni presidenziali siriane si terranno il 26 maggio ma l'opposizione siriana tanto amata in occidente è totalmente screditata nel paese. Quindi boicotta le elezioni , per vincere 'facile facile' con le sanzioni e con il sangue.

SIRIA - L'opposizione siriana, la cui presenza detta legge su tutto il popolo siriano, non vincerebbe mai le elezioni 1

Quando sai di non poter vincere, dì che elezioni ‘non sono libere e giuste’. L’articolo è di SOS Chrétiens d’Orient, non dice questo espressamente, ma se si dice la verità, si vede lo sfondo:

Alexandre Aoun intervista Alexandre Goodarzy, vicedirettore delle attività di SOS Chrétiens d’Orient.

E se, nonostante le pressioni occidentali, Bashar al-Assad andasse verso una rielezione sinonimo di un quarto mandato? Il capo del Parlamento siriano, Hammouda Sabbagh, ha annunciato domenica 18 aprile che le elezioni presidenziali si terranno il 26 maggio. Per il momento, Bashar al-Assad, che governa la Siria dal 2000, è il favorito per le elezioni. Nel 2014, ha trionfato con l’88% dei voti.

Dal 19 aprile altri candidati potranno unirsi alla corsa se ottengono le firme di 35 deputati. Oltre a questo requisito, secondo l’articolo 88 della Costituzione siriana, il candidato deve avere più di 40 anni, essere siriano di nascita. Lui o lei deve anche aver risieduto nel paese negli ultimi dieci anni prima della candidatura e non essere stato condannato da tribunali. Nel 2014, due avversari sono stati autorizzati a correre. Ad oggi, l’Assemblea popolare siriana ha approvato le candidature di Abdallah Salloum Abdallah e Mohammad Firas Yassin Rajouh.

L’elezione arriva dopo le devastazioni di dieci anni di aspro conflitto. Secondo Alexandre Goodarzy, vice direttore delle operazioni e responsabile dello sviluppo di SOS Chrétiens d’Orient e autore di ‘Guerrier de la paix’ (pubblicato da Le Rocher), la popolazione siriana è avvilita, nonostante queste elezioni:

“Ci sono due tipi di discorso in Siria. C’è quello patriottico con i sostenitori del partito Baath. E c’è il discorso fatalista, per loro queste elezioni non cambieranno nulla. Quest’anno, non ci saranno parate o manifestazioni di massa, questa non è la preoccupazione principale della gente”, spiega a Spuntik.

Il presidente siriano controlla tre quarti del paese. Con l’aiuto dei suoi alleati iraniani, russi e libanesi, ha riconquistato e messo in sicurezza diverse città strategiche. “Controlla la Siria utile”, riassume l’attivista umanitario.

Tuttavia, una parte del territorio gli sfugge. La località di Idlib nel nord-est rimane amministrata da jihadisti filo-turchi e il nord rimane sotto l’influenza turca dall’intervento militare di Erdogan nell’ottobre 2019. L’Est del paese, nel frattempo, è più o meno controllato dalle forze curde, a loro volta sostenute dall’Occidente.

Alla fine, le elezioni presidenziali siriane non riguardano tutta la Siria. “Una opportunità per Bashar al-Assad”, pensa il nostro interlocutore. Infatti, i siriani che vivono nelle zone amministrate da Damasco tendono ad essere a suo favore, “solo l’opposizione interna a Deraa rimane presente, ma è controllata e contenuta”, sottolinea.

“Non ci saranno sorprese nonostante il desiderio di aprire le elezioni ad altri candidati”, ritiene Goodarzy. Il partito Baath rimane in maggioranza. Ma rimangono diverse piccole formazioni. Sono generalmente di orientamento nasserista e nazionalista, ma “questo non è un grande pericolo per Bashar” agli occhi del membro di SOS Chrétiens d’Orient. Gli altri due candidati presidenziali sono del Partito Socialista Unionista e delle Forze Democratiche Nazionali, due movimenti vicini all’attuale presidente.

“Il governo siriano accusa l’asfissia economica (embargo) di offuscare l’immagine della Siria e, in definitiva, di screditare Bashar al-Assad. Gli Occidentali travisano la realtà siriana. Ignorano quello che succede sul terreno e danno credito a un’opposizione che vive all’estero”, dice l’uomo sul campo.

In effetti, è probabile che l’opposizione siriana eviti le elezioni presidenziali. Un membro dell’opposizione siriana ha persino descritto il voto come una “mascherata”.

Anche l’Occidente si è affrettato a commentare le prossime elezioni. In una dichiarazione congiunta, Stati Uniti, Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno detto a metà marzo che “le elezioni presidenziali siriane previste per quest’anno non saranno libere o giuste, né dovranno portare a una normalizzazione internazionale del regime siriano”. In altre parole, non riconosceranno il verdetto delle urne.

Dopo aver cercato di rovesciare militarmente il presidente siriano, l’Occidente mantiene dunque la sua pressione sulla Siria attraverso il giogo di sanzioni economiche. Entrata in vigore nel giugno 2020, la legge Caesar impedisce a Damasco di commerciare con il mondo esterno. Così il paese vive in una sorta di “embargo”, spiega il nostro interlocutore. Presente dal 2015 sul terreno, descrive la situazione come “un inferno per la popolazione”. “Tutti i siriani stanno lottando per vivere e nutrirsi”, riferisce.

Mentre la Siria sta soffocando, l’Occidente si limita ad aiutare i paesi ospitanti a gestire il flusso di rifugiati siriani, deplora Alexandre Goodarzy, che si aspetta il peggio: “Non vogliono vedere le conseguenze delle loro azioni”.

“L’Occidente sta giocando un gioco pericoloso. L’embargo è un’arma a doppio taglio. Imponendo la miseria alla regione, crea i jihadisti di domani”, avverte Alexandre Goodarzy.

traduzione: OraproSiria  – fonte Ora Pro Siria

https://sptnkne.ws/FYV5

 

Exit mobile version